1 5

Il sacrificio del cervo sacro: trama, recensione e clip esclusiva del film di Yorgos Lanthimos

/pictures/2018/06/25/il-sacrificio-del-cervo-sacro-trama-recensione-e-clip-esclusiva-del-film-di-yorgos-lanthimos-2654958676[1911]x[797]780x325.jpeg Ufficio Stampa
Il sacrificio del cervo sacro è l'ultimo film del regista greco Yorgos Lanthimos con Colin Farrell e Nicole Kidman, ecco trama, recensione e clip esclusiva

Il sacrificio del cervo sacro Film 2017

Presentato al Festival di Cannes, dove ha conquistato il premio per la migliore sceneggiatura, Il sacrificio del cervo sacro è l'ultima fatica del regista greco Yorgos Lanthimos. Colin Farrell e Nicole Kidman sono i due protagonisti del film, ma il cast è ricco di attori validissimi, fra cui spicca il giovane Barry Keoghan che interpreta il personaggio di Martin, colui che mette in moto l'intera tragedia. Il sacrificio del cervo sacro è un film complesso e interessante, che non sfigura affatto nella già ricca filmografia di Lanthimos.

Il sacrificio del cervo sacro trama

Steven Murphy è un abile cardiochirurgo, ha una moglie bellissima, Anna, e due figli che ama. La vita di Steven cambia quando incontra Martin, un adolescente problematico. Il ragazzo è il figlio di un paziente di Murphy, morto durante una delicata operazione. Steven tiene inizialmente nascosto ai suoi familiari questa frequentazione, ma a un certo punto decide invece di portarlo a casa e presentarlo a tutti. Ciò che il dottore scopre suo malgrado è che la sua vita e quella dei suoi cari sono ormai legate a quella di Martin. E' proprio il giovane a dire chiaramente a Steven come stanno le cose: dato che il dottore ha ucciso suo padre, ora dovrà perdere come "compensazione" un membro della sua famiglia e se non deciderà chi dovrà morire, allora moriranno tutti, uno dopo l'altro.

Il sacrificio del cervo sacro clip esclusiva

 

Il sacrificio del cervo sacro spiegazione

Il sacrificio del cervo sacro è una riscrittura di una tragedia di Euripide, Ifigenia in Aulide. La storia scritta da Euripide racconta di come la giovane Ifigenia, figlia di Agamennone, venne chiamata a raggiungere il padre che si trovava bloccato sulla costa della Beozia per via dei venti sfavorevoli. Agamennone fa credere alla giovane e a sua madre, Clitennestra, che debba raggiungerlo perché egli l'ha promessa in sposa al grande eroe greco Achille, ma la verità è un'altra. Calcante, l'indovino, ha predetto che i venti saranno favorevoli solo se Agamennone accetterà di sacrificare alla dea della caccia Artemide la propria figlia. E' questo quindi il piano di Agamennone: uccidere la propria prole per permettere alle navi di salpare e raggiungere Troia. Ifigenia giunge in Aulide e scopre come stanno realmente le cose e così Clitennestra che si adira. Tuttavia alla fine la fanciulla acconsente ad essere sacrificata, ma proprio al momento del sacrificio la dea Artemide sostituisce il suo corpo con quello di un cervo, richiamando Ifigenia presso gli dei.

Il sacrificio del cervo sacro recensione

Siamo capaci noi contemporanei di credere ancora a maledizione e destino? Forse no, eppure c'è stato un tempo in cui nulla si poteva fare contro il volere degli dei: non si poteva, secondo i greci, sfuggire all'ananche, all'ineluttabilità del fato. E così, sebbene i figli di Steven e sua moglie Anna non abbiano in alcun modo nuociuto direttamente a Martin, essi devono comunque pagare il fio della colpa del medico. E' così, la morte, o per meglio dire il sacrificio di uno dei familiari non è un evento che si può scongiurare in alcun modo, se non attirando su di sé sciagure ancora peggiori. Vedere questi concetti trasposti in epoca moderna fa un certo effetto, anzi, è abbastanza scioccante e disturbante. A nulla vale la rabbia di Anna nei confronti del marito o il suo colloquio con Martin al quale chiede se gli sembra giusto che siano persone incolpevoli a pagare per l'errore di Steven; il ragazzo, infatti, le risponde molto semplicemente che non sa se è giusto, ma è ciò che secondo lui maggiormente si avvicina alla giustizia.

Lanthimos sembra però sapere molto bene che ad oggi c'è un aspetto molto diverso rispetto all'epoca greca: l'assenza degli dei. Se in Ifigenia in Aulide l'intervento di Artemide risarciva, almeno in parte, l'ingiustizia subita dalla giovane, in Il sacrificio del cervo sacro questa prospettiva manca del tutto e chi lascerà suo malgrado la sua vita terrena non sarà più vicino agli dei, né lo saranno coloro che restano.

Il sacrificio del cervo sacro uscita

Il sacrificio del cervo sacro esce finalmente nei cinema italiani il 28 giugno 2018 distribuito dalla Lucky Red ed è certamente una delle uscite più importanti e interessanti di giugno, quindi cercate di non perdervela!

gpt skin_mobile-notizie-0