NAVIGA IL SITO

Come preparare il boeuf bourguignon

5e23ba3967019e64aa8806b0844d9392

Spesso capita di non sapere davvero come cucinare la carne per far sì che i nostri ospiti restino stupiti oppure, semplicemente, per affascinare la famiglia.Le fettine, stufano.Il Roast-beef è scontato.Le braciole, risultano un pò dure.La cotoletta, è frittura...è meglio evitarla ed accendere il forno proprio non alletta.Insomma...chi non si è trovato a pensare: cosa cucino stasera? Come posso preparare della carne che piaccia a tutti, che risulti tenera e che non sia difficile da cucinare?Se poi si ha una cena e non si vuole ripiegare sul solito menu...allora, so di cosa avete bisogno.Ecco una ricetta particolare, non difficile ma un pò fuori dal comune...armatevi di carta e penna e prendete nota per come preparare il boeuf bourguignon (foto es. attivitoso.it).

Occorrono:

  • 1,5 kg. di carne di manzo
  • 2oo gr. di pacetta dolce
  • 1 bottiglia di vino rosso
  • 200 gr. di carote e 200 gr. di cipolle
  • 1 l. di brodo
  • timo, alloro, aglio e rosmarino a ciuffetti
  • 30 gr. di farina
  • 25 gr. di concentrato di pomodoro
  • sale, pepe ed olio di oliva q.b.

Scopri come fare:

Difficoltà
  1. Non vi spaventate!!
    Il nome è complicato, lo so, ma credetemi, non lo è la ricetta.
    Spiego meglio: si tratta di polpa di manzo a pezzetti che i contadini della Borgogna, Francia, cucinavano lentamente per rendere più tenera la carne, soprattutto se non potevano permettersi i tagli migliori. Poi, man mano, la ricetta è diventata quasi nobile ed oggi il boeuf bourguignon è cucinato dai migliori chef, francesi e non.
    Per cominciare riforniamo la nostra dispensa di carne a pezzi (fesa o noce di manzo), pancetta, farina, carote, cipolle, aglio, concentrato di pomodoro, brodo e le tipiche spezie come timo, rosmarino ed alloro.
    Ma, attenzione, non deve assolutamente mancare una bottiglia di vino rosso.
    La prima cosa da fare e far soffriggere la pancetta in una bella pentola antiaderente (come nella foto di golosando.net) e di ghisa (che possa andare anche in forno) ma, mi raccomando, non bisogna metterci l'olio.

  2. Appena sarà pronta la pancetta, toglierla e conservarla in un piatto a parte e al suo posto in pentola verrà messa la carne a pezzi, fatta rosolare nel grasso rilasciato dalla pancetta.
    Questa operazione va effettuata a fuoco ben vivo, rigirando di continuo i pezzi di carne e facendo attenzione a non bruciare il fondo.
    Rosolata anche la carne, toglierla dalla padella (come fatto con la pancetta) e versare al suo posto la cipolla e la carota sbucciate e tagliate minuziosamente in piccoli pezzettini.
    Nel frattempo, a parte, preparare del brodo (circa un litro come nella foto di ideericetteincucina.it) che servirà a stemperare in seguito il concentrato di pomodoro.
    La verdura deve più o meno rosolare quindi, a questo punto, se tende ad attaccare al fondo si può allungare un filo di olio.

  3. Dopo all'incirca una decina di minuti, quando le verdurine risulteranno ben rosolate, aggiungerci la pancetta, la carne, sale e pepe girando per altri cinque minuti.
    Quando tutto sarà ben amalgamato setacciare sul composto la farina (foto di ilcuoreinpentola.it).
    Prendere la casseruola ed infornare a 250° gradi (il consiglio è far riscaldare il forno mentre si agisce nelle fasi precedenti) e dopo i primi cinque minuti girare delicatamente il tutto: si formerà intorno alla carne una deliziosa crosticina rosolata.

  4. Siamo quasi alla fase finale e qui gli odori in cucina sortiranno già i primi effetti stuzzicando l'appetito.
    Togliere la ghisa dal forno ed irrorare di vino rosso la carne (meglio se del Bourgogne, da cui prende il nome la ricetta, come nella foto di enoitaca.blogspot.com).
    A parte, stemperare il concentrato di pomodoro con un bel mestolo di brodo, così da scioglierlo un pò, ed il rimanente brodo va unito alla carne, fino a coprirla del tutto ed aggiungendoci poi anche il concentrato.
    Infine, tutte le erbette aromatizzanti verranno unite con l'aglio in un unico mazzetto e messe a bollire nella pentola sul fuoco ma solo fino al raggiungimento dell'ebollizione perché, a quel punto, bisogna coprire ed infornare nuovamente a 130° più o meno per tre ore.
    Durante questo tempo il liquido deve sobollire fino a seccare per più della metà ma, naturalmente, non del tutto.
    Tolta la pentola dal forno aspettare che raffreddi e poi servire scatenando la fantasia sui possibili contorni da abbinare.

Consigli:

  • Se si preferisce rendere la pancetta più leggera, prima di soffriggerla, sbollentarla pochi minuti in acqua calda
  • Un ottimo abbinamento per questo piatto, è un contorno dal sapore contadino come i funghi
  • Chi ama i gusti più forti, può unire delle cipolline piccole intere e sbucciate durante l'ultima fase di cottura in forno
  • Via libera alla fantasia unendo, eventualmente, piselli oppure patate lessate ed inserite intorno al piatto, tipo cornice
di Anna Avallone 8 agosto 2013
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Come preparare il boeuf bourguignon...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori