1 5

Settimana della moda di Milano AI 2018-2019: Gucci, Ferretti e Moschino e le sfilate del 21 febbraio

gpt
/pictures/2018/02/21/settimana-della-moda-di-milano-ai-2018-2019-tutte-le-sfilate-della-21-febbraio-694512887[2942]x[1228]1200x500.jpeg Getty Images
Sfilate Milano Fashion Week AI 2018-2019. Le foto, i video e i commenti del primo giorno della Settimana della Moda, mercoledì 21 febbraio, in passerella le collezioni di Gucci e Moschino

Milano Fashion Week AI 2018-2019: tutte le sfilate del 21 febbraio 2018

La Milano Fashion Week comincia mercoledì 21 febbraio ed è pronta a stupirci con creazioni e collezioni da sogno. In passerella sfilano già i grandi nomi: Gucci, Alberta Ferretti e in chiusura di giornata Moschino. Cosa avrà pensato Alessandro Michele, mente di Gucci, per la collezione Autunno Inverno 2018-2019? Quale bizzarria trompe l'oeil porterà sul catwalk Moschino? Le sfilate in calendario a Milano Moda Donna ci sveleranno come sarà la moda della prossima stagione e potremo sognare abiti e accessori da sogno. Naturalmente partecipare alle sfilate, magari con un posto d'onore nel front row, non è semplice e bisogna ricevere un invito da parte della maison che organizza il défilé, ma per recuperare si può ricorrere alle foto ed eventualmente anche ai video. Questi stessi mezzi ci aiutano anche a scoprire cosa accade nel backstage e gli eventi ufficiali legati alla Milano Fashion Week. Consultate quotidianamente il calendario della Settimana della Moda per tenervi aggiornati su quanto accade e sugli orari in cui seguire le sfilate di febbraio.

White Milano febbraio 2018: calendario fiera, date, biglietti ed espositori

Gucci: Alessandro Michele è l'allegro chirurgo, la passerella è una sala operatoria

Verde ospedale, il lettino da sala operatoria sistemato in mezzo alla passerella: così Alessandro Michele si presenta alla Milano Fashion Week in veste di allegro chirurgo del fashion. Le modelle sfilano sul catwalk reso asettico da colore e allestimento, ma sono anch'esse portatrici di turbamenti e inquietudini, c'è chi ha fra le braccia un cucciolo di drago, chi un crotalo, chi indossa un paio di corna ritorte e chi, infine, porta in braccio una testa di bambola che è una fedele riproduzione del suo volto. Michele sembra voler giocare con idee paurose, spauracchi che sembrano usciti da qualche rituale centroamericano.

gpt

Il passamontagna, nella sua versione più classica o rifinito come fosse una maschera da luchador con tanto di bijoux decorativi, è presente in tanti modelli, sia maschili che femminili.

Nei dettagli di abiti e top e coprispalle sono inseriti dettagli della cultura classica americana, come il logo della Paramount e le inziali di New York. Quanto ai modelli in passerella c'è un po' di tutto, abiti lunghi che rimandano agli anni '40 in tessuto e in velluto, spezzati che combinano giacche e fantasie diversissime, abiti da sera in rosa e in argento che si arricchiscono di volant e trasparenze.

Il video con commento della sfilata di Gucci

 

Alberta Ferretti: la donna al centro dell'universo e della passerella

“Attraverso gli abiti, volevo evidenziare un’affermazione di carattere, e ho immaginato una donna più sicura e affermativa. Anche per questo motivo ho deciso di utilizzare come elemento centrale della passerella della sfilata la scultura Gravity del mio amico Lorenzo Quinn, un lavoro artistico che pone la donna al centro dell’Universo e che io vedo come una metafora della realtà”, ha affermato Alberta Ferretti per raccontare la sua sfilata per l'autunno inverno 2018-2019 
 
Una collezione portabilissima anche se non omologata, elegante nel mescolare le texture di denim e piume, il tutto spruzzato d'oro come se gli abiti fossero sculture preziose da indossare.
La sera e il giorno si mescolano nei mix di stampe, cristalli, jaquard, bagliori e luminescenze. Una donna Ferretti meno romantica ed eterea del solito, più urban e metropolitana, decisa e di carattere che svetta su altissimi tacchi a stiletto decorati e non ha paura di niente e nessuno.

Moschino: le sue hostess pop tra Jackie Onassis, gli alieni e Lichtenstein

Ha chiuso la seconda giornata della Settimana della Moda milanese dedicata alle collezioni Autunno-Inverno 2018-19, la sfilata di Moschino disegnata dal solito 'ragazzaccio' Jeremy Scott. Sulla passerella sono spuntate le hostess coloratissime che sembrano uscite da un'opera di Lichtenstein.
Sia gli abiti che gli accessori che la pelle delle modelle si tingono di colori accessi e squillanti come l'azzurro, il giallo e l'arancio. Coloratissime sono le stampe pop che riproducono caramelle sia negli abiti che dulle borse o sugli zaini, come sempre pezzi cult della sfilata. Coloratissimi anche i sensuali abiti da sera a zig zag, creati da sovrapposizioni di tessuti diversi. Dovrebbe essere una collezione ispirata agli alieni e all'area 51 americana, ma in che senso? Alieni con le fattezze di jackie O forse, stanno per invaderci? ”Troppo perfetta per essere terrestre, forse è un’extra terrestre”, risponde  Jeremy Scott

Tutte le giornate della Settimana della Moda

Segui PianetaDonna sui social

Link utili

gpt