1 5

I 10 Monasteri più belli d'Italia da visitare e in cui soggiornare

I 10 monasteri più belli d'Italia da vedere e dove si può anche dormire, 10 mete splendide ideali per un viaggio insolito che ci metta a contatto con il nostro lato più spirituale

Il video dei 10 Monasteri da visitare in Italia

 

Monasteri più belli d'Italia da visitare e in cui soggiornare

Raccolti, silenziosi e immersi nel verde. Sono i monasteri sparsi per il nostro Bel Paese e pronti ad accogliere coppiette in cerca di un week end rilassante. Uomini che vogliono assaporare un po’ di beata solitudine e donne in cerca di un momento tutto per sé. Ogni scusa è buona per approfittare di un soggiorno alternativo, in un luogo spirituale e d’ispirazione. Vediamo allora la top ten del monasteri, capolavori architettonici e artistici dove perdersi per qualche giorno, lontano da tutto e da tutti.

I castelli da visitare in Italia

Abbazia di Monte Oliveto Maggiore | Chiusure, Siena

Su una collina di cipressi, nel cuore delle Crete Senesi, tra Montepulciano e Montalcino, il monastero benedettino offre un piccolo agriturismo dove gustare i prodotti tipici toscani e anche la possibilità di dormire nella antica foresteria del XVI secolo. Da non perdere il chiostro grande, decorato con affreschi realizzati da Luca Signorelli e dal Sodoma e l’esperienza unica e irripetibile, la sera, dei canti gregoriani dei monaci.

Convento della Verna | Chiusi della Verna, Arezzo

Il convento, luogo solitario e selvatico, nascosto in Toscana al confine con l’Emilia Romagna, l’Umbria e le Marche è stato eretto sul Monte Penna. Ricco di suggestioni, induce alla meditazione e a cercare il contatto con diretto con lo spirito. Qui il santo patrono d’Italia ricevette le stigmate e frati francescani minori sono a disposizione per incontri e per condividere frugali pasti nel refettorio. Circondato dalla foresta è un posto magico e mistico dove è possibile essere ospitati in una delle celle nell’eremo incastonate nella montagna.

San Francesco del Deserto | Burano (VE)

Il monastero di San Francesco nel Deserto eretto sull’omonima isoletta della Laguna di Venezia, tra Sant’Erasmo e Burano, è un luogo di pace, abitato dal 1233 dai frati minori che qui fondarono un convento. Secondo la leggenda, San Francesco si sarebbe fermato qui nel 1220 mentre tornava dalla Terra Santa per pregare e meditare, lontano dal caos. Per chi cerca un rifugio dalla folla di Venezia o un incantevole posto per riflettere, l’isola e il monastero sono aperti alle visite turistiche ed è possibile fermarsi qualche giorno accordandosi con i frati. 

Abbazia di Santa Maria di Farfa | Fara in Sabina (RI)

La storica abbazia di Farfa sorge ai piedi del Monte Acuziano, nel comune di Fara in Sabina, in provincia di Rieti, in un’atmosfera di silenzio che caratterizza anche il Borgo, pieno di botteghe di artigiani. Immersa nel verde è un luogo storico, di semplicità e fascino. L’Abbazia di Farfa è un luogo di grande importante storica: qui sostò Carlo Magno poche settimane prima di essere incoronato imperatore a San Pietro la notte del 25 dicembre dell’800. E’ considerata una delle più belle d’Italia, ricca d’arte e cultura, ospita i monaci benedettini ed è il posto perfetto per trascorrere qualche ora di riposo fisico e spirituale. E per fare lunghe passeggiate.

Santuario di San Michele Arcangelo | Foggia

Risale alle fine del V secolo d.C. ed è il più celebre santuario dedicato all’Arcangelo Michele. Si trova nel comune di Monte Sant’Angelo, sul Gargano, in provincia di Foggia e fin dalla sua consacrazione è stato una importante meta di pellegrini da tutto il mondo. Costruito attorno ad una grotta naturale dove furono segnalate le apparizioni dell’Arcangelo è stato riconosciuto Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 2011. Il santuario si trova sulla Via Sacra Langobardorum, il pellegrinaggio che parte da Mont-Saint Michel in Francia per raggiungere il Santuario di San Michele Arcangelo, passando per la Linea Sacra di San Michele in val di Susa. Il cammino, una variante della Via Francigena, collega i tre maggiori luoghi di culto europei dedicati al santo. E’ un luogo speciale con tante meraviglie da scoprire. Accanto alla Basilica si trova l’hotel Casa del Pellegrino, un vero e proprio albergo con 50 camere.

Abbazia Madonna della Scala | Noci, Puglia

Regna il silenzio, la pace in questo splendido monastero immerso nella campagna di Noci, a pochi chilometri dal centro abitato. I guardiani di questa caratteristica architettura sono i monaci benedettini che si occupano anche di restaurare libri antichi. Vederli all’opera è un’esperienza unica. E’ possibile trovare pace, calma e condividere i loro ritmi di vita e le preghiere, stando attenti a lasciare il cellulare spento. Soprattutto la sera è possibile apprezzare i canti gregoriani che risuonano per tutta l’abbazia e godere di lunghe e piacevoli passeggiate nel parco ricco di alberi secolari e panchine in pietra. Qui regna una sola parola d'ordine: accoglienza.

Santuario di Oropa | Biella

In un anfiteatro naturale tra le montagne c’è il Santuario di Oropa, dedicato alla Madonna Nera. E’ il più grande santuario mariano delle Alpi. Cuore spirituale del Santuario è la suggestiva Basilica Antica realizzata nel Seicento. Qui è possibile staccare dalla quotidianità, passeggiare e vedere tanti tesori nascosti come il cimitero. Situato oltre i mille metri d’altezza ha la particolarità di avere delle edicole funerarie sparse dentro un bosco di grandi faggi. Dotato di diverse strutture destinate all’ospitalità, offre 300 camere con tutti i tipi di sistemazione, dall’ostello alla suite.

Convento dai Frati Cappuccini, Monterosso al Mare | La Spezia

Arroccato su un promontorio dal quale si gode di una vista mozzafiato, il convento ha un grande valore storico e artistico. Nella adiacente chiesa di San Francesco si trovano alcuni dipinti come La Crocefissione attribuita a Van Dyck. Per raggiungere questo luogo incantato si percorre una lunga scalinata che parte dal mare. Arrivati in cima ci si ritrova nella quiete e nella pace. E’ possibile soggiornare in questo posto per respirare aria di pace, ordine e spiritualità. E ammirare: il Claustro con il suo giardino, la bellissima terrazza sul mare e l'antico refettorio dei Frati. Considerato uno dei gioielli più preziosi delle Cinque Terre, il Convento offre la possibilità di soggiorni fra meditazioni e ritiri spirituali.  

Monastero Benedettino San Pietro di Sorres | Borutta, Sassari

Il Monastero Benedettino, costruito intorno alla basilica omonima di architettura romanico-pisana, è l’unico in Sardegna ad offrire ospitalità. I monaci di Sorres hanno attrezzato una “foresteria” per l’accoglienza ed è possibile sostare nel Monastero anche solo per una giornata. Famosi per il loro attento lavoro di restauro dei libri antichi, organizzano anche corsi di formazione permanente in Iconografia Cristiana, di scrittura medievale e seguono anche la pratica del “labora”. Infatti oltre a coltivare l’orto, a curare il chiostro e la chiesa, c’è chi si occupa della biblioteca con più di 40.000 volumi, accessibile a studenti e lavoratori. Le persone che decidono di trascorrere del tempo in questo luogo di armonia e serenità sono comunque invitate a partecipare alla vita spirituale quotidiana.

Badia di Santa Maria della Neve | Torrechiara, Parma

Sulla riva del torrente Parma, nel cuore dell’Emilia, sorge la Badia benedettina di Santa Maria della Neve, fondata nel 1471. La struttura ingloba una preesistente chiesa romanica modificata, oltre al chiostro intorno al quale si aprono diverse sale affrescate, alle stanze e al refettorio per gli ospiti, dove sono stati riportati alla luce medaglioni settecenteschi con paesaggi reali, si possono trovare i prodotti dell’antica spezieria, tra cui una linea di cosmesi derivata dal miele. Si dice che i monaci benedettini di Santa Maria della Neve siano gli unici ad avere accesso alle ricette della più antica farmacia d’Europa, quella fondata a Parma nel 1202. In questo luogo incantato è possibile vivere un soggiorno all’insegna della calma, ritrovare la concentrazione perduta e anche la possibilità di fare un tour tra le dolci colline di Torrechiara.

gpt