1 5

Tristezza e invidia? Perché seguire alcune persone su Facebook può far male

Tristezza e invidia? Perché seguire alcune persone su Facebook può far male. I social network sono nati per farci divertire, ma uno studio dimostra che l'effetto ottenuto è il contrario

Tristezza e invidia? Perché seguire alcune persone su Facebook può far male 

Uno studio condotto dalla Humboldt di Berlino e dall'Università di Darmstadt ha dimostrato che Facebook non giova certo al nostro umore. Su un campione di 600 utenti Facebook i ricercatori hanno rilevato che più di un terzo di essi si sente piuttosto male quando naviga sul social network. Come mai questo effetto così negativo sul nostro modo di sentirci?

Secondo lo studio, Facebook ci mette di fronte ai successi degli altri che, riassunti in poche foto o poche righe, sembrano assolutamente schiaccianti rispetto ai nostri. Il risultato è che dopo aver trascorso qualche minuto a navigare sul sito ci sentiamo poco soddisfatti della nostra vita e tendiamo a deprimerci. A subire in maniera particolare questo effetto Facebook sono gli utenti passivi.

10 cose che una donna non dovrebbe mai postare su Facebook

Costoro trascorrono parte del loro tempo navigando sui profili degli amici, esaminando gli status, le foto e così via e sviluppando un senso di frustrazione rispetto al successo altrui, o a quello che ci sembra tale. In particolare le donne sui 30 anni provano invidia e un senso di depressione se messe di fronte ad annunci di matrimonio o di gravidanze di coetanee.

Cosa fare se il Natale ti deprime?

Ma c'è anche chi vive Facebook come una vera e propria competizione e controlla quanti like ha ricevuto un suo commento o quante persone gli hanno fatto gli auguri il giorno del compleanno. C'è chi arriva al punto sentendosi frustrato di postare status o comunque contenuti che lo facciano apparire sotto una luce migliore, come se dovesse autopromuoversi.
Possibile che ciò che dovrebbe tenerci in connessione con gli altri e farci condividere contenuti e successi sia invece l'arma stessa del nostro dispiacere?

gpt skin_mobile-notizie-0