1 5

Come preparare la frittata perfetta: i consigli e le ricette più famose

/pictures/2017/02/16/come-preparare-la-frittata-idee-per-ogni-occasione-388390123[1000]x[417]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-cucina
Tutti i consigli per cucinare la frittata perfetta, che sia bella e appetitosa, e le cinque ricette più famose di frittate semplici e veloci da fare

Frittata perfetta

La frittata perfetta non è affatto facile da preparare come potrebbe sembrare, e lo sa bene chi sul più bello si è ritrovato una frittata bassa e moscia, o poco saporita, bruciacchiata o mezza cruda. Fare una bella frittata è un'operazione piuttosto veloce, ma che richiede il rispetto di una serie di accorgimenti, e che si può sfruttare per tante ricette e idee sfiziose velocissime da preparare.

Per tutte quelle che le ricette con la frittata sono quelle per chi non sa cucinare, per chi non crede che la fantasia in cucina può essere anche solo questione di semplicità, per chi ha poco tempo e cerca una ricetta d'effetto, per chi sta organizzando una cenetta all'ultimo minuto e ha bisogno di un delizioso antipasto ecco qualche deliziosa ricetta tutta uova e padella, a cominciare dalla fondamentale guida alla frittata perfetta. I trucchi per ottenere deliziose frittate e idee sfiziose per realizzarne di buonissime nel nostro ricettario dedicato alle frittate!

In questo articolo trovate tutti i segreti per fare una frittata perfetta bella e buona e le ricette fondamentali:

gpt native-middle-foglia-cucina

Come fare una frittata perfetta

Per fare una buona frittata non serve uno chef, ma fare una frittata esteticamente bella e alta si rivela spesso molto più difficile di quanto pensiamo. In realtà preparare un'ottima frittata non è difficile, ma richiede cure e qualche piccolo trucco. Ecco le mosse che bisogna seguire per evitare di portare in tavola una massa molliccia e gialla, un disco carbonizzato o uova crude fra cui spuntano irriconoscibili ingredienti.

  • Prima di tutto: le uova devono essere assolutamente fresche e meglio se a temperatura ambiente, e vanno sbattute con una forchetta assieme agli ingredienti con cui si intende realizzare la frittata.
  • Se si vuole una frittata più soffice e porosa conviene montare a parte gli albumi, che quando avranno raggiunto la consistenza a neve (una spuma soffice ma solida), potranno essere incorporati al resto. Qualcuno consiglia invece di incorporare all'impasto un cucchiaio di birra chiara.
  • Per un sapore meno deciso si può aggiungere invece, in fase di mescolamento, un cucchiaio scarso di latte per ogni uovo usato.
  • Prima di cuocere ricordatevi poi di aggiungere un pizzico di sale e del pepe, se vi piace, o del formaggio, se la ricetta che avete scelto lo prevede. Comunque anche nella più semplice delle frittate un po' di parmigiano ci sta benissimo.
  • La padella da frittata, rigorosamente antiaderente, va scaldata e unta, con burro o olio (ma è preferibile usare l'olio). Durante la cottura, con l'aiuto di una spatola, smuovete la frittata, per farle incorporare l'aria. La fiamma va tenuta bassa. Meglio poi coperchiare la padella.
  • A metà cottura - quando i bordi sono cotti in modo omogeneo e si staccano - la frittata va girata, con l'aiuto di palette apposite, oppure aiutandosi con un piatto o con un coperchio piatto. Una volta girata la frittata abbassate ancora la fiamma - servirà a farla "crescere" un po' - e copritela con un coperchio. Controllate la consistenza - dorata, ma non bruciata - e voilà la vostra frittata perfetta è pronta per essere mangiata!
  • Se siete vegan o allergici alle uova è possibile con la farina di ceci preparare anche la frittata vegana, detta anche farifrittata

Come fare una frittata alta

Parliamoci chiaro: la frittata per apparire al meglio, squisita e fragrante, ma soprattutto gustosa, deve essere alta. Ma come si fa a ottenere una frittata davvero alta e morbida invece che una triste e "moscia" sfoglia di frittata? Ecco tutti i trucchi sperimentati:

  • la prima fondamentale regola è anche la più ovvia: bisogna scegliere una padella di dimensioni adeguate, e nella fattispecie non troppo larga. Ad esempio per una frittata di 4 uova basterà una padella di 16 cm di diametro.
  • L'idea di montare a parte gli albumi può essere utile, anche se i "puristi" non ne vanno entusiasti;
  • Provate anche ad aggiungere un poco di birra al composto della frittata
  • Altro trucco segreto: aggiungere all'impasto un cucchiaio di fecola di patate sciolta in pochissimo latte
  • Si rivela poi molto utile cuocere la frittata a fuoco molto basso e coperchiandola

Perchè la frittata si attacca alla padella?

Se la frittata si attacca alla padella le questioni sono due: o non avete unto abbastanza la padella, o non avete scelto la padella giusta. Nella fattispecie per la frittata è indispensabile la padella antiaderente, ma bisogna anche fare attenzione che sia una padella di qualità e che non sia deteriorata. Molte padelle antiaderenti infatti con il tempo si rovinano e perdono anche il loro potere antiederente, quindi vanno sostituite per tempo.

Altro dettaglio fondamentale: ungere la padella nel modo giusto. Utilizzate olio EVO, e trovate la giusta dose: non deve essere troppo, ma nemmeno troppo poco. Altro piccolo trucco: mettete la padella sul fuoco qualche istante perchè si scaldi, e solo allora aggiungete l'olio.

A questi accorgimenti di base deve comunque aggiungersi un poco di maestria: dopo aver versato le uova sbattute in padella non toccatele per un paio di minuti e coperchiate. Tenete il fuoco molto basso. A un certo punto controllate le condizioni della frittata e smuovetela molto delicatamente con una spatola, oppure semplicemente scuotendo la padella. In questo modo la frittata non si attacca.

Frittata al forno

Ebbene si: la frittata può essere fatta anche in forno, metodo che tra l'altro minimizza il rischio di fallimento, anche perchè non bisogna cimentarsi con il difficile (per alcuni) momento in cui la frittata va girata. Insomma, zero rischi di frantumare la vostra frittata per farla cuocere bene da entrambi i lati.

Ma veniamo alla preparazione: preparate il composto per la frittata con ingredienti a piacimento. Di sicuro - oltre alle uova - non potranno mancare sale, pepe, un poco di latte e il parmigiano. La prima accortezza da seguire è la scelta della teglia, che deve essere rigorosamente antiaderente. Per andare sul sicuro potete foderare la teglia con della carta da forno, in maniera tale da ricoprirne anche i bordi. Se non usate la carta da forno ricordate di ungere bene con l'olio sia il fondo che i bordi della teglia.

Ora procediamo alla cottura: il forno deve essere impostato a una temperatura di 180-190° (regolatevi in base alla potenza del forno) e deve essere pre-riscaldato. Procediamo quindi a infornare la nostra frittata e controlliamo in maniera costante la cottura, che durerà tra i 10 e i 15 minuti. In genere la frittata tende a gonfiarsi quando comincia a cuocere, per poi riabbassarsi. Aspettiamo che raggiunga un bel colorito sulla parte superiore e tiriamo fuori dal forno.

Frittata con le patate

Un grande must è la frittata con le patate: in particolare si tratta di una ricetta estremamente tipica in Spagna, dove è chiamata "tortilla". La ricetta originale della tortilla spagnola prevede anche l'uso della cipolla, di cui bisogna fare un soffritto nel quale poi cuocere le patate, ma se non la amate potete evitarla. Le patate però vanno rigorosamente cotte in padella o al massimo in forno: con le patate lesse non è la stessa cosa. Una volta che le patate saranno ben cotte unitele al composto della frittata, mescolate bene e procedete alla normale cottura della frittata, cercando però di fare un più attenzione nel maneggiare la frittata quando la rigirate. Questo tipo di frittata può essere consumata anche fredda, e anzi risulta più ancora più buona dopo esser stata lasciata a riposare alcune ore.

Frittata di pasta

La frittata di pasta è la regina delle ricette della cosidetta "cucina di recupero", cioè fatta sfruttando gli avanzi, ed è un piatto tipico della tradizione napoletana. Volendo potete anche cuocere la pasta appositamente per prepararla, ma sappiate che per restare nel vero spirito della ricetta bisogna usare la pasta anvanzata.

Ma andiamo alla preparazione: realizziamo il solito composto base regolandoci con le quantità in base alla quantità della pasta. Mescoliamo quindi uova, sale, pepe, un poco di latte e parmigiano. Piccolo trucco: aggiungere anche un po' di burro a pezzettini nel composto. Uniamo quindi la pasta e procediamo alla normale cottura in padella.

Frittata di cipolle

Se pensate che la frittata di cipolle sia indigesta vuol dire che non l'avete mai assaggiata: si tratta infatti di un piatto gustosissimo. Il segreto della buona riuscita del piatto? Indubbiamente cuocere bene le cipolle, che devono raggiungere una consistenza morbidissima. Affinchè cuociano bene affettatele molto sottili e lasciatele appassire nell'olio per qualche minuto, quindi aggiungete un po' di brodo vegetale e coperchiate facendo cuocere a fuoco basso. Solo quando le cipolle saranno perfettamente cotte potrete unirle al composto della frittata e procedere con la cottura.

Frittata con le zucchine

Una delle ricette più tradizionali è la frittata con le zucchine. La preparazione è piuttosto semplice, ma bisogna ricordare che le zucchine vanno preventivamente cotte. Se volete una versione salutista della ricetta cuocete le zucchine al vapore, ma sappiate che un risultato ben più gustoso sarà assicurato se cuocete le zucchine in padella, dopo aver preparato un soffritto allo scalogno.

La frittata perfetta: il video

Le regole della frittata perfetta sono poche ma ben precise e non bisogna sgarrare: mettiamo insieme allora tutte le procedure da seguire in modo perfetto per ottenre una frittata fatta a regola d'arte. Guardate il video:

 

 

 

gpt skin_mobile-cucina-0