strip1-mamma
1 5

Sono look di famiglia

C'erano una volta le bambine che si guardavano allo specchio indossando le scarpe larghe e l'abito bello della mamma. Oggi però la tendenza sembra invertirsi: madri "conciate" come ragazzine, senza averne l'età. Quando i look di famiglia si influenzano...

adsense-foglia-300
C'erano una volta le bambine in posa davanti allo specchio, dentro scarpe col tacco decisamente enormi per i loro piedini e vestiti extra large. Un po' di rossetto messo male, occhi carichi di ombretto azzurro, collane e smorfie. Era la vanità dei 6 anni, quella che prima o poi ha colpito tutte le figlie, soprattutto quelle di mamme molto belle, il desiderio di emulare, di essere grandi ed eleganti come loro. A questa scena nostalgica che sa tanto di film, ne corrisponde oggi, sempre più spesso, una contraria e a dir poco raccapricciante: mamme young a tutti i costi, strizzate in t-shirt con scritte, jeans attillati e look poco più che adolescenziali. Sono le donne perse dietro al mito dell'eterna giovinezza, che fra un ritocchino e una lampada cercano disperatamente di restare appese all'età d'oro. Ma che viste da fuori - con le dovute eccezioni - sembrano più mummie imbellettate che ragazze. Fra i due estremi, romantici o horror, un mondo di ispirazioni e armadi aperti. E una domanda: sono le mamme a influenzare le figlie nel look o viceversa?

lookpezzoLe famiglie sane sono di norma quelle in cui ogni individuo cresce rafforzando la propria personalità e i propri gusti. Eppure, quando arriva una bambina in casa, la tendenza di una mamma a "vestirla come" é abbastanza diffusa. Il look che alcune madri "impongono" alle loro figlie é frutto spesso di una serie di aspettative personali (deve essere la più bella, deve somigliare a una principessa rosa) e di stili di vita (deve indossare abiti di marca, deve sembrare la figlia di una rock star o di una sportiva). Le figlie di queste donne, che danno così tanto valore all'aspetto esteriore, vissuto come marchio distintivo non di una persona quanto dell'intera famiglia, sono trattate al pari di bambolotti da travestire. In realtà a un bambino, fino agli 8-10 anni di età, importa davvero poco cosa indossa. A patto che la famiglia gli insegni a puntare sulla propria personalità piuttosto che sull'esteriorità. Ovviamente non c'è nulla di male nell'adorare deliziosi vestiti visti nei negozi, micro scarpe da ginnastica e accessori baby. Ma passata l'euforia una buona mamma dovrebbe pensare: alla praticità dell'abbigliamento del proprio bambino e ai suoi gusti, rigorosamente da rispettare. E nei limiti del buon senso accettare, soprattutto durante pubertà e adolescenza, l'abbigliamento che i propri figli scelgono di indossare. Fossero anche teschi o frangettoni emo. Comprendendo che si tratta di un loro diritto e di un modo di affermare la loro personalità, fuori e dentro casa.


mammafigliaIl discorso cambia totalmente quando sono le figlie a influenzare i look delle madri. O meglio, quando le madri, incapaci di accettare il passare del tempo, cercano nell'abbigliamento giovane la soluzione al loro dramma. Donne anche bellissime, in forma smagliante, amanti della moda, toniche e senza rughe, che hanno la fortuna di dimostrare i fatidici 10 anni in meno, dovrebbero seppellire accessori, make up e abiti da ragazzine. Dall'armadio della figlia é lecito rubare al massimo una t-shirt o un completo per andare in palestra, se madre natura lo permette. Chi vuole sembrare a ogni costo una sorella e non una madre cela in sè l'incapacità di accettare una nuova fase della sua vita, un ruolo e un passaggio. E questo vale anche per chi non ha figli, ma gioca all'eterna fanciulla. Questo non vuol dire che una bella mamma di 30, 40 o 50 anni debba girare con le tende della nonna, i capelli bianchi e l'aria dimessa. Ma l'eleganza, il fascino, la bellezza, non sono mai solo frutto degli abiti che portiamo, neanche sull'etichetta ci togliamo l'età al posto della taglia. Oltre ai nostri sandali sixties, a nostra figlia, sarebbe bello lasciare in dono, la serenità di godersi ogni fase della vita per ciò che é, anche dopo aver fatto il funerale ai jeans stretch...