1 5

Napoli Velata, la recensione del nuovo film di Ferzan Ozpetek con Alessandro Borghi e Giovanna Mezzogiorno

/pictures/2017/12/18/napoli-velata-la-recensione-del-nuovo-film-di-ferzan-ozpek-1002532988[1293]x[538]780x325.jpeg Warner Bros&Enterteinment Italia / Ufficio Stampa
Napoli Velata è l'ultimo film di Ferzan Ozpetek con Alessandro Borghi e Giovanna Mezzogiorno, un noir ambientato nella Napoli bene, una storia di delitti e passione travolgente

Napoli Velata il film

Ferzan Ozpetek torna sul grande schermo con il film Napoli Velata - nelle sale dal 28 dicembre - e la sua musa de La finestra di fronte, Giovanna Mezzogiorno, Quindici anni dopo, l'attrice torna ad essere protagonista di un film del cineasta turco, affiancata per la prima volta, da uno dei talenti più richiesti del cinema italiano, Alessandro Borghi. Un cast al femminile ricco di personalità con Luisa Ranieri, Maria Pia Calzone, Lina Sastri, Anna Bonaiuto, Isabella Ferrari, Loredana Cannata, Angela Pagano, assieme a Antonio Braucci, Antonio Grosso, Peppe Barra, Biagio Forestieri, Carmine Recano accompagnati da una ricercata colonna sonora, resa ancora più delicata dall'interpretazione di Arisa della canzone Vasame di Enzo Gragnaniello.

Nel cuore storico di Napoli, nella parte più borghese di Piazza del Gesù, Piazza San Domenico Maggiore, Piazza dei Martiri e Spaccanapoli, si racconta la storia di un incontro e di un delitto, di una notte di passione e delle sue conseguenze. A fare da sfondo una Napoli Velata, misteriosa, come una donna che attrae e nessuno riesce a capirne il perché. Tra magia, sensualità, ragione e follia, si snodano le vicende dei due protagonisti impersonati da Alessandro Borghi e Giovanna Mezzogiorno e di tutti gli altri personaggi che, aiutano il regista a raccontare non solo la storia dietro un delitto di cui si conosce poco, ma la metafora della stessa Napoli, non solo scenario del racconto.

Napoli Velata, la trama

Gli sguardi di Adriana (Giovanna Mezzogiorno) e Andrea (Alessandro Borghi) si incrociano ad una festa. I due non sanno niente l'una dell'altro, ma sembra che non riescano a staccarsi gli occhi di dosso. Di lì a poco trascorreranno una notte di passione travolgente che, il mattino seguente sembra promettere bene, con il primo appuntamento di una storia che sta per nascere. Adriana sembra già presa, timorosa e felice di questo mix di sensazioni si presenta all'appuntamento, senza sapere che da quel momento in poi la sua vita sarebbe totalmente cambiata. Adriana si trova ad affrontare quindi zone di luce ed ombra, della sua vita e della sua personalità. A fare da scenario le strade di Napoli, i suoi palazzi barocchi, gli arredi opulenti e i mille segreti di un posto che, mai come nessun altro, riesce a essere tanto misterioso quanto affascinante.

Napoli Velata, la recensione

Ferzan Ozpetek ha trasmesso su pellicola quella che per lui è stata una scoperta che lo ha profondamente emozionato: la città di Napoli. Il film e la sua storia sono solo una proiezione del racconto di questa città che il regista vede, appunto, come una donna misteriosa, folle, sensuale, impossibile da racchiudere in uno schema. Il noir sorprende per il suo gioco di chiaro scuri all'interno della psiche di Adriana, Giovanna Mezzogiorno, e delle vite di tutti gli altri protagonisti, nessuno mai totalmente s-velato.

L'omaggio a Napoli sta anche nell'incursione all'interno del film di alcuni riti antichi come quello del "la figliata (il parto) dei femminielli" ma anche la modernità, le due anime di questa città che convivono. Il velo è l'escamotage, perché la verità non si guarda in faccia, ma si intuisce, il velo la mette in evidenza, non la nasconde, come per il Cristo Velato, il velo non nasconde ma accentua la sagoma del corpo e le sue ferite.

Il testo della canzone Vasame di Enzo Gragnaniello

Io vuless addiventà n'albero 'e rose
Pe te fa sentì l'addor e chist ammor
Io vuless addiventà nu poc e sol
Pe te fa sentí o'calore e chistu ben.
Io vuless addiventà nu poc e vient
Pe trasì p'a forza rint 'a bocca toia,
Io vuless addiventà comm o'silenzio
Per putè sentì tutt 'e respiri tuoie.
Vasame, Pe' chesta vota vasame
Crideme
Po' Nun te cerco chiù.
Io vuless addiventà pullin 'e vas
Per putè cadè ngopp 'e capill tuoie

Napoli Velata, tutte le informazioni

  • Data di uscita: 28 dicembre 2017
  • regista: Ferzan Ozpetek
  • durata: 113 minuti
  • distribuito e prodotto da Warner Bros Entertainment Italia | R&C Produzioni | Faros Film
gpt skin_mobile-notizie-0