1 5

Pesce azzurro: tutti i benefici e perché è importante nella nostra dieta

/pictures/2017/07/25/pesce-azzurro-tutti-i-benefici-e-perche-e-importante-nella-nostra-dieta-1943463401[1000]x[417]780x325.jpeg Shutterstock
Perchè il pesce azzurro è un alleato della nostra dieta? Andiamo a scoprire tutti i segreti del pesce azzurro, dalle proprietà nutritive al modo più giusto di consumarlo

Il pesce azzurro: perchè fa bene soprattutto se sei a dieta

Come già sappiamo, tutti i pesci sono ottime fonti di proteine, grassi, vitamine e fosforo. Inoltre nel fegato, nelle uova, nei muscoli del pesce più grasso si trovano vitamine liposolubili A e D. I pesci con le lische, ovvero i tipici pescati sono quelli caratterizzati da maggiori qualità nutrizionali e controindicazioni minori, soprattutto se parliamo di pesce azzurro. Scopriamo insieme quali siano i benefici di questi di pesci, le caratteristiche e le tipologie esistenti che potremo portare in tavola.

Le ricette di pesce più facili

Principali tipi di pesce azzurro: quali sono i pesci azzurri?

Con la definizione di pesce azzurro troviamo specie caratterizzate da una colorazione blu scuro o verde del dorso con ventre argentato. I più conosciuti sulla nostra tavola sono:

  • Acciuga
  • Pesce spada
  • Sardina
  • Tonno
  • Sgombro
  • Sauro o sugarello
  • Palamita
  • Dentice
  • Nasello
  • Platessa

Le due caratteristiche che li accumuna sono i valori nutrizionali e la grande abbondanza nei mari del pianeta, tali per cui mediante la pesca ritroviamo una risorsa facilmente acquisibile a prezzi contenuti, utilizzabile da portare come ottimo alimento sulle nostre tavole.

Come mangiare pesce senza spendere tanto

Perché il pesce azzurro fa bene?

Il pesce azzurro, rispetto ad altri tipi di pesce, è carnoso e più grasso, ricco di omega 3. I valori nutrizionali del pesce azzurro sono ottimamente rapportati se pensiamo che per 100 gr troviamo solo 130 calorie: ovviamente, cucinato in modo semplice, a vapore o alla piastra e senza eccedere nel condimento, sempre accompagnato da verdure fresche o lesse.

Il pesce azzurro è caratterizzato da un grande contenuto proteico e ricco di acidi grassi insaturi, invece che saturi: questa sua conformazione lo rende un alimento particolarmente equilibrato, facilmente digeribile e leggero in grado di apportare benefici al sistema cardiocircolatorio. Oltre a omega 3 e 6, il pesce azzurro contiene anche tantissimi sali minerali come il fosforo, importante per l’assorbimento del calcio nelle ossa e fondamentale per la rigenerazione cellulare. Inoltre, è ricco di potassio utile per l’abbassamento della pressione arteriosa, è ricco di sodio, utile alla resistenza muscolare ai crampi ed è ricco di selenio, stabilizzante del sistema nervoso.

Altra ricchezza del pesce azzurro, sono le vitamine: quelle del gruppo A sono fondamentali per la vista e per la pelle, combattono l’invecchiamento ed eliminano le tossine e stimolano la rigenerazione cellulare; le vitamine del gruppo B servono a velocizzare il metabolismo degli zuccheri trasformandoli velocemente in energia e favoriscono la formazione dei globuli rossi; le vitamine del gruppo E aiutano a prevenire disturbi cardiovascolari e hanno importanti caratteristiche antiossidanti.

Come preparare una cena di pesce con meno di 30 Euro

Pesce azzurro e dieta

Se vogliamo seguire una dieta ipocalorica il pesce azzurro è l’alimento ideale protagonista di questo processo di smaltimento grassi. Consumato tre-quattro volte a settimana infatti apporta oltre alle poche calorie tantissime vitamine, carboidrati e grassi insaturi buoni per l’organismo. È ricco di sostanze benefiche per arterie, sangue, ossa, e denti, oltre ad aiutare a mantenere sotto controllo pressione, trigliceridi e colesterolo.

È importante però che la preparazione sia il più semplice possibile, in pentola, al vapore o al forno e con pochi grassi o addirittura nulli: infine, poco condimento e a crudo, accompagnato poi da pomodorini, basilico e olio extra vergine.

Pesce azzurro: rischi e benefici

Può sembrare assurdo, ma anche un alimento come il pesce azzurro ricco di buone caratteristiche può avere qualche controindicazione. In primis, parliamo dei metalli pesanti: infatti, pesci di grosse dimensioni come il pesce spada o il tonno, possono essere inseriti nella dieta solamente dopo una certa età. Per i bimbi sotto i 3 anni è ampiamente sconsigliato per evitare un eccessivo accumulo di metalli pesanti e tossici all’interno del loro corpo. In questo caso è consigliabile quindi preferire pesci di piccola taglia come alici, sardine, sgombri e pesci allevati.

In secondo luogo, in soggetti allergici o con orticaria a carico di eccesso di accumulo di istamina, il pesce azzurro deve essere dosato con cura per evitare reazioni allergiche o orticaria, poiché alimento istamina liberatorio.

Infine, attenzione se amiamo consumarlo crudo: infatti, può essere causa di infezione da Anisakis se consumato crudo e non precedentemente abbattuto e conservato in maniera adeguata.

Per contro però, dobbiamo dire che è un ottimo alleato contro l’artrite reumatoide per la produzione di Resolvina D2, è ricco di omega 3 per combattere il colesterolo cattivo e previene l’arteriosclerosi.

gpt skin_mobile-cucina-0