1 5

10 cose che il ginecologo vuole da te

/pictures/2016/05/12/10-cose-che-la-tua-ginecologa-vuole-da-te-676054092[1605]x[670]780x325.jpeg iStock
Sapere cosa il ginecologo si aspetta da noi può toglierci da qualche imbarazzo e aiutarci a programmare serenamente le nostre visite: ecco le 10 cose più importanti

10 cose che il ginecologo vuole dalle donne

Per una donna andare dal ginecologo è sempre una questione delicata, sono poche le donne che prendono appuntamento senza fare un sospiro. Magari il nostro ginecologo o ginecologa è la persona più simpatica del mondo, ma quando lo vediamo lì, con il camice indosso, non è esattamente al suo senso dell’umorismo che pensiamo.

A Torino il primo studio su test DNA fetale per screening

In ogni caso, andare dal ginecologo per controlli regolari è un diritto, ma è soprattutto un dovere verso noi stesse: dobbiamo rassegnarci, una visita dal ginecologo bisogna farla almeno una volta l’anno, a meno che non sia lo stesso medico a darci indicazioni diverse.

10 cose che il ginecologo può insegnarci

Ma forse sapere che il nostro ginecologo o la nostra ginecologa si aspettano da noi un certo tipo di comportamento che potrebbe toglierci da qualche imbarazzo e aiutarci a programmare serenamente le nostre visite.

La ginecologa risponde: "Rapporti completi, ciclo regolare, perché non rimango incinta?"

La ginecologa risponde: cos'è il congelamento degli ovuli per conservare la fertilità?

Ecco quindi una lista ideale di cose che vorrebbe il/la tuo/la ginecologo/a da te:

  1. Che smettessi di essere ansiosa ogni volta che devi prendere un appuntamento per la visita. L’abbiamo appena detto: che si voglia o no, va fatto! E’ inevitabile come la dichiarazione dei redditi. Se ci abituiamo all’idea, tutto diventerà più facile.
  2. Che non aspettassi a prendere il primo appuntamento solo dopo il primo rapporto sessuale. In realtà è consigliabile vedere il ginecologo la prima volta fra i 13 e i 15 anni per questioni di salute e di consapevolezza. Teniamolo a mente anche per le nostre figlie.
  3. Che parlassi liberamente durante le visite. Non sei a scuola, nessuno ti deve giudicare, anzi: il dottore serve proprio per risolvere i tuoi problemi, quindi perché non parlarne? Anche se sono imbarazzanti. Anche a costo di andare a visita con certi termini scritti su bigliettini perché non riesci a ricordarli. O magari puoi mandare un messaggio al ginecologo poco prima della visita, così sarà già preparato a risponderti, senza silenzi imbarazzanti.
  4. Che non usassi i deodoranti per vagina. Non solo non profumano, ma possono essere dannosi. Se pensi di avere un odore troppo forte, assicurati col ginecologo di non avere infezioni. Altrimenti basta il sapone neutro sotto la doccia o nel bidet per ritrovare la naturale freschezza.
  5. Che smettessi di preoccuparti della situazione dei tuoi peli là sotto. Non importa quale tipo di depilazione preferisci, al ginecologo non interessa.
  6. Che lo contattassi subito se hai problemi a urinare. Perché potrebbero esserci infezioni che vanno trattate, come la candida. Sono problemi che non vanno sottovalutati mai.
  7. Che non cercassi i tuoi sintomi su Google per fare l’autodiagnosi. Questa è una cosa che fa imbestialire tutti i dottori, non solo i ginecologi. Se bastasse Google, nessuno farebbe più anni e anni di Medicina all’Università, né ricerche in laboratorio: basterebbe un pc con una connessione a internet.
  8. Che tu parlassi con dei tuoi problemi col ciclo e con la sindrome premestruale. Spesso si tratta di disturbi che possono essere risolti con poco: vale la pena di dirlo al ginecologo!
  9. Che tu discutessi durante la visita di sesso sicuro. Perché potrebbe darti una mano importante a scegliere i sistemi contraccettivi più adatti a te e alla tua vita di coppia (oppure a quella “occasionale”). E anche per sapere come evitare malattie sessualmente trasmissibili.
  10. Che tu non annullassi l’appuntamento perché ti è arrivato il ciclo. Il ginecologo vorrebbe vederti lo stesso!
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-benessere-0