1 5

Dreamcatcher fai da te

/pictures/2016/06/27/dreamcatcher-fai-da-te-4061965957[5501]x[2295]780x325.jpeg
Dreamcatcher e acchiappasogni: qualche dritta per farselo da sola a casa (con esempi tutti da copiare!)

Dreamcatcher fai da te

 Il dreamcatcher, o più semplicemente acchiappasogni, è un oggetto caro alla cultura degli indiani d’America. Il suo ‘compito’, come suggerito dal nome, è quello di catturare i sogni: se sono belli il dreamcatcher li affiderà al filo di perline (che simboleggia le forze della natura) che li farà avverare; se invece sono cattivi, li consegnerà alle piume di uccello e li farà portare via disperdendoli nei cieli e proteggendoci da essi.

Ancora oggi, alla nascita di un bambino, gli indiani d’America costruiscono per lui un acchiappasogni, collocandolo sopra alla culla. Gli indiani conservano il loro dreamcatcher per tutta la vita e credono che il suo potere si accresca con il passare degli anni, espandendo la capacità di proteggere il suo possessore dagli incubi e far realizzare i suoi sogni. Oltre che per il suo significato, l’acchiappasogni è anche apprezzato per la sua bellezza estetica e oggi diffuso anche nella nostra cultura. Costruirsi da sé il proprio acchiappasogni assume una valenza molto particolare: permette infatti di dar libero sfogo alla fantasia, ma esprime anche la volontà di scacciare la negatività e spalancare porte e mente al pensiero positivo, ai sogni e ai desideri.

Dreamcatcher fai da te: come si fa?

Ecco dunque l’occorrente per costruire un dreamcatcher:
• materiale per realizzare il cerchio (fil di ferro/ tubo sottile in pvc)
• forbici
• colla
• spago, filo di lana o di nylon
• elementi decorativi.
Una volta radunato tutto l’occorrente, la prima cosa da fare è creare il cerchio sul quale andremo poi a costruire il resto: ottimale sarebbe utilizzare un ramo di salice, ma vanno benissimo anche altri materiali di riciclo come tubicini in pvc o filo di ferro.

Creata una circonferenza di media grandezza andremo a fissarne le estremità con della colla a presa rapida o dello spago (con il quale si può realizzare anche l’asola che ci permetterà di appendere il nostro acchiappasogni). Con lo stesso materiale è inoltre possibile realizzare altre due circonferenze di diametro inferiore, che potremo successivamente utilizzare come strutture di abbellimento.

Il secondo passaggio è quello di rivestire la circonferenza con i colori e materiali che più ci piacciono (es. lana colorata, carta velina, laccio di cuoio, nastri colorati, ecc.). A questo punto inizia la parte un po’ più complessa, ovvero la realizzazione della ‘ragnatela’. Per fare ciò bisognerà fissare lo spago con un nodino nel punto in cui abbiamo incollato le due estremità del cerchio e, partendo da qui, lavorare in senso orario facendo passare più volte il filo dentro e fuori dal cerchio creando delle piccole asoline a una distanza di circa 5 centimetri l’una dall’altra. Tieni il filo ben teso e procedi così fino a create un una figura ottagonale.

Giunti al punto di partenza bisognerà fare un altro nodino, prima di ripartire con un nuovo giro. Questo tuttavia non si appoggerà più alla circonferenza esterna, bensì ai segmenti di spago precedentemente stesi. Ogni nuovo giro andrà a creare ‘nodi’ esattamente a metà dei segmenti già realizzati.

Il cerchio di rete che si sta così venendo a formare risulterà sempre più piccolo e sarà necessario tendere lo spago in maniera sempre più decisa. Se desideriamo vedere delle perline all’interno della ‘ragnatela’ è questo il momento di inserirle, infilandovi lo spago prima di chiudere il segmento che si sta creando. Queste potranno essere disposte in modo casuale, o seguire uno schema preciso a seconda delle proprie preferenze, ma solitamente si applicano in numero dispari. Giunti al centro del cerchio sarà necessario fermare lo spago con un nodino, posizionandovi, a piacimento, una perlina, una pietra o una piccola piuma. Stringi il nodo e taglia lo spago in eccesso. Sarà ora possibile realizzare altri due piccoli dreamcatcher da appendere specularmente ai lati del principale, oppure uno sotto l’altro appendendoli con un filo alla parte inferiore del cerchio. Terminata la parte difficile, lasciate ora sfogo alla vostra creatività e decorate la composizione con elementi etnici: piume, conchiglie, piccoli monili, rametti di legno,perline, ecc. A lavoro ultimato, potrai appendere con orgoglio il tuo dreamcatcher vicino al letto, così che ti protegga degli incubi notturni.

gpt skin_mobile-ros-0