1 5

Oscar 2018: chi (non) vince e perché. I favoriti a rimanere senza statuetta

/pictures/2018/02/27/oscar-2018-chi-non-vince-e-perche-i-favoriti-a-rimanere-senza-statuetta-2514797090[2941]x[1227]780x325.jpeg Getty Images
Chi non vincerà gli Oscar 2018? I grandi delusi della 90esima edizione dei Premi Oscar del 4 marzo 2018 non mancheranno, scopriamo (secondo noi) chi saranno

Chi (non) vince gli Oscar 2018 e perché

Chi saranno i vincitori mancati dei Premi Oscar 2018? Il deluso per eccellenza degli Oscar è senza dubbio Leonardo DiCaprio, poco importa che sia infine riuscito a vincere la statuetta per Revenant nel 2016, ciò che conta davvero è tutte le volte in cui gli è sfuggita di mano da Titanic in poi! Sicuramente anche la 90esima edizione degli Oscar avrà la loro dose di delusione, di grandi favoriti che rimarranno invece a bocca asciutta, magari finendo per essere oggetto di meme dal giorno successivo alla cerimonia degli Academy Awards. Naturalmente le delusioni più cocenti riguardano le categorie più in vista: Miglior Film, Miglior Regista, Miglior Attore Protagonista e Migliore Attrice Protagonista, Miglior Attore e Attrice non protagonista quelle capaci di cambiare una carriera. E tanto più si è favoriti tanto più la delusione è forte quando la statuetta scivola via dalle mani e si è costretti ad ascoltare il discorso di un altro che ci ha appena strappato il premio Oscar tanto ambito nella propria Nomination.

Abiti Oscar 2018, tutti i look più belli e più brutti del red carpet

Sono veramente molti gli attori, anche molto famosi, che non hanno mai vinto un Oscar a cominciare, tanto pe fare un nome, da Tom Cruise passando per Brad Pitt e Johnny Depp. C'è poi chi invece ha un grande feeling con l'Academy come ad esempio Daniel Day-Lewis che ha vinto ben 3 Oscar, ma certo si tratta di una vera e propria rarità. Anche ai Premi Oscar 2018 ci saranno immancabilmente i favoriti che non vinceranno, i delusi della prima ora, quelli che contavano di vincere l'Oscar e invece...forse proprio lo stesso Day-Lewis si vedrà togliere la statuetta da Gary Oldman premiato da una delle  4  grandi attrici già vincitrici del Premio Oscar

Lo scorso anno è toccata a La La Land la delusione più grande, vincitore annunciato (in senso anche letterale) che si è visto togliere l'Oscar da sotto il naso e quest'anno come andranno le cose? A rischio delusione nel 2018 c'è Frances McDormand, teoricamente favoritissima come Miglior Attrice Protagonista potrebbe vedersi scalzata da Saoirse Ronan, protagonista di Lady Bird, film che ha incontrato il favore dei critici e che sicuramente si sposa bene con l'attuale clima politico di Hollywood. Sempre per questa ragione Guillermo del Toro, dato praticamente per vincitore con il suo La forma dell'Acqua - The Shape of Water, potrebbe vedersi sfilare il premio proprio da Greta Gerwig, la quale diventerebbe la seconda donna dopo Kathryne Bigelow ha vincere l'Oscar per la Migliore Regia. Vediamo insieme una lista di possibili sfavoriti al Premio Oscar 2018 secondo i pronostici in tutte le categorie, anche se scopriremo come andrà solo seguendoli in diretta tv.

Sfavoriti Oscar 2018: chi rimane a bocca asciutta

  • Chiamami col tuo nome (Miglior Film)
  • Paul Thomas Anderson, Il filo nascosto (Miglior Regista)
  • Denzel Washington (Miglior Attore Protagonista)
  • Sally Hawkins (Migliore Attrice Protagonista)
  • Woody Harrelson (Migliore Attore non Protagonista)
  • Allison Janney (Migliore Attrice non Protagonista)
  • La forma dell'acqua - The shape of water (Miglior Fotografia)
  • I, Tonya (Miglior Montaggio)
  • La Bella e la bestia (Migliori Costumi)
  • L'ora più buia (Miglior Trucco e Acconciature)
  • Dunkirk (Miglior Colonna Sonora)
  • Blade runner 2049 (Miglior Scenografia)
  • Baby Driver (Miglior Sonoro)
  • King Kong: Skull Island (Migliori Effetti Speciali)
  • Ferdinand (Miglior Film di Animazione)
  • L'insulto (Miglior Film Straniero)
  • Stand up for something (Miglior Canzone)
  • Baby Driver (Miglior Colonna Sonora)
  • The big sick (Miglior Sceneggiatura Originale)
  • Logan (Miglior Sceneggiatura non Originale)
  • Strong Island (Miglior Documentario)
  • Heroin(e) (Miglior Cortometraggio Documentario)
  • Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Miglior Montaggio)
  • Star Wars: gli ultimi Jedi (Miglior Montaggio Sonoro)
  • The Silent Child (Miglior Cortometraggio)
  • Garden party (Miglior Cortometraggio di Animazione)
gpt skin_mobile-notizie-0