1 5

Instagram rimuove filtri effetto chirurgia plastica

L'uso dei social può turbare la percezione che abbiamo di noi stessi: per questo Instagram ha deciso di eliminare i filtri che simulano gli effetti della chirurgia plastica

Instagram elimina i filtri "chirurgia plastica"

Addio ai filtri fotografici che simulano l'esito di un 'ritocco' su Intagram. Lo ha comunicato la società che realizza questo tipo di effetti per Instagram. Una decisione spiegata dal fatto che i filtri che modificano i tratti del volto possono avere effetti negativi sulla percezione di sé e sulla psiche delle persone. "Stiamo rivalutando le nostre politiche: vogliamo che i nostri filtri siano un'esperienza positiva per le persone", ha detto un portavoce.

"Rimuoveremo tutti gli effetti dalla gallery associati con la chirurgia plastica, non ci saranno approvazioni di nuovi effetti come questi", ha aggiunto il portavoce. "Sono in aumento, negli ultimi anni, le pubblicazioni medico scientifiche che indagano l’effetto dei social network sulle persone: un fenomeno nuovo, con un impatto ampio e ancora non del tutto esplorato. Le conseguenze non interessano solo i chirurghi plastici, ma anche dermatologi, dentisti, nutrizionisti e anche urologi", commenta il chirurgo plastico Raffaele Rauso, vicepresidente della Fime (Federazione italiana medici estetici) e docente all’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Uno studio australiano di quest’anno pubblicato, su Body Image, sembra confermare che le foto di visi ritoccate abbiano un effetto negativo su chi le guarda, al contrario di quelle non modificate dai filtri. Non solo: uno studio statunitense del settembre 2019 ha rilevato che i social media influenzano la decisione di sottoporsi all’intervento di aumento del seno.

"I social stanno avendo conseguenze sempre più rilevanti su diversi aspetti della vita quotidiana, inclusi quelli estetici - commenta Rauso - Uno dei rischi è che le persone, soprattutto giovani, possano sopravvalutare i propri difetti guardando immagini di visi e corpi perfetti e ritoccati con i filtri".

"D'altra parte - aggiunge - i social possono anche spingere le persone a migliorarsi o a correggere parti di sé che non piacciono, consentendo ai pazienti di informarsi e di avere un ruolo attivo nelle scelte. Uno studio di qualche settimana fa dimostra come i social stiano rivoluzionando l’approccio alla medicina: oggi con pochi click i pazienti possono avere accesso a ogni tipo informazione e possono condividere difficoltà ed esperienze con persone che hanno lo stesso problema. Sempre più importante in questo scenario è identificare i professionisti validi, verificandone le qualifiche".

Un altro studio, pubblicato su 'Aesthetic Surgery Journal', "aveva rilevato che negli Stati Uniti e in Canada solo il 17,8% dei post di Instagram sulla chirurgia plastica è riconducibile a professionisti certificati, per il resto abbondano medici senza preparazioni specifiche. Il problema vero non sono tanto i social network, che di fatto sono un mezzo di promozione, quanto accertarsi che chi si propone per certi interventi abbia una preparazione adeguata: i social sono un modo conveniente, pratico e veloce per conoscere come lavorano i chirurghi e le procedure che eseguono - afferma Rauso- La maggioranza dei pazienti prima di entrare in studio, ha già acquisito informazioni sui siti e social: l’importante è cercare le notizie giuste, controllando titoli e qualifiche, senza fidarsi di qualche bella immagine. Quello che sembra troppo bello per essere vero, molto spesso non lo è".

Ma come può un paziente verificare i titoli di un medico ed il suo percorso formativo? "Basta controllare sul portale della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, dove sono riportati i titoli che i medici hanno conseguito nel loro iter formativo. E poi fate domande ai medici senza timore: se vi siete rivolti a un professionista serio, non avrà alcun problema a rispondere", conclude Rauso.

"E' una buona notizia - commenta Daniele Spirito, chirurgo plastico di Roma e docente presso la Cattedra di Chirurgia plastica dell’Università di Milano - Rifare una parte del proprio corpo presuppone una scelta ponderata e motivata, e non si può rischiare di sottoporsi a un intervento chirurgico perché ci si è viste più belle in una foto, o per catturare più like. Inoltre i disegni effettuati del chirurgo sulla parte da trattare devono essere eseguiti esclusivamente da chi ha professionalità ed esperienza. Non è raro che molte ragazze e molti ragazzi, anche giovani, oggi richiedano ritocchi, su condizionamento dei social - osserva l’esperto - La percezione di sé perde aderenza con la realtà ed è facile incorrere in errori e scelte sbagliate da cui poi è difficile tornare indietro. Purtroppo ci troviamo di fronte non più a ragionamenti che prevedono osservazione, riflessione e azione. La parte del ragionamento è saltata e l’azione prende il sopravvento - prosegue ancora Spirito - Quando vediamo una foto, che poi è una testimonianza a due dimensioni, quindi passibile di errori di giudizio, la interpretiamo in una frazione di secondo ed emettiamo la sentenza. Impedire il riferimento esplicito alla chirurgia estetica in queste app - conclude - permette di dare tempo alle persone di formulare un giudizio con maggiore consapevolezza".

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-benessere-0