1 5

Mamma a 40 anni: rischi e vantaggi di una gravidanza tardiva

/pictures/2015/08/05/mamma-a-40-anni-pro-e-contro-2991932427[983]x[411]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-mamma
Mamma a 40 anni | Calo di fertilità, salute del feto, complicazioni e maggior rischio di patologie, ma anche maggior consapevolezza e uno stile di vita ormai consolidato. Rischi e vantaggi della gravidanza tardiva

Mamma a 40 anni

Avere un figlio a 40 anni: in Italia si tratta di una realtà concreta e anche per certi versi eccezionale. Il nostra paese detiene infatti il record europeo di mamme over 40, doppiando quasi i paesi con tendenze simili. Un figlio su cinque é frutto cioè di una maternità tardiva, scelta che, per motivi economici e sociali ma anche psicologici, é intrapresa sempre più in occidente. Se si tratta del primo figlio, ovviamente, questa tendenza richiede una maggiore attenzione: la difficoltà di rimanere incinta e i possibili rischi per feto e donna aumentano.

La ginecologa risponde: cos'è il congelamento degli ovuli per conservare la fertilità?

Ma anche la consapevolezza, il desiderio, la maturità e, probabilmente, la stabilità economica ed emotiva che una mamma "tardiva" può offrire. Senza demonizzare né caldeggiare questa scelta, vi esponiamo perciò i pro e i contro di diventare mamme a 40 anni. Per dubbi e approfondimenti potete consultare il nostro Pianeta Mamma.it

La distanza ideale tra due figli? Non meno di un anno

Rischi e complicazioni del diventare mamma a 40 anni

  1. Forte calo della fertilità. Riuscire a rimanere incinta a 40 anni é probabilmente il più grosso problema che deve affrontare una donna, sempre più vicina alla menopausa. Se a 23 anni, ogni ovulazione ha il 28% di probabilità di trasformarsi in gravidanza, a 40 ne ha il 12%, e queste scendono drasticamente di anno in anno. Gli ovociti, di numero finito (determinato dal codice genetico) non solo diminuiscono, ma peggiorano di qualità, perchè invecchiano. Inoltre ovaie, utero ed endometrio sono meno ricettivi. 
  2. Maggiori insuccessi con la fecondazione assistita. Restare incinta diventa più difficile e donne poco fertili prima dei 40 avranno più probabilità di fallimento anche ricorrendo a tecniche di fecondazione artificiale.
  3. Maggior rischio di aborto spontaneo e di gravidanze extrauterine. Una donna sana prima dei 40 anni può avere un aborto spontaneo nel 12% dei casi. Dopo i 43 anni questa probabilità raddoppia.
  4. Aumento di possibili malattie ginecologiche. Fibromi o alterazioni pretumorali e perdite sono più frequenti.
  5. Complicanze legate all'età. Sebbene una quarantenne di oggi goda spesso di ottima salute (rispetto a una donna matura di 30 anni fa) l'età si fa sentire. I rischi di ipertensione, gestosi (o preeclampsia, ovvero ipertensione e altre complicazioni anche dolorose, che a volte influiscono anche sullo sviluppo del feto), disfunzioni della tiroide, problemi di coagulazione del sangue e diabete aumentano.
  6. Maggior rischio di patologie cromosomiche per il feto. L'età della madre rappresenta un fattore di rischio per l’insorgenza di anomalie cromosomiche come la Sindrome di Down (1 bambino su 35 dopo i 45 anni).
  7. Maggiori pericoli per il feto. Con l'avanzare dell'età aumentano i pericoli di prematurità, ritardo di accrescimento intrauterino e mortalità perinatale (ma anche mortalità materna, sebbene entrambe rare).
  8. Aumento dei parti cesarei. Sia per complicanze fisiche che per una questione psicologica. Di fatto, l'esperienza del parto naturale può essere più o meno dolorosa a prescindere dall'età, ma una donna più matura teme spesso di più il dolore o il rischio.
  9. Prendersi cura del bambino é più faticoso. Una donna di 40 anni, per quanto sia giovanile e dinamica, ha - in generale - oggettivamente meno forza e meno energie mentali e fisiche
  10. La differenza di generazioni fra madre e figlio si sente. Con le dovute eccezioni, capire un figlio - e la società in cui cresce - quando si invecchia diventa spesso più difficile quando le generazioni che ci seperano da lui aumentano

 

Il sangue del cordone è prezioso contro le malattie, ma se ne getta il 95%

Vantaggi e gioie del diventare mamma a 40 anni

Scegliere di rimandare tanto la gravidanza può dipendere da più fattori. Il desiderio di trovare il partner giusto, l'innalzamento dell'età in cui una donna italiana fa carriera, il bisogno di certezze economiche ma anche emotive. Una donna che ha 40 anni oggi, oltre ad avere un'aspettativa di vita superiore, é anche una donna (parliamo ovviamente in generale) con uno stile di vita consolidato e una maturità tali da poter affrontare la nascita di un figlio con una serenità e un desiderio maggiori.

La ginecologa risponde: "Come si individua l'origine dell'infertilità?"

  1. Quasi sempre un figlio primogenito nato da una mamma over 40 é un bambino fortemente voluto. Questo inciderà molto sia sulla tranquillità della gestazione (dal punto di vista psicologico, naturalmente) sia sull'equilibrio e la consapevolezza della mamma, che vivrà sicuramente con meno ansia e frustrazione di una giovane donna che ancora sta completando le sue scelte.
  2. Le donne che affrontano una gravidanza dai 35 anni in poi sarebbe esposte in maniera minore a disturbi tipici come depressione, ansia e problemi respiratori.
  3. Diventare mamme a 40 anni può far ringiovanire. Una donna che "ricomincia" la sua vita con un bambino deve trovare e di fatto trova nuove energie, maggior contatto con persone più giovani, una prospettiva di vita più moderna.
  4. I benefici a livello psico-fisico legati alla gravidanza sono reali a qualsiasi età. La particolare situazione ormonale protegge la donna gravida nei confronti di alcune forme di patologia del seno, rappresenta una forma di terapia dell'endometriosi e ha effetti positivi sull'equilibrio psico-affettivo
  5. Le 40enni di oggi sono le 30enni di ieri. Donne spesso con un buon lavoro, piene di interessi, più serene e realizzate rispetto a 10 anni prima. Il fattore psicologico aiuta molto.
  6. E c'è di più. Secondo un recente studio dell'autorevole rivista Nature, chi riesce ad avere figli dopo i 40, in modo natuale (ovvero senza fecondazione artificiale), ha buone chances di superare il secolo di vita: quattro volte più delle altre.
gpt skin_mobile-mamma-0