1 5

Abbronzatura al top: le regole d'oro per una pelle perfetta

gpt
/pictures/2015/07/07/abbronzatura-al-top-le-regole-d-oro-per-una-pelle-perfetta-3747999844[5342]x[2223]1200x500.jpeg iStock
Finalmente possiamo goderci il sole e puntare su un colorito meno cadaverico, ecco le regole da seguire per abbronzarsi bene e velocemente

Le regole d'oro per l'abbronzatura

Primi weekend al mare prima delle tanto agognate vacanze, abbiamo preparato tutto, ma proprio tutto: comprato costumi, vestiti, accessori e il nostro beauty è pieno di creme solari, doposole e olii super abbronzanti.

Bene, siamo già a buon punto, ma molto spesso non basta comprare creme o prodotti specifici per assicurarsi un'abbronzatura super. Vediamo insieme le regole d'oro per un'abbronzatura perfetta, possibilmente senza scottature, segni e senza stress.

gpt

Bolle da scottatura, cosa fare e cosa assolutamente no

Preparare la pelle

Eliminate le impurità della pelle con scrub delicati, sia per il viso che per il corpo. Un modo per rendere la pelle liscia e uniforme e prepararla al meglio, sia all'assorbimento dei solari che all'abbronzatura stessa.

In commercio, tantissimi i prodotti adatti a quest'operazione da fare anche tranquillamente sotto la doccia, sia di marchi economici che più costosi. Ideale anche una preparazione casalinga, prova a mixare zucchero di canna e olio di mandorle, per una pelle super idratata.

Frutta arancione e gialla

Niente di più semplice e immediato per accelerare subito il processo di produzione della melanina è mangiare frutta di stagione. Il colore giallo è dovuto al betacarotene precursore della vitamina A. Pesche, melone, albicocche e tutto quello che trovate dal vostro fruttivendolo di fiducia di questo colore può essere un vero toccasana per la riuscita della vostra tintarella.

Integratori

Se avete carenze di vitamine e sali minerali, d'estate si usano solitamente gli integratori per ovviare a questi problemi. Forse non tutti sanno però che sono anche tanti quelli in commercio che si assimilano il mese precedente all'esposizione al sole, proprio per favorire l'aumento della melanina nel corpo. Evitare gli integratori contenenti cantaxantina, una sostanza che si trova nei coloranti alimentari.

Creme e oli

Inutile dire che le creme devono avere necessariamente filtri solari UVA e UVB per proteggere la pelle dai raggi ultravioletti. Vietate le creme usate normalmente come idratante che fanno abbronzare velocemente, ma in modo dannoso. Meglio sempre partire da una protezione alta tipo 50 per le pelli chiarissime ed evitare scottature, 30 per quelle più scure e preparare in questo modo la pelle a filtri più leggeri, nei giorni a seguire, senza scottature. Per il viso sarebbe ideale utilizzare prodotti ad hoc, prediligete le protezioni alte in stick per le zone più sensibili come naso, labbra e contorno occhi.

Orari migliori per la tintarella

Che non bisogna prendere il sole nelle ore centrali (11-15), i dermatologi ce lo ripetono tutte le estati a reti unificate. Eppure, spesso capita che sia proprio quello l'orario in cui, pigramente, andiamo al mare. Cosa fare allora, rinunciare alla tintarella? In questi casi l'ideale sarebbe trovare una via di mezzo, un giusto compromesso tra, tempo al sole e tempo all'ombra. Evitare di abbrustolirsi per ore ed ore con addosso solo olio abbronzante, meglio non esagerare. I problemi di una pelle che per troppo tempo ha subito lo stress di un uso selvaggio del sole vengono infatti con gli anni, macchie  e rughe sono l'allarme che ci farà capire che ormai è troppo tardi. Meglio prevenire no!

Auto-abbronzanti

Voi direte, ora che siamo finalmente al mare a cosa ci servono gli autoabbronzanti? Ecco, questo è un trucchetto che renderà davvero la vostra abbronzatura perfetta. Avete presente quegli antiestetici segni del laccio del bikini sul collo o delle bretelle, ma anche punti del viso o del corpo in cui non siamo riuscite ad abbronzarci bene? Un po' di auto-abbronzante servirà a coprire i segni, comodissimo anche sottoforma di salviettine pronte all'uso.

 
gpt