1 5

La ginecologa risponde: "Rapporti completi, ciclo regolare, perché non rimango incinta?"

/pictures/2017/05/18/la-ginecologa-risponde-rapporti-completi-ciclo-regolare-perche-non-rimango-incinta-3230433473[951]x[397]780x325.jpeg
La ginecologa risponde | Rapporti completi, ciclo regolare ma non riesco a rimanere incinta. La lettera di una nostra utente preoccupata

La ginecologa risponde: rapporti completi, ciclo regolare ma non riesco a rimanere incinta

Buongiorno sono una ragazza di 25 anni e da quasi tre quattro mesi ho rapporti non protetti e completi, però non riesco a rimanere incinta. Volevo sapere perché? Stiamo insieme da 9 anni ho un ciclo mestruale sempre regolare.

I-vitae: la startup che rafforza le capacità di concepire naturalmente

Buongiorno, il quadro che descrive sembrerebbe non presentare al momento alcun elemento di preoccupazione relativo a patologie della riproduzione, ma fa bene a non sottovalutare la cosa e a chiedere consigli a ginecologi esperti di fertilità di coppia, e prendo spunto dalla sua domanda per darle un consiglio, che può accelerare le cose. Può sembrare banale, ma durante lo svolgimento della mia attività, ho scoperto che non tutte le donne sanno individuare i giorni fertili e concentrare i rapporti in quei giorni.   In un ciclo ideale di 28 giorni, l’ovulazione si svolge a metà ciclo (14°giorno). All’ovulazione accade che la cellula uovo matura, prodotta singolarmente dalle ovaie, che lavorano a mesi alterni,  viene catturata dalle tube di Falloppio. Nella porzione distale della tuba, l’ampolla, rimane in attesa  che lo spermatozoo la fecondi. Questa attesa dura dalle 24 ore alle 48 ore. Gli spermatozoi più forti, depositati in vagina durante il rapporto sessuale, abbandonano il liquido seminale (da qui la percezione di perdere liquido dopo il rapporto, che suscita tanta preoccupazione in tante donne) e iniziano il loro viaggio attraverso i fluidi femminili, partendo dal muco cervicale che in fase ovulatoria è più ospitale, perché diventa fluido e filante.

La ginecologa risponde: cos'è il congelamento degli ovuli per conservare la fertilità?

Gli spermatozoi affrontano un lungo viaggio, possono sopravvivere 4- 5 giorni nelle vie genitali femminili, avendo tutto il tempo per fecondare  la cellula uovo.  E’ importantissimo quindi per ottenere una gravidanza, conoscere questi elementi di base della fisiologia dell’apparato riproduttivo, e mirare i rapporti con il proprio partner nell’intorno di 2-3 giorni prima e 2-3 giorni dopo l’ovulazione. Ricordiamoci anche che, una coppia fertile, al massimo della fertilità, ovvero in un’età giovane quale è la sua, ogni mese ha il 25% di possibilità di ottenere la gravidanza (mirando il periodo fertile) e non il 100%.

A Torino il primo studio su test DNA fetale per screening

Se la gravidanza non dovesse arrivare, cosa conviene fare?

Trascorsi 6-8 mesi di rapporti mirati nei giorni fertili senza ottenere la gravidanza, eseguire uno Spermiogramma. Lo Spermiogramma è l’esame che indaga e valuta la qualità del liquido seminale (numero di spermatozoi, capacità di muoversi,  morfologia). E’ un esame molto importante per indirizzare il percorso riproduttivo della coppia, dai rapporti liberi fino all’utilizzo di tecniche di riproduzione assistita più o meno complesse, è un esame specialistico, che deve seguire dei criteri, dettati dall’Organizzazione Mondiale di Sanità (WHO 2010) e per  tale ragione deve essere eseguito dagli addetti al settore, non nei laboratori analisi generici, che non hanno esperienza adeguata.   Se ancora la gravidanza non arrivasse, eventualmente solo a seguire, sarà opportuno effettuare esami più specifici quali un monitoraggio ovulatorio, la valutazione tubarica (ISG) Questi esami rispettivamente accertano l’ovulazione e valutano la normale morfologia delle tube di Falloppio, altrimenti non indagabili. Le auguro di cuore di ottenere presto ciò che più desidera
Un caro saluto
Francesca Marzano

I contatti della Dott.ssa Francesca Marzano

Le altre risposte della ginecologa

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-benessere-0