I nostri speciali

L'ABC del ciclo mestruale

1 5

L'alimentazione durante il ciclo mestruale

Durante il ciclo possiamo mangiare tutto, ma senza dubbio ci sono cibi che ci aiutano a sentirci più in forma e altri che sarebbe meglio evitare

Alimentazione durante il ciclo mestruale

Cosa dovremmo mangiare nei giorni del ciclo mestruale per sentirci al meglio? La prima regola è non saltare i pasti: abbiamo bisogno della giusta dose di energia, anche e soprattutto nei giorni delle mestruazioni. Inoltre può essere utile portare sempre con noi una bottiglietta d'acqua, oltre alle solite cose utili nei giorni del ciclo, o magari addirittura un piccolo thermos con qualche tisana rilassante, che ci può aiutare a drenare i liquidi e limitare il gonfiore addominale durante il ciclo, ma anche in precedenza è utile, per attenuare i disturbi della sindrome premestruale.

A colazione possiamo sostituire il caffè con dell'orzo, la caffeina infatti andrebbe evitata perché potrebbe sollecitare fastidiosi crampi al basso ventre. Come snack mattutino possiamo mangiare un buon frutto e fra questi il migliore potrebbe essere la banana, in quanto ricca di potassio e vitamina B6. Per i pasti puntiamo a un piatto a base di pesce, ad esempio il salmone, che grazie agli Omega3 ci aiuta a rilassare la muscolatura addominale. E per contorno? Verdura a foglia verde che ci restituirà il giusto apporto di ferro. Una dieta sana ci aiuta anche in caso di ciclo mestruale irregolare.

Ma durante i giorni del ciclo possiamo tranquillamente concederci qualche sfizio. Sapevate che la cioccolata infatti è un vero toccasana in questi casi? Contiene magnesio e stimola la produzione di serotonina aiutandoci a mantenerci allegre e rilassate! Ad una dieta attenta abbiniamo anche lo sport durante il ciclo che ci aiuterà a sentirci più in forma e scegliamo fra i tipi di assorbenti in commercio quello più adatto alle nostre esigenze.

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt