gpt skin_web-notizie-0
gpt strip1_generica-notizie
gpt strip1_gpt-notizie-0
1 5

Come scegliere l'agenda per l'anno nuovo

Come scegliere l'agenda per l'anno nuovo, i consigli per trovare l'agenda perfetta che ti accompagnerà tutto l'anno: fra organizer, agende ad anelli e cartacee ecco quali sono le migliori

Come scegliere agenda per l'anno nuovo

Se sei come me, amante della tecnologia e delle soluzioni magicamente smart, ammiratrice di app per smartphone/tablet super efficienti come Google Calendar, ma in fondo al cuore ancora così tanto attaccata alla carta e al gesto del mettere nero su bianco con una penna ciò che dovrebbe accadere nella tua settimana lavorativa (e non), (come una sorta di assicurazione sul futuro, ma anche sulla tua memoria), allora ti serve inequivocabilmente un’agenda. Di quelle cartacee sì. Non necessariamente un diario tipo liceo, eh. Ma comunque una pagina bianca dove segnare appuntamenti, to do list, numeri di telefono, previsioni, doveri, ma anche previsti piaceri (magari con colori diversi, perchè no).

E a questo punto si aprono mille interrogativi, tutti ugualmente esistenziali: “Quale agenda scegliere? Come rispondere a tutte le mie esigenze? Che estetica dovrà avere? Come sarà più comoda?”.

Parto col dire che intanto sarebbe più logico ragionare ad anno lavorativo/scolastico/accademico. In fondo chi non è d’accordo nel dire che l’anno lavorativo inizia per tutti il primo settembre in realtà? A luglio-agosto tutto più o meno rimane in sospeso come in un limbo di parvente e beato relax. Ma dato che le agende si comprano (e si regalano) per tradizione prima dell’Avvento del Capodanno, ragioniamo sull’anno solare.

Le dimensioni dell’agenda

Questo è un punto fondamentale: sei una che ha tanti impegni? E che soprattutto deve scriversi tutto, ma proprio tutto a riguardo? Oppure pur avendo molti impegni, ti bastano due parole abbreviate per richiamare alla mente tutto ciò che ti serve? Sei più una da to do list per esteso oppure da appunto fast? E ancora: usi borse grandi? L’agenda la porti sempre con te non-si-sa-mai? Ti piacciono gli oggetti grandi? Oppure preferisci qualcosa di più piccolo e maneggevole per qualsiasi tipo di borsa o situazione? E ancora: nell’agenda sei solita tenere anche fogli, fogliettini, post-it e documenti e materiale vario che nulla ha a che vedere con ciò che ci devi scrivere?

Metti insieme tutte le risposte a queste domande e scegli: un’agenda formato maxi, dove sicuramente ti starà tutto, ma che dovrà fare i conti con le tue borse (che però a questo punto presumo saranno maxi come l’agenda); un’agenda media, dove mettere più o meno tutto ciò che ti serve, ma che può entrare anche nello zainetto, oltre che nelle grandi borse in tuo possesso; oppure un’agenda piccola, che possa entrare ovunque, anche nella pochette perchè non-si-sa-mai, perchè in fondo scrivi solo dei piccoli promemoria e le to do list coi dettagli le tieni nel cloud dell’account del tuo smartphone.

L’organizer

L’organizer è un ottimo compromesso fra qualcosa di vecchio e qualcosa di nuovo, come in un matrimonio. Una cover vecchia, se sei affezionata all’estetica di prima (ma in ogni caso nulla ti vieta di scegliere una cover nuova una volta ogni tanto!), e tante pagine nuove e bianche su cui scrivere nuovi e bianchi impegni. In questo caso basta acquistare quelle che si chiamano ricariche, della misura giusta e organizzate secondo le tue esigenze: una pagina per giorno se hai tanti impegni, una pagina a settimana se sei breve nel prendere i tuoi appunti, due pagine a settimana se preferisci una via di mezzo.

Assicurati che esistano spazi vuoti per segnare to do list di vario tipo, utilissime e assolutamente necessarie alla realizzazione dei tuoi progetti, ma anche per le incombenze quotidiane (fossero anche solo la lista della spesa).
I vantaggi di questa soluzione sono molteplici:

  • avere una rubrica cartacea che rimane sempre quella, senza doverla spostare
  • avere a disposizione tasche per documenti e carte varie in aggiunta all’agenda stessa
  • avere nella maggior parte dei casi una chiusura a bottone dell’agenda stessa
  • avere quasi sicuramente il passante per la penna, indispensabile per scrivere sull’agenda

L’agenda ad anelli

Può coincidere con l’organizer, ma non sempre. Il vantaggio di questo genere di agenda è che puoi aggiungere fogli utilizzando gli anelli e che per scriverci sopra non dovrai stare troppo scomoda, potendo girare le pagine con tutta la scioltezza del mondo, proprio per la sua struttura. Certo per godere di entrambi questi vantaggi, devi sceglierla di dimensioni adeguate, quindi non molto esigue, e con anelli abbastanza spaziosi.

L’agenda cartacea (semplice)

Qui si apre un mondo: constatato che non ti serve avere tasche in più, cover per forza vecchie a cui sei affezionata, anelli per aggiungere o togliere pezzi, puoi scegliere tutto ciò che rimane. Copertine flessibili, copertine rigide, fantasie e colori fra i più vari, formati di ogni genere, il tutto con laccetto segnalibro. E nulla ti vieta poi di aggiungerci in futuro una cover, se proprio volessi.

Qui il consiglio te lo dò io: scegli qualcosa che soddisfi non solo la tua vista e le tue esigenze pratiche, ma anche il tatto. Visto che puoi e devi cambiarla ogni anno, trova qualcosa che ti regali un brivido di piacere ogni volta che la peschi dalla borsa. Magari un brivido diverso ogni volta. Così segnare l’ennesimo impegno di lavoro potrebbe diventare più un piacere che un dovere.

gpt native-bottom-foglia-notizie
gpt inread-notizie-0
gpt skin_mobile-notizie-0