1 5

Tappo di cerume nell'orecchio: come toglierlo? Sintomi e rimedi

/pictures/2016/09/28/tappo-di-cerume-come-toglierlo-4038883534[1000]x[417]780x325.jpeg Shutterstock
Il tappo di cerume è un problema molto diffuso e fastidioso: vi spieghiamo come e perchè si forma il tappo di cerume, e tutti i metodi per toglierlo

Tappo di cerume: come toglierlo, sintomi e rimedi

Il crearsi di un tappo di cerume nelle orecchie è un fenomeno molto frequente, che si può manifestare a tutte le età. Può manifestarsi con un improvviso abbassamento dell'udito, con dolori o con la tipica sensazione di "orecchie tappate". Il tappo di cerume è un problema che può essere risolto in maniera abbastanza facile e veloce, e che non deve destare preoccupazioni perchè non ha implicazioni gravi. Ma per capire bene come comportarsi cominciamo da principio: vi spieghiamo cosa è il cerume, a cosa serve, perchè a volte crea il fastidioso tappo e soprattutto quali sono i rimedi più efficaci.

Cosa è il cerume

Il cerume è una sostanza prodotta dal nostro stesso organismo , è formata da grassi, proteine (cioè cheratina) e sali inorganici disciolti in acqua, ma anche cellule morte dell'epidermide dell'orecchio stesso. Le nostre orecchie producono cerume con uno scopo ben preciso: questa sostanza infatti serve a mantenere la pelle dell'orecchio morbida, a tenere l'ambiente auricolare umido, ma anche a "pulire" l'orecchio stesso. Inoltre il cerume serve anche a proteggere l'orecchio dalle infezioni: al suo interno è infatti presente anche una proteina che ha proprietà antisettiche, vale a dire che è letale per alcune tipologie di batteri. Quindi il cerume serve a pulire l'orecchio e mantenere le sue condizioni ottimali, ma lo protegge anche da molti attacchi esterni.

Orecchie a sventola: l'intervento definitivo

Cerume: come funziona

Il cerume viene prodotto in maniera continua da alcune ghiandole che si trovano all'interno del condotto uditivo, e la produzione stessa fa sì che il cerume si sposti dall'interno verso l'esterno del condotto uditivo. Infatti - come accennavamo - lo spostamento verso l'esterno del cerume serve anche a espellere le cellule morte dell'epidermide del condotto uditivo. Oltre al movimento spontaneo provocato dalla continua produzione di nuovo cerume, lo spostamento verso l'esterno avviene anche grazie ai movimenti della mascella, come ad esempio la masticazione e gli sbadigli.

La produzione di cerume è continua e avviene con relativa lentezza, anche se può variare a livello di quantità e velocità nei diversi momenti dell'anno.

Perchè si crea il tappo di cerume?

Come abbiamo spiegato il cerume scorre verso l'esterno dell'orecchio in maniera autonoma, ma a volte questo lentissimo quanto efficiente meccanismo si intoppa per qualche motivo, e il cerume comincia ad accumularsi compattandosi, andando a creare col tempo un vero e proprio tappo che ostruisce il condotto uditivo nella sua parte più interna.

La formazione di questo tappo può essere provocata da un difetto costitutivo delle nostre orecchie, e in questo caso il problema del tappo di cerume si ripresenterà periodicamente. Oppure il meccanismo di "scorrimento" del cerume può essere ostacolato da altri problemi che si presentano "una tantum", come ad esempio alcune infezioni.

Difendersi dall'inquinamento acustico

Tappo di cerume: i sintomi

Tra i sintomi del tappo di cerume di solito il primo e più frequente è un brusco calo dell'udito. Il peggioramento dell'udito è brusco, anche se la formazione del tappo è lenta e graduale, perchè il passaggio delle onde sonore in qualche modo riesce ad avvenire fin quando il tappo non è del tutto compatto: finché c'è una minima fessura nel condotto uditivo infatti le onde sonore riescono ad arrivare al timpano.

Un altro sintomo del tappo di cerume è avvertire l'orecchio improvvisamente tappato dopo una giornata di mare o piscina. Questo accade perchè il cerume ha una consistenza che va a "gonfiarsi" assorbendo liquidi. Quindi in presenza di acqua il tappo letteralmente si ingrandisce, andando a creare un disagio impossibile da ignorare.

Tappo di cerume e dolore

Il peggioramento dell'udito è il primo campanello d'allarme, ma tra i sintomi del tappo di cerume si palesa a volte anche un certo dolore alla mandibola. Si tratta di una sensazione dolorosa che può anche spaventare se si tratta della prima volta che ci succede. Il dolore è provocato dal tappo di cerume che va a premere sul timpano. Anche se il punto di pressione è molto interno, avvertiamo il dolore alla mandibola, che è una zona strettamente collegata all'apparato uditivo. Di solito il dolore si avverte in maniera più acuta proprio quando muoviamo in maniera brusca la mandibola.

Tappo di cerume e vertigini

A volte può capitare che in associazione al tappo di cerume nelle orecchie si possa provare un lieve senso di vertigine, collegato alla pressione del tappo sul timpano. Tuttavia non possiamo parlare propriamente di vertigini da tappo di cerume: il senso di vertigine può essere provocato anche da altri fattori, per questo in ogni caso è sempre raccomandabile chiedere il parere del medico.

Tappo di cerume: rimedi

Come rimediare alla formazione del tappo di cerume? Esistono svariati "rimendi della nonna" al tappo di cerume: questi consistono quasi sempre nel mettere in atto metodi che facciano ammorbidire o sciogliere i materiali di cui è composto il tappo stesso. I rimedi naturali contro il tappo di cerume quindi altro non saranno che operazioni che permettono di facilitare meccanicamente la fuoriuscita del cerume. Il tappo di cerume può anche essere estratto manualmente oppure aspirato. Ma come fare per ottenere questo effetto?

Come togliere il tappo di cerume

Esistono svariati metodi fai da te, spesso figli della saggezza popolare, per sciogliere il cerume. Su questi i più diffusi sono il cono di cera e l'uso di olii emollienti. Ma come scogliere il cerume con gli olii? In realtà questo metodo serve più che altro ad ammorbidire il cerume per poi estrarlo più facilmente in maniera manuale. Tuttavia questi metodi casalinghi, per quanto comuni, andrebbero evitati.

La realtà è che molto spesso sottovalutiamo la situazione. Perchè è vero che togliere il tappo di cerume potrebbe sembrare un compito abbastanza semplice da sbrigare anche da soli, ma tentando l'estrazione in maniera casalinga c'è il rischio di fare passi falsi e creare danni. Ricordiamo infatti che il timpano è una membrana delicatissima: proprio per questo è opportuno rivolgersi sempre al medico per sciogliere il cerume e togliere il tappo.

Tappo di cerume: acqua ossigenata, cerulisina e audispray

Tra i rimedi per il tappo di cerume anche una serie di prodotti che possiamo trovare in farmacia. L'acqua ossigenata ad esempio viene utilizzata come rimedio fai da te: si versano alcune gocce di acqua ossigenata nell'orecchio per ammorbidire il cerume, e in un secondo momento con un contagocce si introducono nell'orecchio alcune gocce di acqua calda. In questo modo il tappo di cerume dovrebbe sciogliersi e defluire dall'orecchio. Si tratta comunque di un rimedio casalingo e per questo non consigliato: sempre meglio rivolgersi al medico.

La cerulisina è invece un farmaco otologico che ha azione detergente e solubilizzante. Unita ad una soluzione di olio di mandorle dolci, e introdotta nell'orecchio in gocce, favorisce il distacco del tappo di cerume. Prima di utilizzarla è consigliabile chiedere al medico.

Un altro prodotto molto utile soprattutto per chi soffre ciclicamente della formazione del tappo di cerume è Audispray. Si tratta di una soluzione in spray che ha il potere di sciogliere il cerume. Viene utilizzato spesso anche dall'otorino come facilitatore prima di rimuovere il tappo di cerume. Audispray può essere utilizzato anche per l'igiene di routine delle orecchie, perchè facilità il deflusso verso l'esterno del cerume, prevenendo così la formazione del tappo. Anche in questo caso è opportuno chiedere lumi al medico.

Tappo di cerume: come lo toglie il medico?

Abbiamo stabilito che la cosa migliore da fare in caso di tappo di cerume è recarsi da un otorino. Ma cosa farà il medico?

Il trattamento più utilizzato consiste in un lavaggio del condotto uditivo con dell'acqua tiepida che permette al tappo di ammorbidirsi e scivolare verso l'esterno. Si tratta di un procedimento eseguito con attrezzatura medica apposita, assolutamente sicuro. Anche la temperatura dell'acqua, che deve essere ben precisa, è tenuta sotto controllo dal medico.

Se le condizioni dell'orecchio (ad esempio la presenza di danneggiamenti sul timpano) non permettono l'uso dell'acqua, l'otorino provvederà a estrarre il cerume manualmente con un piccolo utensile a forma di uncino, oppure - se il tappo non è troppo duro - servendosi di un macchinario che aspira via il cerume.

In ogni caso rivolgersi all'otorino è molto importante, perchè lo specialista potrà anche accertarsi del fatto che non vi siano altri problemi oltre al tappo di cerume, come ad esempio la presenza di infezioni o di lesioni al timpano.

Tappo di cerume rimedi naturali

Esistono rimedi naturali validi per eliminare il tappo di cerume? La tradizione popolare in realtà propone una gran quantità di rimedi naturali e casalinghi. Tra questi i più diffusi predicano di immettere nell'orecchio acqua tiepida, oppure olio d'oliva, acqua ossigenata, o addirittura infuso di camomilla.

Si tratta di metodi che possono rivelarsi efficaci, in quanto facilitano l'ammorbidimento e quindi l'estrazione del tappo di cerume. Tuttavia, come già spiegato nei paragrafi precedenti, il rischio di sbagliare qualcosa e provocare danni è sempre in agguato. E considerando quanto è delicato il nostro apparato uditivo la scelta migliore è sempre rivolgersi al medico.

Tappo di cerume nei bambini

La formazione del tappo di cerume nei neonati e nei bambini molto piccoli è piuttosto frequente (spesso favorito dallo scorretto uso del cotton fiocc). Quando il problema affligge i bambini è fortemente raccomandato evitare il fai da te, e richiedere il prima possibile l'intervento del medico. Questa regola di buon senso vale ancora di più se si viene a creare il tappo di cerume nei neonati.

Tappo di cerume: come prevenirlo

Una volta tolto, come si fa a far si che il tappo di cerume non si riformi in breve tempo? Posto che alcune persone sono purtroppo predisposte a questo inconveniente, di sicuro possiamo mettere in atto una serie di buone abitudini che possono prevenire la formazione del tappo di cerume. Se siete soggetti in maniera ciclica a questo problema chiedete direttamente al medico: esistono infatti appositi prodotti in gocce che servono proprio a prevenire la formazione del tappo di cerume.

Inoltre - anche se potrebbe sembrare ovvio - è importantissima una regolare pulizia delle orecchie. Attenzione però: la corretta pulizia dell'apparato uditivo implica regole non così intuitive. Andiamo a vederle.

Come pulire le orecchie in modo corretto

Se si parla di pulizia delle orecchie tutti pensiamo ai famigerati cotton fiocc: è risaputo che utilizzarli all'interno del condotto uditivo è sbagliato, eppure tantissime persone continuano ad usarli in questo modo, che sembra loro il più ovvio per tenere pulite le orecchie. Questo non è del tutto errato, ma bisogna fare enorme attenzione ad utilizzare il bastoncino con delicatezza, e solo nella parte esterna dell'orecchio, in maniera tale da non spingere il cerume nuovamente all'interno. Il cotton fiocc può invece essere utilizzato tranquillamente nella parte esterna delle orecchie.

In definitiva però il modo più efficace di pulire le orecchie è - banalmente - lavarle con acqua e sapone, ovviamente nella parte esterna. E' importante non accanirsi nel pulire la parte interna del condotto uditivo: come abbiamo visto - salvo situazioni anomale come infezioni - in questa zona la presenza normale di cerume è salutare, e serve anzi a salvaguardare le condizioni dell'apparato uditivo stesso.

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-benessere-0