1 5

Novena di Natale 2019: la preghiera tradizionale per bambini e adulti

/pictures/2016/11/22/la-novena-di-natale-3525903009[2929]x[1221]780x325.jpeg Shutterstock
La Novena di Natale è una preghiera che si inizia a recitare verso la metà di dicembre fino all'arrivo della Vigilia, scopriamo cos'è e come si recita

Novena di Natale

Con l’arrivo del Natale per chi è credente e praticante, si avvicina anche il momento della Novena. Questa ricorrenza inizia il 16 di dicembre e si conclude il 24, il giorno della Vigilia di Natale. Chi segue la Novena di Natale generalmente completa il suo percorso recandosi alla messa di Natale.

Cos’è la Novena di Natale

La Novena è una forma di preghiera tradizionale cattolica, chi la pratica recita una serie di orazioni per nove giorni con uno scopo, oppure per una particolare richiesta, nel comune pensiero di lodare Dio. I primi a praticare questa sorta di rito cristiano cattolico sono stati i discepoli di Gesù, che hanno dato il via per trasmettere la tradizione ai primi cristiani affinchè si protraesse nel tempo.

10 cose da fare per organizzare il Natale e sopravvivere comunque

Durante questo periodo ci si rivolge in preghiera per invocare la venuta di Gesù: esistono diversi tipi di Novena e quella di Natale in particolare, è accompagnata da tradizionali musiche con canti di Natale eseguiti da zampognari, oppure è una preghiera che si può fare davanti al presepe di casa.

Come ritrovare la magica atmosfera di Natale

Novena di Natale tradizionale

Prima di recitare una Novena è importante stabilire lo scopo per cui decidiamo di dedicarci alla preghiera: questo può semplicemente essere l’espressione di una grande gioia, oppure dolore che ci ha portati a desiderare di pregare o ancora, chiedere indicazioni perché siamo ad un importante bivio nella nostra vita e vogliamo essere guidati da qualcuno più grande di noi. La cosa importante è non perdere mai di vista lo scopo per cui abbiamo deciso di intraprendere questa scelta.

La struttura della Novena di Natale?

Anche se può avere diverse forme, questa forma di preghiera non liturgica che precede la festa di Natale comprende sempre un canto, dedicato alle profezie riguardanti la venuta di Gesù, oltre a un’invocazione al Messia. Questo, per prepararci interiormente alla celebrazione del Natale, con lo scopo di vivere in modo intenso e profondo questa occasione tanto solenne. Particolare attenzione merita il percorso delle letture ed i testi della Liturgia delle Ore.

Per le letture si leggono eventi che hanno preceduto il Natale, scritti nel Vangelo, con celebrazione dei Vespri come struttura portante. La celebrazione della Novena di Natale inoltre, viene introdotta dal rito lucernario in cui ogni giorno varia l’ultima strofa.

Novena di Natale in latino

Negli anni ‘40 del ‘900 ancora la funzione della Novena si celebrava in lingua latina. Dal 1962-65 il latino è stato bandito da tutte le funzioni religiose, lasciando la lingua nazionale come strumento di trasmissione della liturgia. A guadagno della comprensione ma a scapito del fascino del suono che questa lingua produceva, oggi si è quasi persa ogni traccia di questa forma di espressione. Ecco allora qualche stralcio dei salmi in latino con seguito la traduzione in italiano.

Certo, la Novena espressa in latino, insieme al clima natalizio e alle chiese affollate, avevano un fascino particolare e sapevano creare un’atmosfera che oggi, ahimè, non si vive più. La funzione latina si apriva con un canto in latino: di seguito la prima strofa in latino, poi tradotta.

Regem venturum Dominum, venite adoremus
Iucundare filia Sion, et exulta satis filia Ierusalem,
ecce Dominus veniet, et erit in die illa lux magna
et stillabunt montes dulcedinem
et colles fluent lac et mel, quia veniet Propheta magnus et Ipse renovabit Ierusalem.
Regem venturum Dominum, venite adoremus. […]

Traduzione della Novena di Natale:

Venite, adoriamo il Re Signore che sta per venire.
Godi figlia di Sion, esulta figlia di Gerusalemme, ecco il Signore verrà
ed in quel giorno vi sarà gran luce; i monti stilleranno dolcezza e dai colli scorreranno latte e miele, perché verrà un gran profeta ed Egli rinnoverà Gerusalemme.
Venite, adoriamo il Re Signore che sta per venire. […]

Seconda parte del canto in latino:

Laetentur coeli et exultet terra

Traduzione della Novena di Natale:

Gioiscano i cieli ed esulti la terra
Il rito era di lunga durata, era in genere cantato dai fedeli e dalla folla, con testi per lo più incomprensibili alla massa ma molto di effetto. Le musiche, solenni e gradevoli, erano facili da seguire, tanto da divenire simili a canti popolari.

Terminato poi l’inno, in latino si intonava un altro canto, come questo:

En clara vox redarguit

Traduzione della Novena di Natale:

Una voce chiara ridesta

Novena di Natale cantata

Infine poi, per concludere, si eseguiva il canto dell’antifona seguito da un Magnificat, dalla musica solenne e austera con lo scopo di suscitare rispetto e devozione. Seguiva poi un canto finale del sacerdote con risposte dei fedeli, in piedi e rispettosi. Non è proprio una canzone di Natale, ma piuttosto una preghiera cantata e musicale.

  • Sacerdote: “Dominus vobiscum”
  • Tradotto: “Il Signore sia con voi”.
  • Fedeli: “Et cum Spiritu tuo”
  • Traduzione: “E col tuo spirito”.

Sacerdote: “Festina quesumus, Domine, ne tardaveris, et auxilium nobis supernae virtutis impende ut adventus tui consolationibus subleventur qui in tua pietate confidunt.
Quis vivis et regnas cum Deo Patre in unitate Spiritus Sancti, Deus, per omnia saecula saeculorum.”

Traduzione: “Affrettati o Signore, non tardare, e impiega per noi l'aiuto della tua grazia celeste, affinché quelli che confidano nella tua pietà vengano sollevati dalle consolazioni della tua venuta. Tu che sei Dio e vivi e regni con Dio Padre nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.”
Fedeli: “Amen”.

In seguito alla celebrazione poi seguiva la benedizione: dopo, prima di lasciare la chiesa i fedeli composti e in processione, intonavano canti natalizi.

Preghiere per le famiglie

Ecco qualche preghiera da recitare in famiglia prima il pasto di Natale, per riflettere e ringraziare il signore di questo giorno.

Astro del ciel
Astro del ciel, pargol divin,
mite agnello redentor.
Tu che i vati da lungi sognar,
tu che angeliche voci nunziar,
luce dona alle menti, pace infondi nei cuor,
luce dona alle menti, pace infondi nei cuor.

Scendi dal ciel, nel mistico vel,
di silenzio e di mister.
Santa notte sublime d'amor
c'è chi veglia con l'ansia nel cuor,
tra Giuseppe e Maria dorme il bambino Gesù,
tra Giuseppe e Maria dorme il bambino Gesù

Stille Nacht, canto natalizio di origine austriaca

Vieni Bambino Gesù
Vieni Bambino Gesù,
vieni nella famiglie,
vieni nei nostri cuori,
vieni a proteggere la vita nascente,
vieni nei cuori dei bambini.
Con la tua nascita,
Gesù Bambino,
hai rinnovato la famiglia:
oggi ogni bimbo, ogni mamma e papà
vengono a te con fede e con amore
e ti riconoscono Re e Salvatore

Preghiera in famiglia il giorno di Natale

Il papà - "Signore Gesù noi ti vediamo bambino e crediamo che tu sei il Figlio di Dio e il nostro salvatore. Con Maria, con gli angeli e con i pastori noi ti adoriamo. Ti sei fatto povero per farci ricchi con la tua povertà: concedi a noi di non dimenticarci mai dei poveri e tutti coloro che soffrono."

La mamma - "Proteggi la nostra famiglia, benedici i nostri piccoli doni che abbiamo offerto e ricevuto, imitando il tuo amore che rende più felice la vita. Dona un buon Natale a tutti, o Gesù, perché tutti si accorgano che tu oggi sei venuto a portare al mondo la gioia. Amen". (da: Cei, La famiglia in preghiera, sussidio per pregare).

5 cose da sapere sulla Novena di Natale

 
/var/www/orion-templates/pianetadonna/advblocks/adv-block-blocco-seo-pd-natale.html.php
gpt skin_mobile-cucina-0-0