1 5

L’influenza autunno inverno 2018: 5 milioni a letto

/pictures/2018/09/26/l-influenza-autunno-inverno-2018-5-milioni-a-letto-2478455109[2026]x[845]780x325.jpeg iStock
L'influenza dell'autunno inverno 2018-2019 causerà in Italia un'epidemia di intensità media che costringerà a letto non meno di 5 milioni di persone, affermano i virologi

L’influenza autunno inverno 2018: 5 milioni a letto

L'influenza che verrà causerà in Italia un'epidemia di “intensità media”, che costringerà a letto “non meno di 5 milioni di persone” - alle quali se ne sommeranno “almeno altrettante colpite da sindromi parainfluenzali" - ma che potrebbe anche riservare sorprese perché molto dipenderà dal meteo: se l'inverno dovesse essere più lungo e freddo, sicuramente si avranno più malati". E' la previsione di Fabrizio Pregliasco, virologo e ricercatore del Dipartimento di scienze biomediche per la salute dell'università degli Studi di Milano, e direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi. I calcoli dello specialista si basano sull'andamento dell'influenza nell'altra metà del pianeta, dove le stagioni sono invertite. 

Come fare suffumigi per raffreddore, tosse e catarro

“Nell'emisfero australe la stagione influenzale sta scorrendo con bassi livelli di diffusione - spiega Pregliasco - e con una prevalenza del virus A/H1N1” che fu responsabile della pandemia del 2009, "anche se in quest'ultima parte di stagione rimane l'incognita del contributo del virus B che potrebbe innalzare il bilancio complessivo”. In ogni caso il virologo invita a “non abbassare mai la guardia. Quanto è successo l'anno scorso ce l'ha ricordato chiaramente. Ci aspettavamo una stagione influenzale di media intensità e invece è stata una delle più pesanti degli ultimi anni. Una lezione che non dobbiamo dimenticare”.
 
Se sotto il termine generico di “influenza” si tende a comprendere una grande varietà di forme infettive, Pregliasco ricorda che si può parlare di vera influenza solo se ci sono tre condizioni presenti contemporaneamente:
  • febbre elevata (più alta di 38 gradi) a insorgenza brusca;
  • sintomi sistemici come dolori muscolari - articolari;
  • sintomi respiratori come tosse, naso che cola, congestione-secrezione nasale o mal di gola.
In tutti gli altri casi si parla di “infezioni respiratorie acute o sindromi parainfluenzali”. Quelle che l'esperto ha ribattezzato sindromi da “virus cugini” che “colpiranno - precisa all'AdnKronos Salute - almeno altri 5 milioni di italiani, se non di più”.
Il virologo ammonisce sull'importanza della profilassi: “Il vaccino antinfluenzale è un salvavita per le persone fragili, ovvero tutti gli anziani sopra i 65 anni e i malati cronici per i quali l'influenza potrebbe determinare complicanze - afferma - e può rappresentare un'opportunità di riduzione dell'assenteismo scuola-lavoro e del rischio di contagiare soggetti fragili della propria famiglia. Non protegge da tutte le forme non dovute a virus influenzali e a volte non evita completamente la malattia, ma ne attenua i sintomi e il rischio di complicanze”.
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-benessere-0