1 5

Carenza di potassio e magnesio: i sintomi e cosa mangiare per combatterla

La carenza di potassio e magnesio può avere ripercussioni sull'organismo, ecco con quali sintomi si manifesta e come farvi fronte

Carenza Potassio e Magnesio

Magnesio e potassio sono caratterizzati da una stretta correlazione biologica e spesso li troviamo associati all'interno dei vari integratori alimentari che si trovano in vendita nelle farmacie o nelle erboristerie. Sono due sali minerali fondamentali per il nostro organismo e il magnesio in particolare, è essenziale per l'attività della pompa sodio-potassio: proprio per questo una carenza di magnesio può condurre conseguenti perdite di potassio. Per questo e molti altri motivi una carenza di potassio e magnesio può essere molto dannosa per il nostro organismo. Quali sono però i sintomi di questa carenza? Vediamoli insieme.

Vademecum su acqua e sport: quanto bisogna bere a seconda dello sport

Sintomi carenza potassio e magnesio

  • stanchezza
  • umore alterato
  • confusione mentale
  • irritabilità
  • mancanza di coordinazione muscolare
  • tremori  o formicolii
  • crampi
  • accentuazione dei riflessi tendinei
  • aritmia cardiaca
  • disturbi intestinali o digestivi
  • sintomi da sindrome premestruale accentuati
  • depressione
  • debolezza muscolare
  • difficoltà respiratorie
  • insonnia
  • nervosismo
  • mal di testa
  • edemi periferici, soprattutto caviglie e piedi gonfi
  • stanchezza cronica
  • stitichezza

È fondamentale indagare per capire quale sia la gravità di questa carenza e come andare ad agire per adempiere alla suddetta carenza. Generalmente, adeguando la dieta alimentare e introducendo alimenti ricchi di magnesio e potassioer riequilibrare la carenza, potremo risolvere il problema. In alternativa, potranno venirci in aiuto i vari integratori alimentari disponibili in commercio. Il magnesio è utile anche in caso di squilibri ormonali che possono portare anche al manifestarsi della metrorragia.

Carenza di potassio e magnesio: cosa mangiare

Se abbiamo scoperto di essere carenti in potassio e magnesio, è importante andare ad aumentare l’apporto di alimenti portatori di questi due minerali, all’interno della nostra dieta quotidiana. Troviamo potassio e magnesio soprattutto nei vegetali verdi come spinaci o insalata e in tutti quegli alimenti ricchi di clorofilla, sostanza in grado di dare colore verde, contenente moltissimo magnesio. È contenuto anche nella frutta fresca soprattutto in ananas, uva, more, arancia e ciliegie. Il potassio inoltre è contenuto nei legumi e abbondantemente nella frutta come fichi, prugne, datteri, noci e soprattutto cereali.

Disturbi da carenza di potassio e magnesio

Se stiamo vivendo una carenza di potassio e magnesio, senza dubbio avremo captato alcuni dei sintomi su descritti, con un conseguente stato di più o meno lieve, disagio generalizzato. Una carenza di questi due minerali porta inevitabilmente anche ad un aumento di peso: infatti, magnesio e potassio sono coinvolti nei meccanismi che permettono al nostro corpo di bruciare calorie, indebolendo i muscoli e portando ad una maggiore ritenzione idrica, favorendo l’accumulo di peso. È fondamentale quindi, per un benessere di tutto il nostro organismo, integrare quotidianamente a sufficienza i due minerali, potassio e magnesio, mediante dieta alimentare o integratori se vi fosse la necessità.

  • Formicolio - Nello specifico, per garantire una corretta funzionalità dei nervi è importante garantire una adeguata concentrazione di potassio: quando la quantità di potassio scende oltre il limite consentito, possiamo avvertire oltre ai sintomi su scritti, una sensazione piuttosto fastidiosa di formicolio agli arti e perdere sensibilità di una parte del corpo.
  • Tremori - Uno dei disturbi che si può avvertire se si perde l'equilibrio fra potassio e magnesio è senza dubbio il tremore muscolare, talvolta accompagnato da crampi. Non si tratta chiaramente di una sensazione piacevole.
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-benessere-0