1 5

Come trovare un lavoro in un'altra città

/pictures/2015/08/25/come-trovare-un-lavoro-in-un-altra-citta-3799615718[2616]x[1091]780x325.jpeg
Stai cercando lavoro in una nuova città? Ecco i consigli per affrontare questo importante cambiamento al meglio

Trovare lavoro in una nuova città

Roma, Firenze, Milano, e perché no anche Londra, Dublino o New York: molto spesso, per una serie di motivi, ci si trova nella posizione di dover cercare lavoro in una città diversa da quella in cui si vive: necessità di trasferirsi vicino al proprio compagno, di puntare su un luogo dove ci siano maggiori opportunità nel campo in cui operiamo, o semplicemente voglia di cambiare aria optando per un luogo più in linea con le nostre esigenze.

Indipendentemente dalle ragioni che ci spingono fuori dai nostri confini, ci sono alcune regole d’oro da rispettare per trovare lavoro a distanza in una zona che ci è parzialmente o completamente sconosciuta, dritte da non sottovalutare se ambiamo a posizioni di prestigio o ad una stabilità economica che il paese in cui siamo cresciute non può garantire.
Ecco allora da dove cominciare per cercare un impiego in una città diversa dalla nostra:

1. Fai una scrematura

Tra le varie destinazioni, seleziona il luogo che più si adatta al tuo stile di vita: ad esempio, se sei abituata a ritmi lenti, distanze brevi e temperature miti, sappi che il tran tran di grandi città come Milano e Londra, le loro caratteristiche giornate uggiose ma anche i loro costi “impegnativi” potrebbero mettere a dura prova il tuo umore fin da subito. Assicurati, invece, di selezionare i posti che meglio rispecchiano sia le tue aspirazioni che la tua idea di benessere psico-fisico visto che con molta probabilità ci vivrai a lungo.

2. Fai una ricerca sulle opportunità concrete

Accertati di selezionare una città che abbia un basso livello di disoccupazione, perlomeno per quanto riguarda il tuo campo: non avrebbe infatti senso trasferirsi in un luogo che non offra più opportunità di quante non ce ne siano in quello che si sta per lasciare.

3. Non sottovalutare LinkedIn

LinkedIn ti permette infatti di seguire le aziende che maggiormente ti interessano mettendoti al corrente in tempo reale delle nuove offerte di lavoro. Apriti un profilo su LinkedIn, cura periodicamente il tuo curriculum online e seleziona con il tasto “follow” tutte quelle società da cui desideri avere aggiornamenti costanti.

I segnali che è ora di lasciare il nostro lavoro

4. Iscriviti ad un corso di lingue

Se il tuo obiettivo è l’estero allora cerca di non arrivare impreparata nella città di destinazione: va bene perfezionare la lingua sul posto ma trasferirsi in un luogo e non saper spiccicare una parola potrebbe solo metterti in difficoltà e rallentare ulteriormente la ricerca del primo impiego. Muoviti per tempo e, fino a un anno prima di partire, iscriviti ad un corso specifico di lingue. Ti aiuterà ad affrontare la nuova avventura con maggiore sicurezza e ti renderà subito “operativa” nel mondo del lavoro.

5. Studia la mappa della città

Com’è il trasporto pubblico? Efficiente, costoso, lento, esageratamente affollato? Quali sono le distanze tra i luoghi che maggiormente ci interessano? Come si svolge la vita in centro e in periferia? Dove si corrono i maggiori rischi? Quali sono le zone industriali e quali quelle prettamente residenziali? Conoscere le caratteristiche della città in cui stai per trasferirti ti aiuterà a orientarti sul quartiere in cui cercare casa, a capire quali saranno le principali spese che dovrai affrontare (abbonamento trasporti, affitto medio, costo della vita) e a prepararti alle sfide quotidiane (ad esempio, se mi trasferisco a Roma devo tener conto che trascorrerò buona parte del mio tempo libero in mezzo al traffico).

6. Prendi in considerazione il lavoro interinale per iniziare

D’accordo, non sempre le aziende che si affidano alle agenzie interinali lo fanno per trovare il candidato ideale a cui offrire un contratto d’oro a tempo indeterminato, ma nessuno ti vieta di tamponare con un lavoro temporaneo che ti permetta di mantenerti nella tua nuova città mentre invii i curricula alle società di tuo interesse. L’importante, infatti, è non perdere mai di vista i propri obiettivi, che sono la ragione principale per cui abbiamo deciso di cambiare radicalmente vita.

7. Metti in conto le delusioni

Spesso si parte per una nuova città cariche di buone speranze, ma bisogna anche mettere in conto che delusioni, sfide e paure faranno parte di tutto il pacchetto. Capiterà che ti sentirai sola, demotivata, stanca e persino arrabbiata, ma non per questo dovrai arrenderti alla prima difficoltà. Cerca di farti degli amici il prima possibile, stare in compagnia  infatti ti aiuterà a superare i momenti bui e a trovare un motivo in più per restare. Rimani focalizzata sui tuoi obiettivi, sul tuo futuro e su quello che desideri maggiormente fare nella vita, contribuirà a fomentarti giorno dopo giorno nonostante le avversità e la malinconia. Infine concediti qualche divertimento extra: la nuova città non dovrà essere collegata solo ai doveri ma anche ai mille piaceri che può riservarti.

gpt