1 5

Come fare paraspifferi per porte e finestre

/pictures/2017/03/07/come-fare-paraspifferi-per-porte-e-finestre-2874605029[5229]x[2182]780x325.jpeg Shutterstock
Le finestre di casa sono vecchie e cercate un modo per non far passare il vento e il freddo? Ecco il semplice tutorial su come fare paraspifferi per le porte e le finestre

Come fare paraspifferi

 I salsicciotti paraspifferi sono un elemento indispensabile per tutte quelle case in cui gli infissi sono ormai vecchiotti e lasciano passare fastidiose correnti d’aria, compromettendo l’isolamento termico degli ambienti della casa, con conseguente innalzamento dei costi di riscaldamento. Si tratta di un problema talmente comune, che in commercio è possibile trovare paraspifferi di ogni forma e colore. Le amanti del fai da te certo non si faranno tuttavia sfuggire l’occasione di avviare un nuovo progetto creativo e realizzare con le proprie mani fantastici salsicciotti paraspifferi, perfettamente in linea con lo stile della casa.

Come fare un porta tessere fai da te in tessuto

Per questo progetto necessiteremo di:

  • tessuto
  • materiale per imbottitura
  • metro da sarta
  • forbici
  • ago e filo

Ecco il procedimento completo per realizzare dei paraspifferi per porte o finestre:

  1. La prima operazione da fare è misurare con cura le finestre o le porte davanti a alle quali andranno posizionati i nostri paraspifferi.
  2. Tagliamo dei rettangoli di stoffa lunghi circa 4 cm in più rispetto alla misura presa e alti 40/45 cm.
  3. Giriamo la stoffa al rovescio e ripieghiamola a metà orizzontalmente (sul lato lungo per intenderci). Facciamo combaciare alla perfezione i due lembi e fissiamoli con qualche spillo.
  4. Cuciamo lungo tutta la lunghezza.
  5. Ripetiamo l’operazione su uno dei lati stretti del rettangolo, quindi risvoltiamo il nostro ‘sacchetto di stoffa’ come se fosse un calzino, così da far scomparire all’interno le cuciture appena eseguite.
  6. E’ ora il momento di riempire il ‘sacco’ con il materiale per imbottitura scelto. E’ possibile utilizzare lana, cotone, ovatta e materiali sintetici, come gommapiuma o lattice, che hanno dalla loro il vantaggio della leggerezza e di poter essere lavati in lavatrice all’arrivo della bella stagione. Se si desidera invece utilizzare la sabbia, il nostro paraspifferi risulterà più pesante: terrà molto bene la posizione, ma dovremo ricordarci di rinforzare tutte le cuciture e isolarle con fettucce in tessuto che impediscano la fuoriuscita della sabbia.
  7. Una volta riempito il nostro salsicciotto, non resta che richiudere anche l’ultimo lato: ripiegate la stoffa in eccesso verso l’interno e praticate una cucitura invisibile.
  8. Non resta ora che decorare a piacimento il nostro salsicciotto paraspifferi. E’ ad esempio possibile applicarvi dei romantici fiocchettini, magari realizzati con la stoffa avanzata dall’orlo delle tende, così che siano perfettamente abbinati, oppure realizzare appositamente delle roselline in stoffa, cuoricini imbottiti o sagome di feltro. Lasciate spazio alla fantasia e ispiratevi agli elementi dell’arredo circostante: il successo è garantito!
gpt skin_mobile-ros-0