I nostri speciali

L'ABC del ciclo mestruale

1 5

Donne e sport: come fare durante il ciclo?

Chi lo ha detto che si deve rinunciare alla palestra durante i giorni del ciclo mestruale? Fare attività fisica quando hai le mestruazioni non solo è possibile, ma fa anche bene

Fare sport durante il ciclo

Molte donne credono che durante le mestruazioni debbano rinunciare a qualsiasi tipo di attività che non comprenda letto, divano e borsa dell'acqua calda, evitando così a malincuore tutto ciò che preveda degli spostamenti fisici, e in particolar modo lo sport. Ebbene, nulla di più sbagliato, è una leggenda metropolitana che si accompagna a molte altre di questo genere, come quella che dice che non si potrebbe fare la ceretta durante il ciclo! Pare infatti che l'attività fisica non solo sia un piacere da concedersi senza paura, ma che contribuisca addirittura ad alleviare notevolmente i caratteristici sintomi che possono accompagnare le mestruazioni, ma anche la sindrome premestruale, facendoci sentire immediatamente meglio sia fisicamente che mentalmente. Ricordatevi solo di curare particolarmente l'alimentazione durante il ciclo.

Perché fare sport durante il ciclo fa bene

Contrariamente a quanto si creda, non esiste attività che non si possa fare durante il ciclo mestruale: dalla corsa, al pilates, alla lezione di fitness, dedicarsi allo sport preferito è fattibilissimo, basta scegliere l'assorbente più adatto alle proprie esigenze e non pensarci più. Lo sport infatti è considerato un vero toccasana in quei giorni, in quanto:

Scegli la protezione più adatta durante il ciclo

I moderni prodotti per l'igiene femminile hanno raggiunto risultati davvero straordinari, diventando sempre più sottili e impalpabili, senza però perdere in "sicurezza". Così, se nei giorni delle mestruazioni per la lezione di yoga si può optare per un classico assorbente ultra flessibile, per quelli in cui il flusso è decisamente scarso si può indossare un semplice salvaslip, pratico e assolutamente invisibile agli occhi altrui. Ci sono così tanti tipi di assorbenti in commercio che non faticherai a trovare quello più adatto a te. Porta con te le cose utili nei giorni del ciclo, come ad esempio un assorbente in più per cambiarti.

Programma la tua attività sportiva durante il ciclo

Se preferisci comunque allentare gli allenamenti durante i giorni del ciclo, magari perché sperimenti il caratteristico gonfiore,  impara a programmare da prima un'attività più leggera e ad integrare lo sforzo fisico con molti liquidi, come acqua o bibite naturali ricche di sali minerali. Segui il tuo corpo senza forzare troppo la mano, in fondo l'importante non è mantenere i soliti livelli di esercizio, ma non fermarsi mai del tutto.

Addominali durante il ciclo: si può?

In realtà nessun esercizio è vietato nei giorni del ciclo, molto dipende dal nostro corpo e da come reagisce, tuttavia, poiché durante le mestruazioni i muscoli risultano molto contratti, sarebbe bene puntare su esercizi che favoriscano l'allungamento. Molto utile in queto caso è la fitball che ci consente di eseguire esercizi con la schiena totalmente appoggiata e quindi incurvata e ben allungata, aiutandoci nel tentativo di rilassarci. Quindi cerchiamo di non eseguire gli addominali quando abbiamo il ciclo, o comunque di ridurne il carico rispetto al nostro normale programma di allenamento.

Lo sport è responsabile del ritardo del ciclo mestruale?

Probabilmente avete sentito parlare della correlazione fra sport e ritardo del ciclo, ma è veramente così che stanno le cose? Sì e no. Un'attività sportiva molto intensa, praticamente di livello agonistico, può effettivamente ritardare l'arrivo delle mestruazioni e addirittura essere responsabile di una situazione di amenorrea, ovvero di totale assenza di ciclo mestruale. Tuttavia una normale attività fisica non incide sul ciclo irregolare. L'importante, soprattutto se avete delle mestruazioni abbondanti, è diminuire il carico durante i giorni del flusso.

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt