1 5

Fiction: il successo di Atelier Fontana

Boom di ascolti per "Atelier Fontana", la fiction in due puntate trasmessa da Raiuno e che racconta la storia delle tre sorelle Fontana

Questo sembra essere un periodo particolarmente fortunato per le ficton e le serie televisive; dopo il prevedibile successo di "Come un delfino" con Raoul Bova di cui abbiamo parlato in questo articolo è il turno di "Atelier Fontana", trasmessa da Raiuno e che ha sbaragliato la concorrenza del Grande Fratello. La fiction ha raccontato la storia di tre sorelle: Zoe (interpretata da Anna Valle), Micol (Alessandra Mastronardi) e Giovanna Fontana (Federica de Cola) figlie di una famiglia di sarti che sono riuscite a coronare il sogno di avere un atelieur di moda, creando la casa di moda Sorelle Fontana Alta Moda.

Queste le belle parole del regista Riccardo Milani dal sito Rai:

"C’erano una volta, in un piccolo paese della provincia di Parma chiamato Traversetolo, tre ragazze che volevano fare la moda…” E’ vero. Per raccontare la storia delle Sorelle Fontana si potrebbe cominciare come iniziano le favole, tanto la loro storia ha la dimensione della favola a lieto fine. Poi ho avuto la fortuna e l’onore di conoscere Micol Fontana, di sentirla parlare, di sentirla raccontare. E allora la favola si è trasformata in vita vera, in una storia vera.

Una storia che fa scattare un senso di ammirazione profondo per tre ragazze che negli anni Trenta partono da sole, da un piccolo centro di provincia, e conquistano il mondo. Rendendomi conto, realizzando ancora una volta che le favole che nella vita di tanto in tanto diventano realtà, lo diventano per elementi concreti: il realismo, lo spirito di sacrificio e l’umiltà di chi le vive. Micol Fontana lo ripete continuamente: lavoro, sacrificio, umiltà, coraggio, talento. Il loro successo è legato solo e unicamente a questo. All’amore e alla dedizione totale per il lavoro.

Ad un etica del lavoro da prendere a modello per le giovani generazioni delle nostre donne. Le sorelle Fontana non dimenticano mai le loro origini, l’umiltà nell’affrontare gli eventi. Per questo, quella delle sorelle Fontana è una vicenda che può essere presa come esempio. Perché la loro, oltre ad essere una storia che attraversa quarant’anni della vita del nostro Paese, è una grande storia italiana, la storia delle donne italiane che si sono affermate nonostante epoca, storia, pensiero comune ed educazione andassero, e tutto sommato vadano ancora, costantemente contro di loro. Donne italiane di cui essere fieri. Ringrazio Rai Fiction, la Lux, le attrici, gli attori, tutti i collaboratori che mi hanno permesso di raccontare questa vicenda e di conoscere una di quelle persone, Micol Fontana, che rappresenta un pezzo di storia del mio Paese"


E proprio le sorelle Fontana sono riuscite a rendere grande il nome dell'Italia nel mondo. Luca Bernabei, che con Matilde Bernabei e la Lux Vide ha prodotto la fiction ha detto:

"Questa storia così autentica che è stata paragonata a una favola è anche un segnale per i giovani d'oggi così spaventati davanti al futuro. Le sorelle Fontana sono partite dalla provincia e proprio perchè lo hanno fortemente voluto sono riuscite a realizzare i propri obiettivi fino a rappresentare lo stile italiano nel mondo"

Moltissimi i nomi celebri che hanno indossato gli abiti Fontana come ad esempio l'attrice americana Linda Christian per l'abito da sposa in occasione del matrimonio con Tyrone Power, Liz Taylor, Audrey Hepburn, Grace Kelly, Jacqueline Kennedy Onassis, Joan Collins.

Zoe e Giovanna Fontana sono scomparse rispettivamente nel 1978 e nel 2004 mentre Micol che di anni ne ha 97 ha partecipato al lancio della fiction e si è detta dispiaciuta per l'assenza di Zoe e Giovanna.


 

gpt skin_mobile-notizie-0