1 5

Ufficio ideale: come lo vorremmo

/pictures/2016/06/15/ufficio-ideale-come-lo-vorremmo-1840979163[2347]x[978]780x325.jpeg
gpt
Spunti e riflessioni per fare del proprio ufficio un sogno che non vediamo l'ora di raggiungere

Il “lavoro dei sogni” non è soltanto una mansione o un ruolo; un lavoro è davvero da sogno quando anche l’ufficio dove lo svolgi è ideale, ti fa sentire a tuo agio, se ti guardi intorno ti senti bene, sei comoda, tutto è al posto giusto e funzionale. Insomma potrebbe tranquillamente diventare la tua seconda casa, e non vedi l'ora di andarci.

E allora, tolto “l’ufficio itinerante” di un travelblogger ad esempio, o la spiaggia di chi ha scelto un approccio in stile “giramondo”, ecco come dovrebbe essere l’ufficio ideale nell’immaginario collettivo femminile. E certo non possono mancare riferimenti a space office molto famosi come quelli, per esempio, di Google o Facebook nella Silicon Valley.

Ufficio ideale, i servizi

Quali sono i servizi che non devono mancare nell'ufficio ideale?

- bagni facilmente raggiungibili, sempre puliti, ben divisi fra maschi e femmine e infine completi imprescindibilmente di specchio, sapone e asciugamani elettrici

- nel nostro ufficio ideale deve esserci necessariamente una cucina, con tanto di elettrodomestici, che possa rappresentare il momento di relax ma anche il luogo dove preparare al volo qualcosa di sano o dove poter riscaldare o tenere in frigo il pasto preparato a casa. O la spesa, per ottimizzare i tempi del quotidiano multitasking.

- Una sala hobby e qualche poltrona relax non guasterebbero: le pause diventerebbero sicuramente gradite. Meglio ancora se qualche convenzione col centro benessere vicino potesse farci usufruire di massaggi o trattamenti estetici a prezzi convenienti. Potrete usare questa sala anche per alleviare il rientro dopo le ferie.

- Non sarebbe male avere una palestra interna, ovviamente ben attrezzata, per poter fare attività fisica prima di iniziare, nella pausa oppure subito dopo l’orario di lavoro. Ovviamente con doccia

- un bar per creare un punto di ritrovo con i colleghi più simpatici, che magari faccia anche l’apericena per il dopolavoro e per scrivere appunti sull'agenda

Ufficio ideale: l’arredamento

Semplice, riposante, funzionale, ma altamente personalizzabile. La customizzazione è probabilmente la qualità più importante nell’arredo di un ufficio ideale:

- intanto l’open space sicuramente permette di avere ampio respiro anche psicologicamente, ma sarebbe bello potersi chiudere ogni tanto in una cabina montabile a seconda delle esigenze. Perché a volte un po’ di isolamento e di privacy fanno bene al nostro lavoro e anche a noi stesse.

- La scrivania (bianca) ovviamente sarà ampia ed ergonomica, come la sedia; il pc sarà posizionato in modo da non stancare cervicale e spalle e soprattutto sarà collegato a un gruppo di continuità per non perdere il lavoro fatto ad ogni ipotetico blackout.

- Un punto luce specifico è fondamentale sul piano di lavoro

- Oltre allo spazio per il pc, la scrivania deve essere dotata di un piano di lavoro libero da fili e schermi, dove poter fare brainstorming, mettere a posto carte, sfogliare libri, faldoni, riviste e quant’altro, o costruire modellini o disegnare o studiare.

- La scrivania deve anche essere dotata di caricabatterie (meglio se wireless) per i dispositivi mobili, spesso usati proprio per lavorare (smartphone, tablet)

- Ogni postazione è completata da un lettore mp3 integrato, con tanto di cuffiette.

- Tutto intorno alla scrivania, scaffali e/o cassettiere dovranno essere modulabili, cioè assemblabili a seconda delle esigenze.

- Sempre in tema di customizzazione, un supporto magnetico sopra la scrivania, permette di attaccare calamite, lavagnette, promemoria di vario genere, fotografie e tutto ciò che può farti sentire a tuo agio.

- Se dietro la scrivania ci fossero un paio di poltroncine comode con un tavolino in mezzo sarebbe il top: per ricevere eventuali clienti/utenti e per rilassare i muscoli, magari pensando o discutendo di un progetto.

Ufficio ideale: la luce

Fondamentale in un ufficio, la luce del “lavoro dei sogni” deve essere un mix fra naturale e artificiale; i punti luce artificiali sulla scrivania, come detto, non possono mancare, ma in caso di ore piccole la sera anche l’illuminazione generale deve essere buona; meglio ancora se qualche striscia di led colorati illuminasse alcune zone, ad esempio sotto la scrivania, per dare al tutto un tocco lounge, quasi da dopolavoro, quasi da happy hour. Per la luce naturale di giorno sono naturalmente d’obbligo enormi vetrate. Possibilmente autopulenti. E il panorama mozzafiato non dovrebbe mai mancare.

Se l’ufficio ideale te lo devi creare da sola a casa, perchè sei una professionista freelance, allora non ti resta che seguire queste indicazioni e il tuo angolino dei sogni sarà completo! Per tutti gli altri casi… puoi sempre chiamare il genio della lampada!

gpt