gpt
gpt strip1_gpt-ros-0-0
gpt skin_web-ros-0-0

I nostri speciali

Salute donna

1 5

Cistite: cause, sintomi e rimedi naturali per adulti e bambini

Cos'è la cistite e come possiamo curarla: ecco tutte le informazioni utili su questa infiammazione che colpisce prevalentemente le donne, quali sono i sintomi ed i rimedi più efficaci per prevenirla e curarla

Cistite

La cistite è una fastidiosa infiammazione della mucosa vescicale che colpisce prevalentemente il sesso femminile. La cistite può insorgere senza cause particolari, può presentarsi una sola volta oppure ritornare fino a diventare cronica. In ogni caso, soprattutto se si è affetti da episodi ricorrenti, è opportuno rivolgersi al medico o al ginecologo per capire la causa scatenante di questa infiammazione e trovare la cura più adatta, per evitare che l'infezione possa estendersi alle vie urinarie o genitali.

I sintomi possono variare in base a diversi fattori, come l'età, il sesso o la presenza di altre patologie: quindi è sempre bene non sottovalutare nessun sintomo o disturbo. Ne soffrono tantissime donne e per prevenirla e combatterla basta essere attente al tipo di alimentazione e a curare l’igiene personale. Vediamo insieme che cos'è, le cause, i sintomi e i rimedi.

1. Che cosa è   

La cistite è un'infiammazione acuta della vescica molto spesso di origine batterica. E’ un disturbo molto comune che colpisce soprattutto le donne a causa della diversa conformazione anatomica dell’apparato. Di base la cistite batterica si manifesta quando la vescica si infiamma, in maniera acuta o cronica, a causa di germi intestinali che colonizzano la vagina. Microrganismi come l’Escherichia coli, Proteus, o l’Enterococcus, giungono alla vescica risalendo dall’uretra, condotto da cui fuoriesce l’urina. A volte può essere causata dall'assunzione di farmaci o da molecole irritanti come prodotti per l'igiene intima o gel spermicidi. E' molto diffusa soprattutto tra le donne come altri disturbi dell'apparato urinario, come l'incontinenza ed è simile per certi aspetti sintomatici alla vescica iperattiva.

Candida: causa, sintomi, cura (e differenze) della candidosi tra donna e uomo

2. I sintomi

I sintomi tipici della cistite sono prurito e dolori al bassoventre. Associati anche ad uno stimolo frequente e urgente di fare la pipì. A questi si possono aggiungere la presenza di sangue nelle urine, dolore o sensazione di pressione nell'area pelvica, urine opache e dall'odore intenso, bruciore intimo. Talvolta possono comparire febbre, più o meno elevata, nausea e vomito. La cistite è dolorosa e fastidiosa ma in genere non è pericolosa per la salute, a differenza di altre infezioni come la gonorrea, a meno che l'infezione non si estenda ai reni.

Clamidia: Test, cure e terapie

3. Cause

  • igiene intima scarsa
  • uso del diaframma
  • stress
  • crema spermicida
  • biancheria sintetica
  • tipi di assorbenti
  • rapporti sessuali non protetti
  • dieta

Essendo un’infezione di tipo batterica, esistono diverse condizioni in grado di provocarla, come la scarsa igiene intima, l'uso del diaframma e di creme spermicide, favorendo così l’insediamento di batteri patogeni, l’uso di indumenti molto stretti e di biancheria intima sintetica, gli assorbenti interni, i rapporti sessuali frequenti e il diabete. Non solo, la cistite tende a ripresentarsi nei periodi di cambio stagionale (primavera e autunno in particolare), nei momenti di forte stress e in caso di caduta delle difese immunitarie o di disordini alimentari.

4. Cistite emorragica

La cistite emorragica è un'infiammazione della mucosa della vescica che si manifesta con pubalgia e sangue nelle urine. Le cause possono essere di natura infettiva provocate dall’azione patogena dei batteri nelle vie urinarie e non infettiva, con alcuni fattori di rischio come la debilitazione del sistema immunitario dovute ad una terapia, la chemioterapia, tumori, alcune malattie sessualmente trasmissibili o il diabete. Per curarla si deve seguire una terapia specifica, che si avvale dell’uso soprattutto di antibiotici.

5. La cistite interstiziale

E’ una malattia infiammatoria rara cronica della vescica che può essere estremamente debilitante. La cistite interstiziale si presenta con gli stessi sintomi della “classicacistite infettiva. Ma la causa di questa infiammazione è di origine intestinale dovuta a batteri che possono scatenare un’irritazione che, se non trattata, evolve in infiammazione cronica. Pertanto è fondamentale correggere tutti gli stati di disbiosi intestinale.

6. La cistite nell'uomo

Sebbene sia più comune nella donna, la cistite può colpire anche l’uomo, manifestando gli stessi sintomi e caratteristiche ed è causata principalmente da un'infezione batterica. I batteri sono spesso di provenienza fecale e arrivano alla vescica dalla zona anale risalendo lungo l'uretra. Dopo i 50 anni di età, la cistite dell’uomo potrebbe sottendere una problematica prostatica. Per il giusto trattamento è fondamentale parlare con il proprio medico.

7. Sesso e cistite

La presenza di cistite, portando fra i vari sintomi bruciore, coinvolge anche la vita sessuale. Durante il rapporto l’eventuale dolore determina disagio, stress e preoccupazione, oltre che problemi di coppia come calo del desiderio e della capacità di raggiungere l’orgasmo. Non solo c’è anche la possibilità che sia la stessa attività sessuale a scatenare l’infiammazione. È infatti abbastanza comune soffrire di cistite post-coitale che porta a sollecitare la parete posteriore della vescica, ma che facilita anche il passaggio di batteri dal perineo alla vagina e da qui all’uretra.

8. Cistite nei bambini

Come avviene nel caso degli adulti, anche per i bambini il disturbo è caratterizzato da un'infiammazione della parete vescicale, dovuta generalmente a un'infezione di tipo batterico. E colpisce più le femminucce in particolar modo dopo i quattro anni di età. Nei lattanti e nei bambini molto piccoli, la cistite può manifestarsi con sintomi piuttosto generici, come irritabilità, inappetenza, vomito, letargia e febbre. Nei bambini di età superiore ai due anni, invece, solitamente la cistite si presenta con sintomi molto simili a quelli che manifestano i pazienti adulti. Per la cura è fondamentale rivolgersi immediatamente al proprio pediatra o al proprio medico.

9. Alimentazione in caso di cistite

Quando la cistite è di natura batterica è meglio evitare gli zuccheri raffinati che favoriscono la proliferazione dei batteri e alimenti come il peperoncino, il pepe e quelli piccanti che potrebbero peggiorare il bruciore. Da preferire, invece, un’alimentazione ricca di fibre e cereali integrali, frutta e verdura fresca di stagione. Da evitare caffè e alcool, cioccolato e dolci, spezie piccanti, formaggi, insaccati e alimenti molto grassi.

10. Rimedi per la cistite

La cistite e come curarla. Per la cura della cistite sono solitamente prescritti gli antibiotici, farmaci che devono essere presi esclusivamente su indicazione del medico. Il trattamento più adatto dipende dalla causa alla base dell'infiammazione. Altrimenti esiste la possibilità di ricorrere ad alcuni rimedi naturali molto efficaci che hanno un’azione antisettica e antinfiammatoria delle vie urinarie e impediscono l’adesione dei batteri alle pareti della vescica, come:

  • Succo di mirtillo rosso
  • Pompelmo
  • Uva ursina
  • Mais
  • Mirtillo nero
  • Fiori di Bach
  • Tisana alla Malva
  • Corbezzolo
  • Erica
  • Calendula
  • Echinacea
  • Bicarbonato
  • Pilosella
  • Ortica

11.Rimedi naturali

Altri rimedi naturali sono:

  • D-mannosio, uno zucchero semplice estratto tramite fermentazione che funziona al pari di un antibiotico naturale
  • Pau d’arco, un decotto per contrastare la cistite ma anche candida e altri disturbi

12. Come prevenire la cistite

  • Bere molta acqua che stimola la diuresi ed elimina più in fretta i batteri
  • Evitate pantaloni troppo attillati
  • Curate la propria igiene intima
  • Utilizzare assorbenti in cotone o lavabili
  • Fare pipì dopo un rapporto sessuale
  • Non trattenere l'urina
  • Indossate biancheria intima in cotone
  • Mangiate in maniera sana
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt