1 5

Gli antiossidanti contro i radicali liberi

Gli antiossidanti contro i radicali liberi. I radicali liberi sono sostanze che possono avere effetti degenerativi molto dannosi per il nostro organismo. Per combatterle servono gli antiossidanti: ecco in quali cibi possiamo trovarli

Gli antiossidanti contro i radicali liberi

A cura della dr.ssa Viviana Meli

Gli antiossidanti sono sostanze che aiutano il nostro organismo a proteggersi dai continui attacchi dei radicali liberi: la difesa principale ci è data da alcuni enzimi, tra i quali il più importante è il SOD (superossidodismutasi), e da altre sostanze come l’acido urico. Come suggerisce il loro nome, gli antiossidanti ostacolano l’ossidazione di varie strutture dell’organismo a opera dell’ossigeno e dei suoi derivati, e agiscono “spazzando” via i radicali liberi. 

Il polline d'api per dimagrire, ecco come

Gli antiossidanti si nascondono in numerose molecole, essenzialmente vitamine ed oligoelimenti, che reagiscono alla presenza dei radicali liberi per renderli inoffensivi. Nelle condizioni ideali nel nostro organismo questi due composti sono sempre in equilibrio, e gli antiossidanti non fanno che eliminare incessantemente i radicali liberi in eccesso. Ma, vi chiederete cosa sono e quali funzioni hanno questi radicali liberi?

gpt native-middle-foglia-bellezza

Ebbene, i radicali liberi sono particelle residue del metabolismo che circolano liberamente nel sistema vascolare e rischiano di indurre lo sviluppo di malattie degenerative. Sono prodotti presenti naturalmente dall’ organismo, e partecipano a numerose funzioni, quali il processo di produzione di energia e i meccanismi immunitari che ci consentono di lottare contro l’invasione di batteri e virus. Tuttavia in alcune condizioni il nostro organismo ne può produrre in quantità eccessiva, causando un danneggiamento delle pareti delle cellule, delle proteine o del DNA; si parla in questo casi di “stress ossidativo”. Lo stress, l’alimentazione errata, l’impiego di prodotti chimici e l’uso di alcuni farmaci possono anch’essi favorire l’aumento dei radicali liberi nell’organismo. 

Ritornando agli antiossidanti, essi hanno un effetto protettivo rispetto a certe patologie: tumori, malattie cardiovascolari; invecchiamento cutaneo, provocate anche da eccesso di radicali liberi. I nutrienti antiossidanti sono assunti con l’alimentazione e sono la vitamina E, la vitamina C, il betacarotene, il coenzima Q, il selenio, il manganese, il magnesio, il potassio, i citocromi, la licopina. Molti cibi, soprattutto di origine vegetale, contengono centinaia di sostanze con attività antiossidante. Cibi come frutta e verdura (limone, broccoli, verdure verdi, fragole, patate) contengono alti livelli di vitamina C, mentre la vitamina E si trova in particolare negli oli vegetali. Importanti fonti di betacarotene (precursore della vitamina A) sono carote, patate dolci, pomodori, pesche, albicocche. Il selenio, minerale che aiuta a prevenire il danneggiamento delle cellule a causa di composti derivati dall'ossigeno, si trova invece nel pesce, nella carne rossa, nelle uova, nel pollo e in tutte le verdure coltivate in terreni ricchi di selenio. Infine, altri ossidanti come quelli polifenolici si trovano in tè, caffè, soia, origano, frutta, olio d'oliva, cioccolato e vino rosso. 

Come si può notare gli antiossidanti si trovano nella maggior parte dei cibi anche se in misura diversa. Normalmente i cibi freschi hanno più antiossidanti di quelli lavorati o cucinati, questo perché i processi di preparazione espongono il cibo ad ossidazioni che li distruggono. Una dieta ricca dei componenti sopra citati è sufficiente al fabbisogno del corpo e non c'è bisogno di assumere ulteriori antiossidanti dagli integratori, che sono comunque consigliati in casi particolari (quali attività sportiva intensa, gravidanza o allattamento, stress fisico o emotivo, età avanzata). 

Insomma, gli antiossidanti possono far molto per mantenerci in salute, a noi non resta altro che il compito di assumerli regolarmente e in quantità sufficiente per godere dei loro numerosi effetti benefici, e per facilitarne l’assunzione elencheremo i cibi in cui son presenti in maggiore quantità: 

Come su scritto,anche se può sembrare strano in quanto si pensa che abbia effetti negativi sulla salute, un ottimo esempio di antiossidante è il cioccolato. I meriti sono dovuti a sostanze della famiglia dei polifenoli, i flavonoidi, contenuti nei semi di cacao. Essi infatti sono capaci di arrestare l'ossidazione del colesterolo "cattivo" (Ldl).
A quanto pare, avete una vasta scelta.

gpt skin_mobile-bellezza-0