1 5

Come organizzare un matrimonio: la guida completa passo passo

/pictures/2019/05/06/come-organizzare-un-matrimonio-la-guida-completa-passo-passo-2506939754[1000]x[416]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-matrimonio
Come si organizza un matrimonio? La cosa più importante è proprio avere una checklist ben precisa con tutte le cose da fare, da organizzare insieme alle tempistiche: vediamo quali sono tutte, ma proprio tutte le cose da fare per organizzare un matrimonio

Come organizzare un matrimonio

Organizzare un matrimonio, specialmente se si tratta del tuo, non è esattamente una cosa semplice. Chi non l’ha mai fatto o non hai mai seguito un’amica durante i preparativi, fatica a credere quanto questi possano diventare davvero stressanti e complicati.

Ma niente paura: con un po’ di strategia riuscirai ad uscirne non solo indenne, ma anche felice e soddisfatta. Mettiamo subito in chiaro che la cosa più importante è avere presente quali sono le cose da fare per organizzare il matrimonio. Bisogna buttare giù una vera e propria checklist delle cose da fare, in modo da capire anche quanto tempo ti occorrerà e come dovresti regolarti su tutta una serie di aspetti. Organizzare un matrimonio da soli non è affatto impossibile con un po' di razionalità. Per aiutarti abbiamo elaborato la lista di tutte le cose fondamentali da fare nell'ambito dell'organizzazione del matrimonio, spiegate passo passo e con tanti link utili ad altrettante guide su ogni singolo step.

  • La data
  • Scegliere chiesa o comune
  • Burocrazia e documenti
  • I testimoni
  • Il budget
  • Gli invitati
  • Il luogo del ricevimento
  • Le partecipazioni
  • Il vestito da sposa
  • Fioraio
  • Fotografo
  • Band e musica per il ricevimento
  • Automobile per la cerimonia
  • Lista nozze
  • Luna di miele
  • Bomboniere
  • Addio al nubilato

Scegliere la data

Il primo passo per organizzare un matrimonio è sicuramente la scelta della data, senza la quale è praticamente impossibile procedere con il resto. Si tratta di una decisione importante perchè quello sarà il giorno che ricorderete per tutta la vita, ma è anche più banalmente un giorno che dovrebbe risultare comodo per i vostri invitati.

La data va scelta almeno un anno prima, ma la tempistica si riduce se decidete per una cerimonia più semplice. In linea di massima tutto dipende dal tipo di cerimonia e di festeggiamento: per il matrimonio in grande stile bisogna organizzarsi almeno un anno prima (alcune chiese molto gettonate vanno prenotate anche due anni prima - non stiamo scherzando). Pensate con cura anche alla stagione: meglio un matrimonio in inverno o il classico matrimonio estivo?

Scegliere la chiesa o il comune

Una volta scelta la data, rimane un ostacolo: la disponibilità della chiesa o del comune in cui volete sposarvi, tanto che questo aspetto molto spesso è strettamente collegato alla scelta della data.

Scegliere un comune diverso da quello di residenza è paradossalmente più facile che potersi sposare in una chiesa non di appartenenza, quindi a volte la data delle nozze potrebbe doversi piegare alle esigenze del luogo dove vi sposerete, dunque andate a parlare con chi di dovere il prima possibile.

Sbrigare la burocrazia: i documenti per il matrimonio

Sposarsi non è solo una questione romantica: essendo un’unione legale comporta l’espletamento di una serie di questioni burocratiche conseguenti. In comune la situazione è semplificata dalla possibile autocertificazione e una volta presentatisi all’ufficio matrimonio di stato civile del comune (può farlo addirittura un delegato al posto degli sposi) basterà pagare una serie di marche da bollo e firmare le pubblicazioni.

Il matrimonio in chiesa invece non è privo di scartoffie, anzi: certificati di battesimo, di cresima, certificato di partecipazione al corso prematrimoniale, altri generi di documenti in caso di matrimonio religioso misto, più i documenti dei testimoni di nozze.

Per il rito civile servono 25 giorni di iter burocratico e poi scattano 180 giorni a disposizione per sposarsi affinchè i documenti non scadano. Per il rito cattolico la questione si complica e l’iter burocratico può durare anche 3 o 4 mesi. Nel link al titolo paragrafo trovate la guida completa alla burocrazia matrimoniale, sia per la Chiesa che per il Comune.

Scegliere i testimoni di nozze

E’ importante nella prima fase dell’organizzazione scegliere anche i testimoni e chiedere loro se sono d’accordo: è una decisione importante che non dovrebbe far torto a nessuno ma che nello stesso tempo deve rendervi felici. E poi, a livello pratico, ci deve essere il tempo per voi sposi di predisporre i documenti burocratici necessari anche per i testimoni, mentre per loro deve esserci il tempo per organizzarsi con le date e con i regali per gli sposi (che, come è noto, devono essere speciali...e anche gli sposi devono fare un regalo ai testimoni!).

Stabilire il budget

E da qui in poi la frittata è fatta: il matrimonio si farà e nessun Don Rodrigo vi potrà fermare. Quindi si passa alla parte pragmatica, dolorosa ma necessaria: stabilire un budget. Un passaggio importantissimo, perchè determinerà lo svolgimento del giorno più importante della vostra vita e di tutti i ricordi che ne conseguiranno. Prima di tutto bisogna informarsi molto per capire davvero quanto costa sposarsi.

Da quanto siete disposti e/o potete spendere dipenderanno la scelta degli abiti, della location, delle decorazioni, delle bomboniere, etc, etc. In questa fase è anche importante stabilire chi e in che misura parteciperà alle spese: sposi, genitori, suoceri. Ricordate anche che una seire di spese sono anche  detraibili.

Scegliere gli invitati

Gli invitati sono direttamente proporzionali al budget che avete a disposizione. E vanno scelti il prima possibile, per avere modo di stabilire in quanti parteciperanno (e avere quindi un’idea chiara del preventivo di spesa per il ricevimento). Se avete tanti amici e tanti parenti, è difficile fare una cernita, perchè molti potrebbero sentirsi esclusi e rimanerci male, e spesso alcune persone si devono invitare “per forza”.

Il consiglio è quello di dedicare magari un aperitivo a buffet a più persone, in modo da poter includere proprio tutti, e lasciare invece la cena o il pranzo agli invitati più stretti.

Scegliere il ristorante o la location per il ricevimento

Anche in questo caso, si tratta di una scelta da effettuare il prima possibile: la data scelta per il matrimonio infatti non è detto che coincida con il calendario di quel casale bellissimo che avevate in mente per il ricevimento. Prima si prenota e meglio è. Tuttavia, ovviamente, la location va scelta in base al budget e agli invitati, quindi necessariamente in quest’ordine, a meno che per voi non risulti essere la cosa più importante: se così fosse, perchè magari è un vostro grande desiderio oppure perchè siete appassionati di un tema a cui si ispirerà il vostro matrimonio e la location del ricevimento ne è parte integrante, allora dovete partire da qui: assicuratevi prima che il posto che avete scelto sia libero in un ventaglio di date possibili e poi cercate di farne combaciare una con la chiesa o il comune. Oppure chiedete di poter svolgere il rito (solo civile in questo caso) all’interno della location a voi tanto cara.

Attenzione: se il luogo dei festeggiamenti che hai scelto non è un ristorante, ad esempio hai optato per il matrimonio in casa, vuol dire che dovrai occuparti anche del catering, che diventa un ulteriore task da affrontare.

Preparare e inviare le partecipazioni

Per avere un’idea chiara di chi parteciperà al grande giorno può essere utile prima fare un giro di inviti "informali" a voce o per telefono, e in un secondo momento spedire le partecipazioni vere e proprie. Dovete preparare e mandare gli inviti, almeno due mesi prima la fatidica data (il galateo suggerisce 50 giorni esatti), il che vuol dire che quando le inviate dovete avere già un'idea almeno a spanne di chi verrà e chi no (numero in base al quale avrete scelto la location del ricevimento).

Se avete scelto un tema o un colore per il matrimonio, anche le partecipazioni dovranno attenersi a questo. Meno costose e sicuramente moderne sono le partecipazioni online, che spesso fanno parte del pacchetto del sito o della app che potete scegliere per organizzare, informare e rendere partecipi gli invitati in ogni fase del matrimonio. Per i cari vecchi zii non proprio tecnologici, tuttavia, rimangono valide le partecipazioni tradizionali, che dunque vanno pensate, fatte stampare e spedite per posta o consegnate a mano. Per questo tocca muoversi con largo anticipo.

Il vestito da sposa

La scelta del vestito per una sposa è sicuramente una delle cose più difficili ma anche più emozionanti di tutta la trafila organizzativa. Avrai sicuramente sfogliato decine e decine di riviste, account instagram e foto pinterest. Avrai mille idee su come desideri che sia il tuo abito. Magari c’è anche quello di mamma e di nonna in soffitta ad aspettarti, da far modificare. O addirittura vuoi disegnartelo da sola. Oppure ancora il budget è low, quindi opti per l’affitto o ancora per l’acquisto di taglie rimaste invendute in qualche boutique.

In qualsiasi caso ad un certo punto devi scegliere come lo vuoi e dare il tempo alle sarte di fare modifiche e aggiusti necessari. Nello stesso tempo devi essere sicura di non variare troppo le tue misure fino alla data del matrimonio. Dunque inizia 8-10 mesi prima a girare per negozi cercando di farti un’idea di massima di cosa desideri. Non metterti ansia nello scegliere cosa vuoi davvero: quel giorno sarai la protagonista e la principessa indiscussa, dovrai sentirti a tuo agio e soprattutto bellissima. Perciò inizia il prima possibile la tua ricerca. E poi, una volta trovato l’abito per te, calcola che le modifiche della sarta hanno delle tempistiche, ma che tu non dovrai nè ingrassare nè dimagrire troppo nel frattempo. Diciamo che la tua scelta dovrà risultare definitiva circa 3 o 4 mesi prima della fatidica data

Trovare fioraio, fotografo, deejay o complesso musicale, auto per la cerimonia

E poi c’è tutta una serie di cose che sembrano rimanere sullo sfondo, ma che in realtà hanno un gran peso nella riuscita del giorno delle nozze:

  • il fioraio, che contribuirà a tutto l’allestimento decorativo, in chiesa/comune e soprattutto presso la location;
  • il fotografo, che dovrà catturare i vostri più bei ricordi;
  • la musica, la colonna sonora del vostro giorno perfetto, sia durante la cerimonia che durante il ricevimento (da trovare almeno un paio di mesi prima del matrimonio);
  • l’auto per la cerimonia, da affittare in stile tradizionale oppure scegliendo qualcosa di insolito.

Fare la lista nozze

La lista nozze è la cosa più divertente ed elettrizzante da fare insieme nell’organizzare il matrimonio: probabilmente la farete online e, se non riguarda il viaggio di nozze, vi potrete sbizzarrire a farvi regalare dagli amici tutto ciò che avete sempre sognato e messo nelle liste dei desideri di Amazon. Ormai fare una wish list perfetta è diventato così facile!

Ovviamente, quando inviate le partecipazioni, dovete dare informazione circa la vostra lista, quindi scegliete cosa volete ricevere in regalo, prima di spedire gli inviti.

Organizzare la luna di miele

La luna di miele va scelta in base alla disponibilità di ferie di entrambi gli sposi e può anche non seguire immediatamente la data delle nozze. E’ diventata consuetudine farsi regalare il viaggio dagli invitati, ma in ogni caso l’altro paletto da tenere presente è il budget a disposizione. E se avete una meta dei sogni, è quella che dovete cercare di raggiungere, questo sarà il vostro viaggio più bello.

Scegliere le bomboniere

Le bomboniere sono il ricordo che lascerete del vostro giorno più bello ai vostri invitati. In linea col tema che avete scelto, fai-da-te, solidali, semplici o tradizionali che siano, le bomboniere devono lasciare qualcosa di voi. A seconda del vostro budget capite se è il caso di realizzarle in casa o commissionarle in un tradizionale negozio di bomboniere, o ancora acquistarle online.

Se avete optato per il fai da te considerate anche che bisogna procurarsi i confetti: per questo la scelta delle bomboniere va fatta con un certo anticipo.

L’addio al nubilato e l’addio al celibato

Questa è l’unica cosa che non compete a voi sposi; tuttavia dovrete designare una o due persone fra i vostri invitati, che organizzino per voi la fantomatica serata divertimento prima delle nozze (sceglieteli un paio di mesi prima della data). Al resto, poi, penseranno loro e saranno cavoli vostri!

gpt skin_mobile-matrimonio-0