1 5

Yom Kippur 2019: data, significato e tradizioni del giorno di espiazione e del digiuno

Yom Kippur è il giorno dell'espiazione e si accompagna con un rigido digiuno, scopriamo il significato e la data in cui cade questa festa ebraica

Yom Kippur 2019

Yom Kippur è la ricorrenza più importante per coloro che sono di religione ebraica. Lo Yom Kippur si celebra dieci giorni dopo il Rosh Hashanah, il Capodanno ebraico che apre un periodo di riflessione e penitenza. Proprio nel giorno di Kippur ci si dedica, infatti, all'espiazione dei peccati e i fedeli sono invitati a riconciliarsi con Dio e con il prossimo. Il giorno di penitenza viene vissuto in maniera molto intensa dalla comunità ebraica ed è caratterizzato da una serie di tradizioni che ognuno è chiamato a rispettare. Ecco quindi cos'è lo Yom Kippur, una delle festività del calendario ebraico, e cosa succede in questa giornata così particolare.

Yom Kippur 2019 data

Lo Yom Kippur è una festa mobile, esso è infatti legato al Capodanno ebraico o Rosh Hashanah e cade 10 giorni dopo quest'ultimo. Malgrado si parli di giorno di Yom Kippur è giusto notare che la ricorrenza si celebra a cavallo fra due giornate, perché comincia al crepuscolo del giorno precedente Kippur e si conclude al crepuscolo del giorno successivo con la comparsa in cielo delle prime stelle. Yom Kippur 2019 cade fra il l'8 e il 0 ottobre, la festa vera e propria è comunque il 9.

Yom Kippur significato

La festa di Yom Kippur è legata alla penitenza e in particolare è collegata all'episodio biblico delle Tavole della Legge. In che modo? Nell'Esodo è raccontato che dopo la fuga dall'Egitto Mosé si recò sul Monte Sinai per parlare con Dio e ricevere le Tavole della Legge. Mentre era assente il popolo ebraico chiese ad Aronne di costruire un idolo da adorare, perché temevano che Mosé non avrebbe mai fatto ritorno. Aronne costruì il vitello d'oro e il popolo ebraico cominciò ad adorarlo ed è proprio così che Mosé li trovò di ritorno dal Sinai. Adirato ruppe le Tavole della Legge, ma chiese a Dio di perdonare il suo popolo e il Signore accettò, permettendo a Mosé di scrivere nuovamente le Tavole. Kippur ricalca quindi il ritorno di Mosé dal Sinai con le nuove Tavole della Legge.

La riconciliazione di Yom Kippur non riguarda solamente l'uomo e il suo rapporto con Dio, ma anche con i suoi simili. Kippur è il momento in cui scusarsi per i torti fatti al nostro prossimo il quale, di fronte alle scuse sincere, deve concedere il perdono. Senza questa fondamentale riconciliazione è impossibile sperare nel perdono dei peccati e nell'iscrizione nel Libro della Vita.

Il significato stesso dell'espressione Yom Kippur é "giorno degli espianti" e fa parte dei cosiddetti "giorni terribili" (Yamim Noraim) che sono 10 e che vanno da Rosh Hashanah (primi 2 giorni di penitenza) sino a Kippur (ultimo giorno di penitenza) e che sono appunto i giorni della penitenza.

Yom Kippur digiuno

In quanto giorno penitenziale, Yom Kippur prevede il digiuno che inizia già dalla sera precedente. Il digiuno esclude tanto il consumo di cibi quanto quello delle bevande. I bambini non devono seguire il digiuno, ma man mano che raggiungono l'adolescenza e si avvicinano al momento del bar miztvah vengono pian piano introdotti al digiuno. In genere questo periodo di transizione va dai 9 agli 11 anni, momento in cui si ritiene il bambino pronto per affrontare il digiuno. Allo stesso modo anche le persone anziane o con problemi di salute possono venire esentate, così come le donne in gravidanza. Non c'è dunque nessun piatto della cucina kosher tipico di questa ricorrenza.

Yom Kippur divieti il giorno dell'espiazione

  • Lavarsi
  • Truccarsi
  • Utilizzare creme o unguenti
  • Indossare scarpe di pelle
  • Avere rapporti sessuali

Yom Kippur Preghiere e Tradizioni

Ci sono naturalmente una serie di preghiere che si recitano il giorno di Yom Kippur, la più nota è senza dubbio il Kol Nidre che si recita il giorno precedente il Kippur in Sinagoga

Tutti i voti, o impegni o consacrazioni o scomuniche o giuramenti o obbligazioni e qualsiasi termine sinonimo che potessimo aver pronunziato o giurato o consacrato o proibito per noi, • dal precedente giorno del digiuno di Espiazione fino a questo giorno del digiuno di Espiazione e da questo giorno del digiuno di Espiazione fino al giorno del digiuno di Espiazione che verrà per nostro beneficio noi vi ritrattiamo con la presente dichiarazione dinanzi al nostro Padre celeste, se pronunziammo voto si consideri come non emesso, altrettanto dicasi per qualsiasi impegno, consacrazione scomunica giuramento obbligazione; sia annullato totalmente il voto, l'impegno, la consacrazione, la scomunica, il giuramento, l'obbligazione. Annullati i voti gl'impegni, le consacrazioni, le scomuniche i giuramenti, le obbligazioni, invochiamo remissione, perdono espiazione per tutti i nostri peccati. Conforme a quanto è scritto: sarà perdonato a tutta la congregazione dei figli d'Israele, e al forestiero che dimora in mezzo a loro perché tutto il popolo commise la cosa per errore

La celebrazione di Yom Kippur si chiude al suono dello Shofar, lo strumento ricavato da un corno che aveva già suonato in occasione di Rosh Hashanah. In sinagoga si indossa il Taller, uno scialle da preghiera rettangolare con le frange che si indossa per la preghiera della sera solo ed esclusivamente in occasione di Yom Kippur.

gpt skin_mobile-notizie-0