strip1-blog
1 5

Posso farti del cunnilingus?

A volte una frase, ma anche solo una parola possono raffreddare anche gli spiriti più bollenti. Purtroppo a me è successo

Jane


Non è che ci tenessi molto a scrivere questo post. Ne avrei fatto volentieri a meno e mi sarei goduta una bella notte di sesso con un nuovo ragazzo estremamente bello. E invece mi trovo qui a scrivere delle mie disavventure sperando di farvi cosa gradita, per cogliere almeno una risata in una situazione che a ma lì per lì ha fatto più piangere che ridere.

Ma veniamo al dunque: interno notte, casa sua. Ci siamo conosciuti da poco ma pare proprio che entrambi ci troviamo sull'obiettivo reale della nostra conoscenza: ovvero finire a letto, il più presto possibile. Non finiamo a letto, finiamo sul pavimento. Perchè appena varcata la porta di casa i vestiti volano qua e là e il letto è al secondo piano, quindi lontanissimo, inarrivabile. Lui è bello bello, nudo è anche meglio... e siccome non capita sempre mi lascio andare alla svenevolezza dell'ottima conquista e pregusto delizie. Il tappeto sotto di me è morbido, la sua barbetta non mi graffia il viso, le sue mani sono forti e i suoi baci mi sciolgono. Mi abbandono così tanto da non sentire subito cosa ha appena detto.

Poi però purtroppo ha l'ardire di ripeterlo.

"Posso farti del cunnilingus?"
Giuro, ha detto proprio così, contravvenendo in un secondo ad almeno due regole fondamentali del perfetto sesso con uno sconosciuto.

1. Non chiedere, fai
2. Non chiedere di leccarmela usando parole latine, fai

Dopo la domanda incriminata la mia temperatura si è ababssata diventando quella di un ghiacciolo. Peccato lo so, ma mi sono rivestita e me ne sono andata. Non c'era altra soluzione