1 5

Ornella Vanoni | Tutti i suoi uomini, marito e figlio | Sanremo 2019

/pictures/2018/02/09/bisogna-imparare-ad-amarsi-testo-e-video-della-canzone-di-ornella-vanoni-che-fa-un-bilancio-di-tutte-le-storie-d-amore-di-una-vita-sanremo-2018-3273888797[2065]x[860]780x325.jpeg Kika Press
Tutti gli uomini di Ornella Vanoni: il marito, il figlio e tanto altro sulla cantante che rivediamo ospite anche a Sanremo 2019

Ornella Vanoni a Sanremo 2019

Ornella Vanoni è tra gli ospiti della terza serata di Sanremo 2019. Ormai un mito vivente e simbolo della canzone italiana pop ma raffinata, Ornella Vanoni ha oggi 84 anni (è nata il 22 settembre del 1934), e  molto ha amato e molto ha vissuto. Andiamo allora a curiosare nel ricchissimo passato della sempre splendida Ornella Vanoni, a partire dai suoi numerosi amori tormentati.

Tutti gli amori tormentati di Ornella Vanoni

Sulla sua vita e sui suoi amori Ornella Vanoni ha raccontato a Giancarlo Dotto in "Una bellissima ragazza" per ​Mondadori, tantissimi aneddoti che ripercorrono il percorso artistico e personale, molto spesso intrecciati, di una grande signora della musica italiana
.

Ornella Vanoni e Giorgio Strehler

"Per andare da casa mia, a Porta Venezia, al Piccolo, io prendevo il tram, l'11. Strehler, che era timido anche lui, seguiva il tram con la sua orrenda millecento amaranto col tetto bianco. Sembrava una ciliegia con la panna. Mi aspettava e mi seguiva con la sua ciliegia. Non poteva essere un caso. Non era un caso. Mi seguiva, ma senza mai avvicinarmi. Scendevo dal tram e lui si era volatilizzato. Poi, finisce l'anno, supero l'esame e lui ci porta tutti a casa dell'architetto Marco Zanuso, tutti pigiati nella sua macchina. Al ritorno, l'ultima da accompagnare a casa ero io. Anche questo non poteva essere un caso. Non lo era. Mi dichiarò il suo amore".

Nel 1953 Ornella Vanoni a 19 anni si fidanzò con Giorgio Strehler, che ne aveva 32, ma ben presto si accorse che solo lei a lui non bastava, la tradiva con tante, troppe donne, lei lo sapeva, a volte si faceva persino coinvolgere in orge e sesso di gruppo, anche se Strehler non voleva che altri uomini la toccassero.

L'amore senza fine con Gino Paoli

La storia con Strehler finì per troppi eccessi ma nel 1960 Ornella finì come si suol dire 'dalla padella nella brace" incontrando Gino Paoli negli studi milanesi della Ricordi:
«Vedo passare questo tipo smilzo, lugubre, con gli occhiali da cieco. Sai, quando stai in mezzo a tanta gente e senti una presenza, la senti tra tanti, e non puoi fare a meno di sentirla? Si chiama magnetismo. Suonava il piano malissimo. Ma suonava Il cielo in una stanza». 
A lui dissero che la Vanoni era lesbica, a lei che Paoli era gay, ma quando sospassando le malelingue si rivelarono il loro amore diedero vita ad una storia tra le più appassionate della musica italiana che ha visto nascere capolavori come Senza fine. Paoli le confidò "di avere imparato l'amore da lei, la considerava una donna di mondo visto che veniva dagli eccessi e dal circolo di Strehler"
Gino Paoli però era sposato, la Vanoni ci stava malissimo, lui pure ma la storia non è mai stata vissuta alla luce del sole, c'erano sempre troppe persone a viverla, anche se per entrambi c'è voluto molto tempo per dimenticarsi e forse non ci sono mai riusciti del tutto.

Ornella Vanoni e il marito Lucio Ardenzi

Se Paoli era impegnato ad un certo punto si sposò anche lei, convolando a nozze con l’impresario teatrale Lucio Ardenzi:

«Ero ancora innamorata di Paoli. Il giorno delle nozze non mi sarei dovuta presentare, avrei dovuto dire la verità, sarebbe stato più leale».

Ardenzi è anche il padre del suo unico figlio, Cristiano, ma il matrimonio, comprensibilmente date le premesse, non durò. 

Si dice che il tentato suicidio di Gino Paoli fosse imputato al nuovo amore della Vanoni, lui il giorno del matrimonio le mandò addirittura un album di fotografie con alcune sue didascalie. In una foto si vedeva Paoli di spalle "Oggi sono infelice". In un'altra Lucio Ardenzi la teneva in braccio e lei rideva. La didascalia: "Questo è davvero troppo per me".
La Vanoni non resistette a queste pressioni e lasciò suo marito proprio mentre aspettava suo figlio per continuare a stare con Gino

Ornella Vanoni e Danilo Sabatini

La persona con cui è stata più a lungo fu Danilo Sabatini, un sensuale maremmano con il quale Ornella si è molto divertita ma dal quale è stata molte volte tradita. Come altri uomini della sua vita, la passione per le altre donne e per il sesso in generale, fu sempre più forte dell'amore per lei.

Ornella Vanoni e Hugo Pratt

"Hugo Pratt è stato un amore perduto. L'amore perduto. Volevo finire la mia vita raggomitolata al suo fianco, sentirlo parlare, raccontare, con il suo veneziano avvolgente, perché lui non era solo un uomo, lui era un mondo intero, era il mondo. Un irresistibile affabulatore"
Molte parole e pochi fatti nella storia con Hugo Pratt dato che i due non sono mai stati a letto insieme come ha raccontato Ornella Vanoni
"Non abbiamo mai fatto l'amore. Era la sua testa che m'interessava. Entrarci dentro e restarci a vita. Ci sentivamo quasi tutti i giorni, ma non abbiamo fatto in tempo a diventare amanti. Se gli fossi stata più vicino, forse un giorno sarebbe successo. Mi manca la controprova, ma continuo a pensare che al suo fianco e acquattata nella sua grande testa avrei passato degli anni sereni e belli"

 

gpt skin_mobile-notizie-0