1 5

La truffa dei Logan film: trama, riassunto e recensione film di Steven Soderbergh con Channing Tatum e Adam Driver

/pictures/2017/11/01/logan-lucky-la-recensione-del-film-di-steven-soderbergh-con-channing-tatum-e-adam-driver-2384069118[3892]x[1623]780x325.jpeg Ufficio Stampa
Channing Tatum, Adam Driver e Daniel Craig sono un trio di improbabili rapinatori in La truffa dei Logan, l'ultimo film di Steven Soderbergh presentato alla Festa del Cinema di Roma 2017

La truffa dei Logan Film 2017

Steven Soderbergh torna al cinema con una formula che sappiamo essergli congeniale: un film che racconta la messa in atto di una rapina. Stavolta però non ci sono i first class thieves alla Ocean's Eleven e seguenti, ma un gruppo di rapinatori inesperti che cerca di mettere a segno il colpo della vita. I Logan del titolo sono infatti i fratelli Logan, Jimmy e Clyde, due spiantati che che sperano di venire rifarsi da tutte le sfortune che gli sono piovute addosso rapinando il circuito dove si corre il NASCAR. La truffa dei Logan è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma 2017, salutato come uno dei film più attesi.

La truffa dei Logan, trama

Jimmy e Clyde sono i due sfortunati Logan: il primo ha dovuto rinunciare ai sogni di gloria nella NFL a causa di un incidente al ginocchio, il secondo ha perso parte del braccio combattendo in Iraq. Jimmy ha una figlia che adora e che non ha i mezzi per mantenere come vorrebbe, visto che a causa della sua zoppia ha perso anche il posto di operaio. Senza soldi e senza alcuna prospettiva, l'uomo decide di coinvolgere suo fratello in un piano ardito che, se tutto va bene, gli frutterà molti soldi. Clyde è scettico: riusciranno a spezzare la maledizione che sembra aver colpito la famiglia Logan? Malgrado il suo scetticismo inziale decide comunque di accettare la proposta del fratello. Jimmy e Clyde non possono però fare tutto da soli, gli serve innanzitutto l'aiuto dell'astuta sorella Mellie e poi quello ben più professionale di Joe Bang, abilissimo scassinatore. L'obiettivo è infatti rapinare il circuito in cui corre il NASCAR e tutto va pianificato nei minimi dettagli. Il piano organizzato da Jimmy è estremamente elaborato, ma sa che se non vuole deludere la figlia non può fallire, basterà questo a rompere la catena di sfortunati eventi? Gli ingranaggi si sono appena messi in moto, ma le premesse per un colpo indimenticabile ci sono tutte

La truffa dei Logan, recensione

Steven Soderbergh ripropone una formula rodata modificandola un po'. Al posto di Ocean e dei suoi abilissimi compari abbiamo un gruppo di scalcinati rapinatori e nessun arci nemico alla Terry Benedict, solo la semplice sfortuna dall'altra parte di un ideale tavolo da gioco. E' lo stesso Soderbergh del resto a giocare su questo contrasto, visto che dopo il furto in un telegiornale Jimmy sente la cronista definire lui e il resto della banda gli "Ocean Seven/Eleven", un gioco di parole con il nome di una nota catena di supermercati americani.

Anche in questo caso buona parte del film si focalizza sui preparativi del colpo, per poi calare il suo asso nella manica solo nel finale. Gli ingranaggi di La truffa dei Logan, trama e sceneggiatura, girano abbastanza bene, anche se alla pellicola mancano forse un paio di momenti brillanti ed eccede invece nel minutaggio. Non si tratta di un generico problema di lunghezza, ma del fatto che la trama sembra a un certo punto dover spiegare alcuni passaggi facendo dei detour o tornando proprio indietro; oltre a ciò appare un po' stiracchiata e inutilmente articolata anche la parte relativa alle indagini condotte dopo la rapina e giustificabile solo con la volontà di creare un pretesto per un possibile sequel. Questo comunque non leva il piacere di vedere un film ben confezionato, con un cast imperdibile e un impianto che comunque funziona.

Molto suggestiva è anche l'ambientazione scelta, un West Virginia rurale che ben si concilia con le ambizioni, veramente piuttosto basse, dei fratelli Logan e del resto della squadra di rapinatori: vivere in tranquillità per poter stare con i figli, per sentirsi tranquilli (senza lavorare, of course), perché a volte non si può semplicemente smettere di essere dei criminali (vedi Joe Bang). Nessuna voglia di lusso, nessun desiderio di derubare un milionario, impadronirsi di un'opera d'arte, ma solo entrare in possesso di una sufficiente somma di danaro per avere le spalle coperte e poter continuare a bere birra e partecipare alle fiere.

Sono soprattutto Channing Tatum, Adam Driver e Daniel Craig a sostenere l'impianto del film con le loro interpretazioni, sempre convincenti. 

La truffa dei Logan, il cast

Abbiamo parlato di Channing Tatum e di Adam Driver, rispettivamente Jimmy e Clyde Logan, e di Daniel Craig che invece interpreta il galeotto Joe Bang, ma oltre a questi tre ci sono altri attori che partecipano a La truffa dei Logan. Riley Keough è la brillante Mellie Logan, mentre Katie Holmes interpreta l'ex moglie di Jimmy e Katherine Waterston (Animali fantastici e dove trovarli, Alien) è l'ex compagna di scuola di Jimmy.  Nel cast anche Seth MacFarlane, Brian Gleeson e Jack Quaid e last but not least Hilary Swank nel ruolo dell'agente dell'FBI Sarah Grayson.

La truffa dei Logan, il trailer

La truffa dei Logan, un sequel?

Ha senso parlare già di sequel per La truffa dei Logan? Ci sono degli indizi che ci lasciano pensare che l'idea di fare un La truffa dei Logan 2 non sia poi così remota per Soderbergh. L'introduzione del personaggio interpretato da Hilary Swank e il suo inserimento nel finale della pellicola farebbero pensare che il regista abbia voluto lasciarsi una porta aperta per continuare questa nuova avventura cinematografica e magari trasformarla in un franchise. Il pattern, anche per il tipo di personaggio scelto, sembra proprio ricalcare quella di Ocean's Eleven. Se infatti nel primo capitolo l'attenzione era tutta per la coppia Danny - Tess e qui è principalmente focalizzata su Jimmy e la sua vita privata, in Ocean's Twelve l'attenzione si spostava sul personaggio di Pitt e sulla dinamica Rusty - Isabel. Guarda caso Isabel era una detective dell'Europol e il personaggio dell'agente dell'FBI interpretato da Hilary Swank sembra esserle perfettamente speculare, visto che nel finale sembra volersi legare (seppure per motivi di lavoro) al numero due della banda, Clyde.

Tutte le informazioni su La truffa dei Logan

  • Durata: 117 minuti
  • Data di uscita: 24 maggio 2018
  • Distributore: Lucky Red

Le recensioni di tutti i film alla Festa del Cinema di Roma 2017

gpt skin_mobile-notizie-0