1 5

Lo stile di Theresa May e quell'attitudine al potere che parte dalle scarpe

/pictures/2016/07/13/lo-stile-di-theresa-may-e-quell-attitudine-al-potere-che-parte-dalle-sue-scarpe-366869502[3864]x[1615]1200x500.jpeg Getty Images
Scopri chi è il nuovo primo Ministro inglese che prende il posto di Cameron, possiamo dirvi tra le varie cose che ha uno stile decisamente particolare

Theresa May il nuovo Premier britannico

Potremmo iniziare questo articolo dicendo che Theresa May è il nuovo Primo Ministro britannico, succedendo a Cameron ed è una donna, ben 26 anni dopo Margaret Thatcher; potremmo dire che l'essere donna non dovrebbe essere una condizione da specificare ma whatever come dicono appunto gli inglesi, è una specifica che ancora non entra nell'immaginario collettivo come ordinaria: questa prima Ministra ha dal lato suo una storia ed uno stile che non possono non attirare la nostra attenzione.

Melania e Ivanka dal Papa con veletta e abito nero

Theresa May sulla cover di Vogue America

Lo stile degli uomini al potere

Abbiamo parlato dello stile normcore legato spesso agli uomini di successo, parliamo di uomini appunto, Steve Jobs, Bill Gates, Sergio Marchionne per citarne alcuni, come la necessità di indossare capi semplici, a mo' di divisa, che citano pochi brand, quasi sempre gli stessi. Una caratteristica tipica dell'universo maschile quella di affezionarsi ad un capo ed aver diverse decine nell'armadio dello stesso colore, anche il Premier Renzi, indossa sempre un abito blu firmato Ermanno Scervino. Gli uomini nell'abbigliamento scelgono la comfort zone, perché vogliono sentirsi tranquilli e a loro agio nei panni di leader.

Chi è Brigitte Macron, curiosità sulla nuova Premiere Dame francese

Lo stile delle donne al potere

Per le donne è diverso. E proprio in terra inglese ce lo insegnò Margaret Thatcher, la Lady di Ferro aveva uno stile inconfondibile, preciso ai limiti dell'ossessione, mai un capello fuoriposto, impeccabile nella sua immagine pubblica, quanto nella sua resa sul lavoro. Ma, c'è un ma. La Thacher non rinunciava mai a dettagli iperfemminili nel suo look: orecchini di perle, fiocchetti, spille, collane, il suo modo di vestire era un segno del suo potere e, soprattutto, del desiderio di reale emancipazione delle donne anche nella vita politica e nei ruoli "alti". Non ha mai cercato di irrigidirsi in completi maschili, rinunciando alla sua natura di donna per sentirsi presa maggiormente in considerazione, rinunciando quindi alla sua vera essenza: mostrarsi per quello che era e per questo avere lo stesso credibilità, era un segno inequivocabile di potere, vero e senza nessun tipo di inflessione sessista. E lo è anche per Theresa May, basta scorrere una gallery di suoi scatti per comprendere quanto il suo stile personale sia una chiara rappresentazione della sua attitudine al potere, alla capacità di non lasciarsi sopraffare dagli altrui commenti.

Le scarpe di Theresa May

Basta sfogliare Google per scoprire quanto, i più importanti giornali e siti inglesi, abbiano dato tantissima attenzione - ad esempio - alle scarpe che indossa la neo premier inglese. Particolarissime, colorate, sempre diverse, a tratti anche infantili, considerando i suoi quasi sessant'anni. Ballerine con bocche laccate di rossetto rosso e fiocchetti, ma anche stampe animalier. Alcuni articoli parlano appunto di quanto ci sia stata più attenzione da parte dei media verso le scarpe di Theresa May che rispetto ai suoi 30 anni di carriera politica, altri invece, andando oltre la classica condanna di sessismo verso certe attenzioni, sottolineano invece il lato semiotico del testo "scarpa" all'interno del significato-abbigliamento della May, definendolo come una affermazione della sua capacità di leadership. E pensiamo proprio che sia così.

gpt skin_mobile-notizie-0