gpt skin_web-cucina-0
gpt strip1_generica-cucina
gpt strip1_gpt-cucina-0
1 5

Topinambur: che cos'è e come si cucina

/pictures/2017/09/12/topinambur-che-cos-e-e-come-si-cucina-730613346[1000]x[417]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-cucina

Scopriamo tutti i segreti del topinambur, un tubero di origine canadese pieno di proprietà benefiche: ecco come si cucina e un po' di ricette semplici e super sfiziose

Che cos'è il topinambur e come si cucina

Ho scoperto cos'è il topinambur non più di tre anni fa. Per capire come usarlo in cucina ho dovuto attendere qualche altro mese, ma oggi posso vantare una mini coltivazione di topinambur nel giardino di casa. Da un estremo all'altro, ma quando si convive con un maniaco del fai da te ogni scusa è buona per lanciarsi in imprese ai limiti del buon vicinato, al solo scopo di poter dichiarare agli amici:"L'ho fatto io".

Se anche per voi il topinambur è uno sconosciuto simile alla patata (o forse è un carciofo?) è giunto il momento di scoprirne gli usi e le potenzialità in cucina. Sono molte, più di quante te ne aspetteresti da questo ingrediente dall'aspetto bitorzoluto. Ma andiamo con ordine, ecco cosa trovate in questo articolo:

 

Cosa è il topinambur?

 

Il topinambur è un tubero commestibile, più duro e irregolare della patata. Pur somigliando alla patata sotto molti punti di vista, il topinambur appartiene alla stessa famiglia botanica dei girasoli e la sua pianta produce dei bellissimi fiori gialli. La semina dell'ortaggio avviene in primavera mentre la raccolta inizia in autunno, ma puoi continuare fino all'inverno.

Che sapore ha il topinambur?

Se dovessimo fare una degustazione alla cieca che comprende l'assaggio del topinambur, molte di noi fallirebbero miseramente nel riconoscerne il gusto. Delicato ma caratterizzato, il topinambur ha un sapore di fungo e di carciofo più o meno accentuati. L'aroma distinto ma non invadente rendono il tubero ottimo sia come contorno che come ingrediente principale. Mai provata la vellutata di topinambur?

gpt native-middle-foglia-cucina

Le origini del topinambur

Proprio come Jim Carrey, il topinambur ha origini canadesi. Lì, la pianta viene chiamata anche tartufo di canna o carciofo del Canada, richiamandone il sapore particolare e di gran moda negli ultimi tempi. Il topinambur è trendy, oltre che assolutamente benefico per la salute. Non ci stupisce affatto che sia annoverato tra la lista degli alimenti da consumare a volontà in diverse diete.

Torta salata al topinambur: la ricetta

Topinambur: proprietà e controindicazioni

La proprietà benefica principale del topinambur è legata all'inulina, sostanza capace di abbassare la glicemia nel sangue e dunque indicata per chi soffre di diabete. Non solo, l'inulina è la beniamina di ogni donna (e uomo) in lotta per il mantenimento del peso corretto perché aumenta il senso di sazietà. Il topinambur inoltre favorisce la digestione e riequilibra la flora intestinale. Non esistono controindicazioni legate all'assunzione di topinambur, è sufficiente non superare i 200 gr giornalieri per evitare spiacevoli episodi di corsa al bagno. In quantità eccessive infatti il topinambur ha proprietà lassative.

Come si pulisce il topinambur?

Prima di esplorare i principali utilizzi del topinambur in cucina, bisogna sporcarsi le mani. Per raggiungere il Santo Graal delle proprietà benefiche del tubero canadese, è necessario superare la fase di pulizia che consiste in un lavaggio accurato e in una successiva raschiatura della buccia per eliminarne le parti più dure e nodose. Se i topinambur provengono da colture biologiche e la buccia non è danneggiata, non sarà necessario pelarli (evviva!).

Come si cucina il topinambur

Il topinambur si presta a varie interpretazioni tutte molto gustose e di facile realizzazione. Al contrario di quanto si pensi a primo acchito, il topinambur si può consumare anche crudo a patto che sia stato ben lavato e tagliato sottilmente. Ma il carciofo del Canada è più spesso utilizzato cotto, al forno oppure in padella, come contorno alternativo alle patate. Ciò non toglie che il topinambur possa essere utilizzato anche nei primi piatti all'interno di sughi per la pasta o come base per una vellutata autunnale.

E adesso andiamo a vedere un po' di ricette facili e sfiziose per gustare il topinambur.

Insalata di topinambur

Ingredienti:

  • topinambur
  • indivia belga
  • carote
  • avocado
  • mais cotto
  • noci tritate
  • succo di limone
  • olio evo
  • sale e pepe

Procedimento

  1. Lavate, sbucciate e tagliate le carote a julienne.
  2. Lavate anche l'indivia e dividetene le foglie.
  3. Sbucciate l'avocado, privatelo del nocciolo interno, tagliatelo a pezzettini e irroratelo di succo di limone perché non annerisca.
  4. Unite tutti gli ingredienti in un'insalatiera capiente e grattugiatevi all'interno il topinambur crudo, dopo averlo pulito con cura.
  5. Condite con sale, pepe e olio di oliva.

Topinambur trifolati in padella

Ingredienti:

  • 500 gr di topinambur
  • 120 ml di brodo vegetale
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1/2 limone
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai di olio evo
  • sale q.b

Procedimento

  1. Pulite i tuberi ed eliminate la buccia se necessario. Dopodiché, affettateli sottilmente con l'aiuto di una mandolina.
  2. Immergete i topinambur affettati in acqua acidulata per evitare che anneriscano.
  3. Mettete l'olio in padella e lasciatelo insaporire assieme all'aglio a fuoco basso.
  4. Aggiungete anche i topinambur, il sale e continuate la cottura con il coperchio per circa 15 minuti, irrorando di brodo di tanto in tanto.
  5. A cottura completata, togliete l'aglio, aggiungete il prezzemolo tritato e servite il contorno caldo ad accompagnare la portata principale.

Topinambur al forno

Ingredienti:

  • 500 gr di topinambur
  • 1/2 limone
  • 2 cucchiai di olio evo
  • sale e pepe q.b
  • 2 rametti di rosmarino

Procedimento

  1. Lavate, pulite e sbucciate il topinambur.
  2. Tagliatelo a fette che immergerete nell'acqua acidulata con il succo di limone.
  3. Dopo 30 minuti, colatelo e conditelo con sale, pepe, olio e rosmarino.
  4. Disponete le fette su una placca da forno ricoperta di carta forno senza che si sovrappongano troppo.
  5. Infornate a 180° per 30 minuti.
  6. Un'idea in più: per ottenere delle chips di topinambur basterà affettare più sottilmente il tubero e aumentare la temperatura del forno a 200°. Le chips saranno pronte in circa 20 minuti.

Purè di topinambur

Ingredienti:

  • 400 gr di topinambur
  • 200 gr di patate
  • 1,5 litri di brodo di verdure
  • noce moscata q.b
  • aneto q.b
  • 2 cucchiai di olio evo
  • pepe q.b

Procedimento

  1. Lavate, pelate e tagliate a tocchetti le patate e i topinambur.
  2. Riponete tutto all'interno di una casseruola e ricoprite con il brodo di verdure. Lasciate sul fuoco per circa 25 minuti, ovvero fino a cottura ultimata.
  3. Tenete il brodo da parte.
  4. Passate la verdura lessata al passaverdure e rimettete la purea in casseruola aggiungendo olio, noce moscata, aneto, pepe e tanto brodo quanto basta per ottenere la consistenza desiderata.
  5. Togliete dal fuoco e servite il purè caldo accompagnato da qualche fetta di pane bruscato.

Vellutata di topinambur

Ingredienti:

  • 500 gr di topinambur
  • 1 patata grande
  • 1/2 cipolla
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1/2 litro di brodo di verdure
  • sale e pepe q.b
  • 1/2 limone
  • germogli di soia q.b

Procedimento

  1. Sbucciate le patate e i topinambur, tagliate tutto a tocchetti e immergete i pezzetti di topinambur in acqua acidulata mentre continuate con la preparazione.
  2. Tritate finemente la cipolla e soffriggetela con l'olio evo. Quando sarà dorata, aggiungete anche patate e topinambur dopo averli sgocciolati con cura.
  3. Coprite con il brodo caldo e cuocete aggiungendo altro brodo poco per volta, fino a cottura ultimata.
  4. Aggiustate di sale e pepe e frullate con il frullatore a immersione.
  5. Servite caldo e guarnite con dei germogli di soia a e una macinata di pepe nero. Volendo potete aggiungere dei crostini.

Pasta al sugo di topinambur

Ingredienti:

  • 180 gr di pasta corta
  • 3 topinambur medi
  • 1 cipollotto
  • sale e pepe q.b
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1/2 limone
  • 3 gherigli di noce
  • prezzemolo fresco q.b

Procedimento

  1. Lavate e sbucciate il topinambur, tagliatelo a dadini e immergetelo in acqua acidulata.
  2. Fate soffriggere la cipolla tritata in padella con l'olio evo e quando sarà imbiondita aggiungete poca acqua.
  3. Versate ora in padella anche il topinambur e cuocete per circa 20 minuti aggiungendo, se si dovessero attaccare un po' di acqua.
  4. Cuocete la pasta, scolatela al dente e tuffatela nel sugo di topinambur facendola saltare per pochi istanti.
  5. Completata con le noci tritate, il prezzemolo e un filo d'olio evo a crudo.

Il trucco in cucina: aggiungiamo un po' d'acqua alla cipolla imbiondita per far sì che rilasci il suo amido, dando vita a una cremina vellutata.

Se anche a voi è venuta voglia di piantare qualche tubero in giardino, dopo aver scoperto tutti gli usi in cucina del topinambur, sappiate che le piccole pianticelle crescono alte e robuste. Inutile dire che la barriera naturale anti-vicini dev'essere annoverate tra le proprietà benefiche del topinambur, almeno fino all'inverno. Quando arriva il freddo le piante muoiono e i vicini rinascono, un po' come gli estranei del Trono di Spade.

gpt native-bottom-foglia-cucina
gpt inread-cucina-0
gpt skin_mobile-cucina-0