1 5

Messa della Notte di Natale 2019: perché è importante andare alla Messa di Mezzanotte

La messa della Notte di Natale 2019 non è una messa come le altre, si tratta di un appuntamento importante dell'anno liturgico ed ha un significato speciale soprattutto se la si segue a mezzanotte

Messa della Notte di Natale 2019

La messa della notte di Natale è un momento magico e molto importante per ciascun credente. E' chiamata anche messa di mezzanotte, proprio perché si celebra realmente allo scoccare delle 00:00 della notte fra il 24 Dicembre, ovvero la notte della Vigilia di Natale, e il 25 Dicembre, cioè il giorno di Natale vero e proprio. Chiaramente si tratta di una celebrazione particolarmente suggestiva, perché più di ogni altra richiama quell'atmosfera di sorpresa e di rinascita che il Natale porta con sé. Non è insolito che chi ha bambini piccoli preferisca la messa di Natale in orari diurni del 25 Dicembre, ma che una volta cresciuti i figli torni ad assistere alla messa della Notte di Natale. Con il 24 Dicembre e con la messa di Natale si chiude il periodo dell'Avvento.

La Novena di Natale

Liturgia della Messa della Notte di Natale

La liturgia della messa di Natale non si ripete identica ogni anno, ma cambia seguendo un ciclo di tre anni, che sono proprio indicati con tre lettere A,B e C. Chiaramente quale che sia il ciclo in atto in un determinato anno al centro delle letture, così come del Vangelo, c'è sempre la Nascita di Gesù, la Natività come discesa di Dio in mezzo agli uomini. E' chiaro inoltre che le stesse letture e lo stesso Vangelo scelti per la messa di mezzanotte vengono poi riproposte nel corso della celebrazione diurna.

La messa della Notte di Natale 2019 "cade" nell'anno B, e prevede una prima lettura tratta da Isaia e per la precisione da Is 9, 1-3. 5-6:

Il popolo che camminava nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse.
Hai moltiplicato la gioia,
hai aumentato la letizia.
Gioiscono davanti a te
come si gioisce quando si miete
e come si esulta quando si divide la preda.
Perché tu hai spezzato il giogo che l'opprimeva,
la sbarra sulle sue spalle,
e il bastone del suo aguzzino,
come nel giorno di Màdian.
Perché ogni calzatura di soldato che marciava rimbombando
e ogni mantello intriso di sangue
saranno bruciati, dati in pasto al fuoco.
Perché un bambino è nato per noi,
ci è stato dato un figlio.
Sulle sue spalle è il potere
e il suo nome sarà:
Consigliere mirabile, Dio potente,
Padre per sempre, Principe della pace.
Grande sarà il suo potere
e la pace non avrà fine
sul trono di Davide e sul suo regno,
che egli viene a consolidare e rafforzare
con il diritto e la giustizia, ora e per sempre.
Questo farà lo zelo del Signore degli eserciti.

Per quanto riguarda la seconda lettura, nell'anno contrassegnato dalla lettera A la scelta ricade su una delle lettere di San Paolo e precisamente quella inviata a Tito (Tt 2, 11-14)

Figlio mio, è apparsa la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini e ci insegna a rinnegare l'empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà, nell'attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo.
Egli ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e formare per sé un popolo puro che gli appartenga, pieno di zelo per le opere buone

Il Vangelo è invece tratto da Luca, ma in questo caso possono essere scelti due diversi brani. Il primo è Lc 2, 1-14, il secondo è invece la cosiddetta Messa dell'Aurora e riprende i versetti sempre provenienti dal Vangelo di Luca (Lc 2, 15-20).

Appena gli angeli si furono allontanati da loro, verso il cielo, i pastori dicevano l'un l'altro: «Andiamo dunque fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere». Andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com'era stato detto loro.

E' possibile anche che venga scelto il Vangelo di Giovanni

I canti della Messa di Natale

La messa della Notte di Natale è spesso animata da canti che fanno diretto riferimento alla nascità di Gesù. Alcuni di questi canti di Natale sono veramente famosissimi e sono entrati a far parte del canone, se così si può dire, delle canzoni eseguite nel corso della messa natalizia. Sicuramente una delle più celebri è Tu scendi dalle stelle, molto amata anche dai bambini, ma spesso viene proprosta anche Adeste fideles, altro canto tipico della tradizione del Natale. Un altro classico canto del Natale e della messa è Te al centro del mio cuore, così come Emmanuel. La scelta dei canti per la Messa di Natale compete alla parrocchia o al gruppo che animerà la celebrazione della mezzanotte. Non è raro che di questo si occupino i gruppi del catechismo, in particolare quelli di preparazione alla Cresima, i gruppi Scout, o altri gruppi di preghiera che fanno capo a una determinata parrocchia. E' bene, per riuscire a coinvolgere tutti, approntare un libretto dei canti da far trovare sulle sedie a coloro che si recano alla messa di mezzanotte, così da permettere anche a chi non conosce le parole di unirsi al canto.

La Messa della Notte di Natale 2019 a San Pietro

Ogni anno il Papa celebra le Messa della Notte di Natale a S Pietro, in Vaticano. E' una grande emozione per i fedeli poter seguire la liturgia con il Papa, infatti le richieste sono così abbondanti che bisogna prenotare un biglietto (assolutamente gratuito, è solo una prenotazione) per poter entrare. Come si fa ad assistere alla Messa di Natale in Vaticano? E' necessario rivolgersi alla Prefettura Vaticana per i biglietti alla quale va inoltrata la propria richiesta e che si riserva di confermare o meno un'eventuale prenotazione. Dato l'altissimo numero di richieste, per la messa del 24 Dicembre, così come per quella del 31 e del 1° gennaio bisogna prenotare con largo anticipo, inviando la candidatura entro e non oltre l'8 Dicembre 2019. L'orario di inizio della celebrazione eucaristica è le 21:30, ma data la grandissima affluenza di credenti è buona norma presentarsi almeno due ore prima, così da evitare anche di dover sopportare lunghe code al freddo. I biglietti vanno ritirati a partire dal giorno precedente la Messa di Natale presso la postazione della Guardia Svizzera Pontificia al portone di Bronzo, dalle 9:00 alle 19:00.

Come vedere la Messa della Notte di Natale 2019 in diretta TV

Se non riuscite a recarvi a San Pietro per seguire la messa di Mezzanotte, potete vedere la sua diretta in tv grazie al Centro Televisivo Vaticano. La Messa della Notte di Natale del Papa viene generalmente trasmessa in mondovisione, così che tutti i fedeli possano seguire da ogni paese. Per quanto riguarda l'Italia in genere i canali televisivi che si occupano di trasmettere la Santa Messa sono Telepace e Tv2000, la diretta da San Pietro orientativamente comincia intorno alle 21:25, appena qualche minuto prima della messa di Natale vera e propria.

Messa della Notte di Natale, perché è importante

 
/var/www/orion-templates/pianetadonna/advblocks/adv-block-blocco-seo-pd-natale.html.php
gpt skin_mobile-cucina-0-0