gpt
gpt
gpt
1 5

Come togliere la pelle morta dell'abbronzatura

/pictures/2016/07/27/come-togliere-la-pelle-morta-dell-abbronzatura-2733227201[1000]x[417]780x325.jpeg
gpt

A fine estate o immediatamente dopo una brutta scottatura è molto frequente spellarsi: ecco come prevenire il fenomeno ma anche come togliere la pelle morta dell'abbronzatura

Come togliere la pelle morta dell'abbronzatura

Se ti sei fatta prendere un po' la mano con l'abbronzatura selvaggia è molto probabile che molto presto ti ritroverai a fare i conti con la famigerata spellatura e con la pelle morta: si tratta di un problema non certo grave, ma decisamente antiestetico e fastidioso. Oltre a fungere da monito per esporsi al sole in maniera più attenta, la pelle morta può essere eliminata in maniera "pulita", senza lasciare residui e allo stesso tempo rispettando la pelle nuova sottostante. Vediamo di capire perché si verifica la spellatura, come evitarla, e come affrontarla quando il danno è ormai fatto.

Pelle morta dopo la scottatura, come toglierla

Perchè ci spelliamo

Non è un mistero che il sole ha un'azione fortemente aggressiva sulla pelle. Per questo - anche se spesso veniamo tentati dall'idea di un'abbronzatura rapida ottenuta come sostanze poco convenzionali come la birra - proteggersi è assolutamente fondamentale. Quando la protezione non è adeguata infatti la pelle viene letteralmente ustionata dal sole e va a disidratarsi in maniera profonda. Il nostro corpo, per difendersi da questa aggressione, fa sì che lo strato più superficiale della pelle vada a indurirsi più del normale. A questo indurimento segue una desquamazione: mentre la pelle "nuova" viene in superficie, quella vecchia viene "buttata fuori", andando a creare la caratteristica spellatura.

Come prolungare l'abbronzatura

La spellatura può avvenire già nel giro di pochi giorni dopo una forte scottatura o bruciatura, oppure può arrivare a fine stagione, se nel corso dell'estate ci si è esposti al sole in maniera continuativa e con scarsa protezione, pur senza essersi mai procurati un'ustione particolarmente grave.

Come evitare la spellatura

L'unico vero modo per prevenire la spellatura è proteggersi quando ci si espone al sole. Bisogna fare attenzione a mettere tassativamente la crema solare, con protezione 30 per le prime esposizioni, e poi almeno 20 quando si è preso colorito. La crema va applicata ancora prima di esporsi al sole, e va poi applicata più volte durante la giornata.

Melanina, pelle e abbronzatura

A volte questo non basta: bisogna fare attenzione anche a non esporsi in maniera troppo prolungata e indiscriminata, specie nelle ore più calde della giornata. Inoltre bisogna cercare di restare sempre idratati, bevendo molta acqua, e più in generale seguire un'alimentazione sana ricca di frutta e verdura. Infine è importante idratare bene la pelle anche dopo l'esposizione al sole, utilizzando una crema doposole lenitiva e molto idratante.

Osservare questi accorgimenti, oltre ad evitare le spellature di fine stagione, aiuta a mantenere un'abbronzatura bella e molto duratura.

Togliere la pelle morta con lo scrub

Lo scrub è indubbiamente il metodo più utilizzato per sbarazzarsi della pelle morta. In generale è indicato farne uno una volta a settimana o ogni 10 giorni come routine di bellezza per la pelle del corpo. Ma in caso di spellamenti lo scrub diventa a dir poco fondamentale, e va effettuato anche a cadenza giornaliera per normalizzare la pelle. Oltre a fare lo scrub si può utilizzare sotto la doccia anche un guanto di crine. Lo scrub, oltre a tirar via la pelle "vecchia" (cioè la spellatura vera e propria) ha anche un'azione stimolante sulla pelle sottostante, che in questo modo si rigenera più velocemente. Il bello dello scrub è che è possibile farne molto facilmente uno in casa con ingredienti che tutti abbiamo in dispensa: qui trovate alcune ricette per scrub fai da te da fare in casa.

Dopo lo scrub - e soprattutto se si è reduci da una scottatura - può essere utile mettere sulla pelle delle fettine di pomodoro, che hanno azione calmante e tonificante.

Spellatura e idratazione

Una volta fatto lo scrub è fondamentale idratare la pelle utilizzando una crema molto ricca, o anche un olio naturale. I migliori sono l'olio di calendula (lenitivo) e l'olio di mandorle (ottimo per aumentare l'elasticità e la morbidezza della pelle). Altre sostanze naturali molto indicate sono l'aloe vera e il burro di karitè: potete usarli puri o scegliere creme idratanti che li contengano.

I cibi che fanno abbronzare

Come evitare la desquamazione: altri accorgimenti

A volte la desquamazione della pelle peggiora a causa dell'attrito a cui sottoponiamo la nostra pelle. Ad esempio vestiti attillati o sintetici non aiutano, perchè andando a sfregare sulla pelle peggiorano e rendono più evidente la spellatura. Meglio quindi scegliere abiti larghi e in tessuti naturali, e fare attenzione anche alle lenzuola: quelle più delicate sulla pelle sono quelle in seta.

Quando si verifica la spellatura il nostro primo impulso è quello di mettersi a tirare le pellicine e strappar via la pelle morta come fosse una pellicola. Questo gesto è assolutamente da evitare: la pelle morta deve venir via da sè, al massimo con l'aiuto dello scrub.

Come mantenere l'abbronzatura estiva

Chiazze di colore sulla pelle dopo la spellatura

Molto spesso la spellatura si verifica in maniera irregolare, e quando la pelle vecchia va via a pezzi può lasciare delle sgradevoli macchie cromatiche. In questo caso l'unico rimedio è portare pazienza e continuare con gli scrub delicati, utilizzando magari un prodotto a base di olii naturali, che mentre esfolia idrata anche la pelle.

Per camuffare la discromia c'è poi un trucchetto: si può utilizzare un poco di autoabbronzante, magari unito alla crema idratante da applicare dopo lo scrub.

Spellatura del viso

La spellatura post abbronzatura, che molto spesso si localizza sulle spalle e sulla schiena, può comparire anche sul viso, specie per chi ha la pelle più sensibile e secca. In questi casi è utili optare per uno scrub molto delicato, per poi idratare la pelle con un siero molto nutriente.

gpt
gpt