gpt skin_web-ros-0-0
gpt
gpt strip1_gpt-ros-0-0
1 5

Dolci di Pasqua Vegani: le ricette più facili

/pictures/2017/03/20/dolci-di-pasqua-vegani-le-ricette-piu-facili-1453024366[1000]x[417]780x325.jpeg
gpt

Cinque ricette di dolci di Pasqua vegan facili da preparare, e adatti anche in altre occasioni e per chi è allergico a uova e latticini

Dolci di Pasqua vegan

Se il detto:"Pasqua con chi vuoi" va preso alla lettera, io allora voglio passare la Pasqua in compagnia di un tripudio di dolci vegani. Potrei saltare l'intero menù vegano pasquale per concedermi un doppio bis di dolci di Pasqua senza latte e senza uova (o anche senza glutine) ma con praticamente tutto il resto, a partire dalla cioccolata. Sogno un banchetto di dolci pasquali tutto per me, oppure da condividere, al massimo, con il sosia italiano di Patrick Dempsey (esiste?). Solamente a lui potrei lasciare l'ultima fetta di pastiera o di colomba al cioccolato, a patto che mi richiami, promessa che farebbe con piglio e credibilità da giovane marmotta. Ma si sa che l'opzione dolci a più non posso non è praticabile a casa della mamma, con tutto il parentado che batte le forchette sul tavolo per gli gnocchi. Perché dunque non organizzare un evento di Pasqua tutto al femminile a cui ammettere solo dolci vegani di Pasqua e tutte quelle bibite gassate che sono sulla vostra lista nera 364 giorni l'anno? (E con l'occasione spulciate anche le ricette tradizionali dei dolci di Pasqua abbruzzesi, pugliesi e calabresi)

Come non ingrassare a Pasqua: consigli

Perchè preparare dolci vegani per Pasqua

1) Perchè no. Non lo facciamo tutte le settimane, nemmeno una volta al mese: concediamocelo almeno una volta l'anno. Cogliamo l'occasione festosa della Pasqua per organizzare un piccolo party all'insegna dello zucchero di canna e della panna montata vegetale e facciamolo senza sensi di colpa. Si può?

2) Per avercela vinta e dimostrare a tutte le amiche scettiche che i dolci di Pasqua vegani possono essere buoni, oltre che più leggeri. Se anche una soltanto una di loro smettesse di mettere una mezza dozzina di uova per fare una torta margherita, sarebbe una bella conquista. Per non parlare poi del fatto che per una volta faremmo contenti tutti gli allergici e gli intolleranti a uova e latticini.

3) Per avere una buona scusa. Ok, avete così tanta voglia di affondare il cucchiaino - e poi ancora, ancora e ancora - in una fetta di torta che di notte sognate di impastare e leccarvi il fondo della pentola. Coinvolgete anche le amiche, vi ringrazieranno (almeno prima di pesarsi)

Ecco le ricette di dolci vegani di Pasqua facili e veloci che trovate in questo articolo:

La pastiera napoletana vegan

Ingredienti:

  •  200 gr di farina 00
  • 100 gr di farina integrale
  • 1/2 bicchiere di semi di girasole
  • 80 gr di zucchero di canna
  • un cucchiaino scarso di lievito per dolci
  • acqua q.b.
  • 300 gr di grano precotto
  • 300 gr di latte di soya vanigliato
  • la scorza di 1 limone non trattato
  • 150 gr di silk tofu
  • 100 gr di zucchero a velo
  • 50 gr zucchero semolato
  • 2 cucchiai maizena
  • 160 ml di latte di soia
  • un pizzico di zafferano
I biscotti di Pasqua

Procedimento

  1. Preparate la frolla unendo tutti gli ingredienti secchi e aggiungendo l'olio e la quantità d'acqua necessaria a creare la giusta consistenza.
  2. Tirate la pasta con il mattarello e adagiatela sullo stampo da forno dopo averla lasciata riposare in frigo, avvolta nella pellicola, per mezz'ora.
  3. Cuocete il grano nel latte di soia alla vaniglia per circa 30 minuti aggiungendo la scorza di limone. Otterrete una crema da cui toglierete la scorza a cottura ultimata.
  4. Amalgamate il silk tofu con lo zucchero a velo in modo da ottenere una seconda crema molto morbida e setosa.
  5. Preparate una terza crema mescolando, in un pentolino sul fuoco, la maizena allo zucchero e aggiungendo il latte di soia poco per volta, come se preparaste una besciamella. Aggiungete anche una punta di zafferano per dare colore.
  6. Unite le tre creme in un unico recipiente e mescolate fino ad amalgamarle.
  7. Stendete la frolla con il mattarello ricordandovi di lasciarne da parte un po' per creare il classico motivo a crostata sulla superficie della pastiera vegan. Mettete la frolla nello stampo, farcite con le tre creme e decoratela. Infornate a 180° fino a doratura.

La colomba vegan al cioccolato

Ingredienti

  • 300 g di farina manitoba
  • 100 gr di farina integrale
  • 250 ml di latte di mandorle
  • 7 gr lievito di birra secco
  • 120 g di zucchero di canna
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di arancia candita
  • 120 gr gocce di cioccolato fondente
  • 100 g di cioccolato fondente
  • 1 cucchiaino di burro di cocco
  • 1 manciata di mandorle spellate

Procedimento

  1. Sciogliete il lievito di birra in poca acqua tiepida e aggiungetelo agli ingredienti secchi che avrete precedentemente unito in un ampio recipiente (farine, zucchero, arancia candita e gocce di cioccolato).
  2. Dopodiché versate anche l'olio evo e il latte di mandorle. Impastate vigorosamente per qualche minuto. Lasciate riposare la palla d'impasto all'interno del recipiente unto d'olio per circa 3 ore. Meglio se in un luogo asciutto e tiepido come il forno spento con luce accesa.
  3. Trascorse le 3 ore, rimaneggiate l'impasto per qualche minuto e adagiatelo all'interno dello stampo per colomba spennellato d'olio. Lasciate lievitare l'impasto per altre 2 ore.
  4. Infornate la colomba vegan al cioccolato a 200° per circa 30-40 minuti.
  5. Dopo averla sfornata, decoratela con il cioccolato fondente sciolto a bagno maria assieme al burro di cocco.

Su Pianetadonna trovate anche la ricetta della colomba pasquale tradizionale.

La pizza di Pasqua vegan

Ingredienti:

  • 400 gr di farina 00
  • 100 gr di farina di farro
  • 150 g di zucchero di canna
  • 100 g di burro di soia
  • 7 gr di lievito di birra secco
  • 200 g di latte di soia alla vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • scorza grattugiata di 1 limone non trattato
  • 1 cucchiaio di cannella in polvere
  • 1 grattatina di noce moscata
  • 1 cucchiaio di maraschino

Procedimento

  1. Fate sciogliere il lievito di birra in parte del latte di soia intiepidito. Unite le farine allo zucchero, al sale e alle spezie in polvere. Aggiungete il lievito, il burro di soia ammorbidito, il restante latte, il maraschino, la scorza di limone grattugiata e iniziate a impastare.
  2. Mettete l'impasto a lievitare in una teglia alta e stretta, leggermente più aperta in cima, che avrete precedentemente unto con un pelo di burro di soia.
  3. Cuocete la pizza di Pasqua vegan a 180° per circa 40 minuti.

Nidi di cioccolato fondente e cereali

Ingredienti

  • 140 gr di fiocchi di mais
  • 200 gr di cioccolato fondente
  • ovetti di cioccolato fondente incartati

Procedimento

  1. Fate sciogliere il cioccolato a bagno maria. Dopodiché versate nel pentolino i fiocchi di mais e incorporateli al cioccolato sciolto.
  2. Versate delle cucchiaiate di composto su un vassoio ricoperto di carta forno.
  3. Mettete in frigorifero per qualche minuto e servite mettendo al centro del nido un paio di ovetti di cioccolato con la carta colorata.

Treccia di pan brioche alle mandorle

Ingredienti

  • 400 gr farina manitoba
  • 100 gr di farina di mandorle
  • 180 gr zucchero
  • 200 ml acqua tiepida
  • 120 ml olio di semi di mais
  • 1 pizzico di sale
  • 7 gr lievito di birra in polvere
  • 1 cucchiaio di liquore dolce

Procedimento

  1. Unite zucchero, lievito e sale alla farina. Mescolate e aggiungete l’olio di mais. Iniziate a impastare versando l'acqua tiepida a filo continuando a lavorare l'impasto per almeno 10 minuti.
  2. Coprite la ciotola con la pellicola trasparente e lasciate lievitare per un'ora in un luogo tiepido al riparo dalle correnti d'aria.
  3. Dividete l'impasto in due parti uguali e create due filoni lunghi e stretti. Attorcigliateli fra loro e chiudete le estremità formando un cerchio.
  4. Lasciate riposare la treccia di pan brioche per un'altra ora e infornatela a 180° per circa mezz'ora.

Dolci vegan di Pasqua: qualche idea per mangiarli tutto l'anno

Si tratta soprattutto di forma, sia di forma fisica – la nostra e quella dei dolci vegan di Pasqua che facciamo – che di forma mentis: perché mai non potrei mangiare un dolce a forma di colomba in pieno luglio? Non c'è nessuna risposta apparente che mi sembri valida, se non che, anche io, una colomba sotto il solleone non la mangerei, mi sembrerebbe scioccamente fuori luogo. Ma basterà qualche piccolo accorgimento per presentare i nostri dolci vegan di Pasqua a tavola tutto l'anno senza sembrare troppo eccentriche. Per la colomba è presto detto: via lo stampo a forma di pennuto, fuori gli stampini da cupcake. Ne verrà fuori una colazione coi fiocchi. I nidi di cioccolata possono diventare delle praline golose se sistemiamo i composto a cucchiaini dentro dei pirottini da cioccolatino, via gli ovetti. La pizza di Pasqua può essere cotta in una tortiera a ciambella e ricoperta di glassa al cioccolato una volta raffreddata: scommettiamo che tutti la chiameranno “ciambellone” o torta?

Anche con la treccia di pan brioches il passo verso la quotidianità e breve, basterà usare l'impasto per fare dei croissant. Se sono troppi, potete congelarne una parte.

Per tirare le fila, non vi libererete tanto facilmente di questi dolci vegani di Pasqua, proprio come del vagone di cioccolato fondente, reduce dalla rottura delle uova di Pasqua. O almeno facciamo finta che sia così, poi lo sappiamo tutte la fine che fa nel giro di un paio di giorni.

/var/www/orion/src/Orion/FrontendBundle/Resources/views/Templates/pianetadonna/advblocks/adv-block-pd-speciale-pasqua.html.php
gpt
gpt skin_mobile-ros-0-0