strip1-coppia
1 5

Sesso e lingerie: una relazione hot

La biancheria intima scelta da una donna racconta molto del suo rapporto con la sessualità. Ma anche quella che sceglierebbe un uomo per lei. Visto che per lui ci sono solo orrendi slip o boxer extralarge

Le vie della lingerie sono infinite. Bustini scomodi che tolgono il respiro (LEGGI), risucchiano la pancia e fanno salire con l'inganno le quotazioni del décolleté (LEGGI). Reggicalze strizzagamba adorati dagli uomini e indossati con grazia solo da fanciulle molto fortunate (leggi: gamba lunga, magra ma soda contro l'inesorabile effetto-salsiccia). Scivolose sottane, seta e merletti, coppe con nomi rubati all'alfabeto, dubbi amletici fra il push-up e il balconcino.

GUARDA LE FOTO: SARA TOMMASI SI TOGLIE ANCHE LA LINGERIE!


Scelte estreme fatte di latex, pelle e borchie (e qualcuno mi spieghi come fai ad andarci in ufficio). E l'eterno quesito femminile: biancheria comoda o biancheria sexy? Nonchè quello maschile, molto più scontato e noioso: boxer o slip? Così, mentre torna di moda il pizzo e - per fortuna - scompare dalla scene quella noiosa biancheria unisex, grigiolina e con gli elastici, figlia della confusione anni '90, assieme cone gli antiestetici lacci in silicone, noi vi diciamo cosa si nasconde dietro la scelta della vostra lingerie

Mutandoni e push up: nascondere e ingannare

L'emblema anti-erotico del mutandone é naturalmente la sempre invocata Bridget Jones, simbolo di tutti gli incontri sessuali imbarazzanti. Ma scegliere biancheria extra-large per coprirsi e camuffarsi non è solo questione di forme e di peso. Nasconde piuttosto una certa paura a mostrarsi per come si è. E un rapporto col sesso non proprio gioioso, perchè privo di un certo grado di libertà, che nella sessualità è fondamentale.

Quindi, se la scelta del tendone da circo sotto ai vestiti non è legata a esigenze di copione (un abitino mini che può essere indossato solo comprimendo tutto) sarebbe meglio appendere mutandoni al chiodo.

LEGGI ANCHE: LINGERIE SEXY SEMPRE CON NOI!


Discorso leggermente diverso quello delle imbottiture strategiche e delle guaine per contenere. Certo, chi si ostina ad alzare il volume di seno e glutei sa benissimo che al dunque si corre il rischio di far crollare gli ormoni sotto il peso della gravità.

E passare da una terza piena a una seconda arrancata non è sempre un bel vedere. Ma siccome conosciamo bene il grado di cecità di un uomo che vuole fare sesso, la questione non vi riguarderà, almeno per la prima mezz'ora del vostro incontro...

La lingerie adolescenziale: pupazzi, fiorellini e altre diavolerie

Ci sono due scuole di pensiero rispetto all'indossare orsacchiotti, fumetti, doppi sensi e colori pastello nell'intimità. Alcuni uomini sostengono di trovare estremamente eccitante la biancheria post-adolescenziale, che richiama tanto la lolita o la giappo-collegiale che è in voi. Tutti gli altri non si accorgono proprio di cosa indossate sotto e sono disposti tranquillamente a sorvolare (circa l'85% degli uomini apprezza l'intimo femminile per una quantità di tempo che sfiora i 25 secondi. Poi vuole toglierlo).



Una volta chiarito che la lingerie è in realtà un dono che una donna si concede più che uno strumento sexy, ci teniamo a farvi sapere che sarebbe il caso di limitare fortemente questo tipo di fumettosa intimità. Per quanto quasi ognuna di noi trovi adorabili le mutandine di Hello Kitty e affini, fra elastici sega-fianchi, colori eccentrici e sorrisi che spuntano dove non dovrebbero, l'erotismo rischia di andare in coma glicemico...

Biancheria d'altri tempi: sexy a patto che...

E' tornata fortemente di moda la lingerie retrò. Pizzi, merletti, tessuti lucidi. Guepierre, bustini, sottane che accarezzano il corpo. Tagli d'antan, colori fra il nero e il cipria e la morte conclamata dell'intimo basic, che era veramente brutto. Praticamente un tripudio di sensi e shopping per qualunque donna che adori la biancheria.  E una scelta che indica buon gusto e una sensualità ironica e chic, ma che può anche divertire spingendosi fino alla versione pin up burlesque.

LEGGI ANCHE: LINGERIE, IL TRUCCO C'E' MA NON SI VEDE!


A patto che. Che con biancheria d'altri tempi non si intenda ritirare fuori dall'armadio comodi slip del liceo, che tanto sono ancora buoni, canottiere di lana ingiallita, magline scolorite e reggipetti (la parola non l'abbiamo scelta a caso) della nonna morta, che tanto la taglia è uguale. Il rischio altrimenti è quello di praticare solo sesso vintage: quello accaduto l'ultima volta 15 anni fa...

Lingerie estrema: borchie, maculato o slip di cioccolato?

Camuffamenti genitali e tutine in latex che levano la facoltà di respirare. Reggiseni con punte e borchie più simili a strumenti di tortura che a biancheria. Pelli di leopardo a forma di perizoma, aperture strategiche, e lingerie alimentare, fra cui spiccano le intramontabili mutandine di caramelle.



L'intimo bondage, estremo o da sexy-shop è una scelta bizzarra, che non staremo qui a giudicare. Se usato con parsimonia può rappresentare magari l'elemento di gioco o trasgressione per alcune coppie o alcuni incontri. L'uso eccessivo potrebbe invece rivelare un approccio al sesso un po' svuotato di senso. Come se per eccitarsi bisogna somigliare sempre un po' a Madonna ai tempi di Erotika, portare una frusta nella borsetta e dimenarsi come una pornodiva durante i preliminari: un po' ridicolo, noioso e decisamente faticoso.

Alcune idee sexy dalle nuove collezioni lingerie per ispirarsi...

Per maggiori informazioni e per risolvere i tuoi dubbi rivolgiti al consultorio più vicino. Trovalo sull'apposito motore di ricerca

CONSULTORI su Girlpower.it