gpt strip1_generica-benessere
gpt strip1_gpt-benessere-0
gpt skin_web-benessere-0
1 5

Gonorrea: contagio, sintomi e cure nell'uomo e nella donna

Gonorrea, cos'è e come si contrae questa malattia, scopriamo quali sono le cause, i sintomi e i rimedi per curare questa malattia sessualmente trasmissibile

Gonorrea cos'è

La gonorrea è una delle più comuni malattie sessualmente trasmissibili. Conosciuta anche come blenorrea o blenorragia o scolo, la gonorrea è un'infezione batterica, causata dal batterio Neisseria gonorrhoeae o gonococco, che può infettare le mucose dell’apparato genitale maschile e femminile, oltre alle mucose di bocca, gola, occhi e retto. Colpisce soprattutto gli adolescenti tra i quali il rischio di contagio è direttamente proporzionale al numero di partner sessuali avuti. La gonorrea si può contrarrre in caso di sesso non protetto e se non la si cura in tempo può portare a gravi conseguenze. In questa guida vogliamo illistrare la sintomatologia, le cause e i possibili rimedi, si tratta di una guida informativa che in nessun modo si vuole sostituire all'indispensabile diagnosi eseguita da un medico.

1. Gonorrea come si prende?

La gonorrea si trasmette con qualsiasi forma di contatto sessuale diretto con le mucose o le secrezioni del partner infetto. Il contagio può avvenire attraverso rapporti vaginali, anali e orogenitali e, più raramente, col bacio o tramite contatto indiretto (uso misto di biancheria o servizi igienici, ecc.). L’infezione ha un periodo di incubazione che corrisponde al periodo di tempo che va dal contagio alla comparsa dei sintomi piuttosto variabile. Contrarre e poi curare la gonorrea non significa diventarne immuni, si può quindi essere nuovamente contagiati in caso di nuovi rapporti con partner infetti.

Clamidia: Test, terapie e cure

2. Incubazione

Quanto dura l'incubazione della gonorrea? L'incubazione della gonorrea è abbastanza rapida e va da un minimo di due giorni ad un massimo di 5. Questo ovviamente non è un valore assoluto, ma da considerare che in media l'incubazione oscilla fra i 2 e i 5 giorni sia negli uomini che nelle donne. Tuttavia sono stati riscontrati casi di incubazione anche più lunga, fino a 10 giorni. Durante il periodo di incubazione cominciano a presentarsi i primi sintomi che consistono principalmente nella difficoltà ad urinare e nel dolore durante la minzione.

3. Gonorrea nell'uomo e nella donna

La gonorrea o blenoraggia può colpire tanto gli uomini quanto le donne, entrambi i sessi infatti possono entrare in contatto con il gonococco e rimanerne contagiati. Anzi, è proprio il praticare sesso senza protezioni che favorisce il passaggio del batterio da uomo a donna, donna a donna e uomo a uomo. Ciò che cambia in base al sesso sono i sintomi che si presentano e, naturalmente, gli organi che vengono interessati dato che l'apparato urinario femminile e maschile non sono identici. Nel caso degli uomini la parte colpita sarà l'uretra, mentre invece per le donne l'infezione interesserà anche la cervice.

4. Gonorrea maschile sintomi

  • Dolore durante la minzione;
  • Perdite bianche, gialle o verdi dall’uretra che si presentano indicativamente 1-14 a seguito del rapporto a rischio;
  • Dolore e gonfiore delle parti genitali
  • rossore;
  • prurito;

Nel caso in cui subentri anche un’epididimite il paziente può lamentare anche dolore e gonfiore testicolare o scrotale.

5. Gonorrea femminile sintomi

  • Sanguinamento vaginale;
  • Dolore, disturbi e difficoltà ad urinare;
  • Sanguinamento tra un ciclo mestruale;

Nelle donne sono spesso lievi da venire scambiati per disturbi più comuni come una cistite, per via del prurito intimo, o un’infezione vaginale, mentre nelle fasi più acute può causare molti disturbi. L’aumento o la variazione delle caratteristiche delle secrezioni vaginali, con comparsa di perdite vaginali. E se non viene curata può causare la malattia infiammatoria pelvica, una condizione in grado di causare danni permanenti alla fertilità e problemi durante la gravidanza.

6. Tipi di Gonorrea

La gonorrea può interessare diverse zone del corpo e se generalmente si parla di gonorrea riferendosi soprattutto alla zona dei genitali e dell'uretra, in realtà esistono altri tipi di gonorrea che interessano la zona anale e la gola. La gonorrea rettale per essere diagnosticata ha bisogno di un tampone specifico, può essere anche asintomatica. Ma se invece i sintomi sono presenti si sentirà fastidio e bruciore all'ano, si avrà dolore durante la defecazione e si potrebbero avere anche delle perdite di sangue. La gonorrea può attacare anche le mucose della gola dove il gonococco prolifera traquillamente. In questo caso la sintomatologia, se si dovesse manifestare, corrisponderebbe all'ingrossamento delle tonsille a all'irritazione della gola.

7. Gonorrea e gravidanza

E' possibile che avvenga una trasmissione fra madre e figlio quando quest'ultimo viene dato alla luce. I rischi sono molto gravi, perché il bambino potrebbe avere gravi problemi, fra cui la perdita della vista e altre infiammazioni.

8. Gonorrea cura e terapie

La diagnosi avviene in genere mediante test di laboratorio ed è fondamentale per scoprire e affrontare la malattia il prima possibile ed evitare che possa progredire e complicarsi. Il trattamento prevede la somministrazione di antibiotici da prendere per via orale. In Italia, ma non in tutti i paesi, è disponibile la Spectinomicina in mono somministrazione per via intramuscolo.  Di regola ogni volta che si è avuto un rapporto a rischio, sarebbe opportuno sottoporsi a una visita di controllo dal medico.

9. Rischi e pericoli della gonorrea

La gonorrea non curata può causare gravi conseguenze per la salute e complicazioni permanenti all’apparato riproduttivo sia maschile che femminile. Nelle donne l’infiammazione può diffondersi fino all’utero a alle tube di Falloppio, dove è in grado di causare la malattia infiammatoria pelvica e danneggiare in modo irreparabile le tube causando infertilità. Può anche aumentare il rischio di gravidanza ectopica, quando l'impianto dell'embrione avviene in sedi diverse dalla cavità uterina.

Negli uomini sono due le complicanze più frequenti: l’orchite e l’epididimite. La prima è l’infiammazione dei testicoli, la seconda riguarda lo sperma. Se non trattate possono causare infertilità. Nei casi peggiori, quando viene trascurata, l’infezione può diffondersi nel sangue e causare infezione gonococcica disseminata, una condizione pericolosa caratterizzata da artrite, tensosinovite e dermatite.

10. Prevenzione e i numeri della gonorrea

L’uso corretto del preservativo riduce notevolmente, anche se purtroppo non elimina, il rischio di trasmissione. In base a quanto riportato nelle ultime linee guida emesse dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la gonorrea è una delle malattie sessualmente trasmissibili più frequentemente rilevate a livello mondiale. Il miglior modo di prevenirla rimane l’astinenza. Il contatto sessuale con più di un partner o con qualcuno che ha più di un partner aumenta il rischio di contrarre qualsiasi tipo di malattia sessualmente trasmessa.

gpt inread-benessere-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-benessere-0