PianetaDonna

Spese ordinarie e straordinarie nel mantenimento del figlio: a chi tocca pagare?

Sono separato da poco. Mia moglie, pur in regime di affidamento congiunto, è il genitore che tiene con sè il figlio per la maggior parte del tempo. Già insorgono i primi problemi relativi alla divisione delle spese mediche. Potrebbe aiutarmi a capire cosa spetta a me e cosa, invece, rientra fra gli esborsi straordinari? Grazie Michele

Gentile Michele, la sua domanda è legittima e, soprattutto, mostra un lodevole intento di fare chiarezza subito prima che le piccole divergenze fra genitori separati arrivino a creare problemi al minore. Le spese ordinarie (ovvero quelle relative al sostentamento e alle cure – ad esempio – mutuabili), sono ricomprese nell’assegno di mantenimento. Tutti gli esborsi che, invece, abbiano carattere straordinario o eccezionale sono disciplinati diversamente e, ove siano frutto di necessità e urgenza, possono essere voluti dal solo genitore “affidatario” (rimanendo l’altro tenuto a contribuire al pagamento subendo, in quanche misura, l’iniziativa dell’altro) mentre, ove siano la conseguenza di indirizzi da concordare preventivamente fra i due coniugi, non possono essere accollate al genitore che non sia stato chiamato a partecipare al processo decisionale (ad esempio le spese relative alle attività ricreative).

Ti è piaciuto questo articolo? Seguici su Facebook!

VN:F [1.8.6_1065]
Gradimento: 0.0/10 (0 voti)
Non ci sono commenti

Articoli Correlati

Lascia un commento