strip1-societa
1 5

Rita Levi Montalcini, i 5 motivi per cui la festeggiamo!

Nessuna come Rita Levi Montalcini rappresenta l'eccellenza femminile: vincitrice di un nobel e portabandiera di valori di parità fra i sessi!

adsense-foglia-300

Ha compiuto 103 anni la grandissima Rita Levi Montalcini (LEGGI), scienziata di fama mondiale, vincitrice di un Premio Nobel e accanita sostenitrice della parità fra i sessi. Ancora lucidissima, Rita Levi Montalcini (LEGGI) dice che non festeggerà, ma a noi sembra pazzesco lasciar passare sotto silenzio il suo compleanno e quindi vi forniamo almeno 5 buone ragioni per cui secondo noi vale la pena brindare alla sua salute

LEGGI ANCHE: LILLI GRUBER DIRIGERA' L'HUFFINGTON POST ITALIA!

LA SCIENZA NON E' TUTTO - Tutti dicono che il cervello sia l'organo piu' complesso del corpo umano, da medico potrei anche acconsentire. Ma come donna vi assicuro che non vi è nulla di più complesso del cuore, ancora oggi non si conoscono i suoi meccanismi. Nei ragionamenti del cervello c'è logica, nei ragionamenti del cuore ci sono le emozioni

I GIOVANI - Io dico ai giovani: non pensate a voi stessi, pensate agli altri. Pensate al futuro che vi aspetta, pensate a quello che potete fare e non temete niente. Non temete le difficoltà: io ne ho passate molte, e le ho attraversate senza paura, con totale indifferenza alla mia persona

PARI OPPORTUNITA' - La donna è stata bloccata per secoli. Quando ha accesso alla cultura è come un'affamata. E il cibo è molto più utile a chi è affamato rispetto a chi è già saturo

GUARDA LA FOTOSTORIA: LE DONNE CHE HANNO FATTO L'ITALIA

VALORI - Il male assoluto del nostro tempo è non credere nei valori. Non ha importanza che siano religiosi oppure laici. I giovani devono credere in qualcosa di positivo e la vita merita di essere vissuta solo se crediamo nei valori, perchè questi rimangono anche dopo la nostra morte

IDEALI - Posso dire che l'unico ideale per cui ho lavorato è stato quello di aiutare gli altri e forse per questo la ricerca mi ha dato molto più di quanto potessi sperare

Fonte foto copertina: La Presse