1 5

Restyling rapido per rendere più bella la tua cucina

/pictures/2014/11/12/restyling-rapido-per-rendere-piu-bella-la-tua-cucina-3676390[2498]x[1041]780x325.jpeg Shutterstock
Voglia di cambiamenti? Perché non partire proprio dalla casa! Con l'home staging è possibile trasformare ogni ambiente, a partire dalla cucina

Rendere più accogliente la cucina in poche mosse

Volete dare un volto nuovo alla vostra casa e alla cucina, senza spendere troppo? Credete sia difficile, se non impossibile senza un grande budget, vero? Ebbene, vi smentirò.

Negli ultimi anni in Italia sta prendendo piede una tendenza che all’estero è già diffusa da tempo: si chiama home staging e prevede che una specifica figura professionale, l’home stager appunto, possa rendere più accogliente una casa in poche mosse, in modo che risulti più appetibile sul mercato (nel caso di vendita o affitto).

Pensateci bene però: se non dovete né vendere né affittare casa, per chi dovreste renderla più affascinante? La risposta è semplice: per voi stesse! E’ vostro diritto-dovere rendere il posto in cui vivete il più accogliente possibile, a vostra immagine e somiglianza.

Less is more: come arredare la casa minimalista

Dunque perché non rubare qualche consiglio all’home stager per un restyling veloce ma appagante di ogni ambiente della vostra casa? E perché non partire proprio dalla cucina, la stanza che più amiamo?

Gli obiettivi e gli strumenti dell’home staging

Ma cosa fa esattamente l’home stager, che in questo caso siete proprio voi? L’home stager ha un obiettivo principale e fondamentale: mettere in risalto i punti di forza della casa e nasconderne i difetti più evidenti, magari trasformandoli in pregi.

Per raggiungere tali risultati occorre saper distribuire l’arredamento in modo armonioso e puntare anche a qualcosa di nuovo, come un colore alle pareti, tessuti e accessori coordinati, oppure un arredo strategico (ma sempre economico) che aiuti a rendere l’ambiente più equilibrato.

Coppia e soldi: meglio conto in comune o conti separati?

Inoltre c’è un altro elemento fondamentale per rendere una casa bella e accogliente: la luce. Che sia naturale nelle ore diurne, o artificiale nelle ore serali, la luce è essa stessa un elemento d’arredo e va potenziata con tende adeguate, specchi che dilatano lo spazio e posizionamento strategico di lampade, punti luce e degli ormai immancabili led. Tutto acquisterà un altro volto!

Come arredare la zona giorno: ambienti divisi o open space?

Home staging in cucina

Per trasformare la cucina in un ambiente armonioso, dovete puntare innanzitutto sulla luce: eliminate tutto ciò che può impedire a quella naturale di entrare dalla finestra o dalla porta che dà su terrazzo o balcone (come pensili troppo ingombranti o piano d’appoggio mal distribuiti); inoltre, utilizzate tende leggere, che non blocchino il passaggio della luminosità in cucina

Per la sera, aggiungete luci sospese sul tavolo o sul banco snack, e luci puntuali sotto i pensili e/o sopra il piano di lavoro; se poi volete un tocco magico oltre che funzionale, sistemate qualche striscia di led colorati immediatamente sopra lo zoccolo della cucina e poi date ogni sera un effetto diverso: il risultato sarà strepitoso e d’atmosfera!

Come sfruttare gli spazi esterni anche d'inverno

Scegliete poi un colore che volete rendere dominante (sempre che il resto della cucina sia neutro) e colorate la parete più comoda (quella senza pensili o mobili da spostare); dopodiché scegliere tessuti e accessori in tema sarà facile e divertente: tappeti, tende, asciugamani e qualche utensile che richiami il colore scelto o qualche suo complementare, ravviveranno subito il colpo d’occhio. Anche dei semplici fiori freschi, in tema con le tonalità scelte, possono regalare un volto nuovo alla cucina.

Esistono inoltre degli strumenti innovativi per cambiare colore anche a piani di lavoro, splashback o frontali della cucina: i coloranti per tutte le superfici come SottoSopra di Gapi Paints, facili da stendere, efficaci nel risultato, apprezzabilissimi nelle diverse finiture disponibili. Attenzione però: scegliete di rinnovare un solo elemento fra schienali, frontali o piani di lavoro, magari abbinandolo alla parete colorata di cui abbiamo già parlato (l’effetto baroccheggiante infatti, per non dire pacchiano, non è esattamente ciò che cerchiamo!).

In ultimo, non dimenticate l’efficacia degli stickers adesivi: economici, facili da applicare e da cambiare all’occorrenza, belli da vedere, utilissimi per rinnovare con poco. Nei negozi di fai-da-te come Leroy Merlin ce n’è una vasta scelta; se invece volete qualcosa di più raffinato per la cucina provate a visitare il sito di Vinyluse.com

gpt skin_mobile-casa-0