1 5

Antonello Venditti a Sanremo festeggia i 40 anni di 'Sotto il segno dei pesci'

/pictures/2019/02/01/antonello-venditti-a-sanremo-festeggia-i-40-anni-di-sotto-il-segno-dei-pesci-838419761[951]x[396]780x325.jpeg Getty Images
gpt native-top-foglia-notizie
Antonello Venditti sarà tra i super ospiti del 69esimo Festival di Sanremo e festeggerà sul palco del teatro Ariston il 40esimo anniversario di uno dei suoi brani più famosi: Sotto il segno dei pesci

Antonello Venditti

Antonello Venditti è uno dei cantautori più amati del panorama musicale italiano. Appartenente alla cosiddetta ‘Scuola romana’, con le sue canzoni ha appassionato intere generazioni e quest’anno sarà tra i super ospiti della 69esima edizione del Festival di Sanremo, per festeggiare i 40 anni di uno dei suoi album più famosi: 'Sotto il segno dei pesci'.

Cantanti Sanremo 2019: chi sono i Big, le nuove proposte e i duetti

Ma in attesa di vederlo alla kermesse canora in partenza il prossimo 5 febbraio, ripercorriamo la sua carriera, facendo anche un salto nella vita privata del cantautore romano. Venditti è nella scaletta della terza serata di Sanremo 2019.

Età, biografia e curiosità

Antonello Venditti – all’anagrafe Antonio Venditti – è nato a Roma, nel quartiere Trieste, l’8 marzo 1949 (il prossimo marzo, dunque, compirà 70 anni). E’ figlio unico, nato da una famiglia medio borghese: il padre Vincenzino Italo, di origini molisane, funzionario dello Stato, poi viceprefetto di Roma e la madre, romana, Wanda Sicardi, professoressa al liceo di latino e greco.

Il suo avvicinamento alla musica è avvenuto quando Venditti era ancora un bambino. Alle elementari iniziò a studiare pianoforte, a 14 anni iniziò a buttare giù i suoi primi testi: Sora Rosa, Lontana è Milano e Roma Capoccia. Iscritto, nel frattempo, al liceo Giulio Cesare di Roma, dedicò un brano anche alla sua scuola. Prima di intraprendere la carriera da cantautore, comunque, Antonio Venditti ha scelto di laurearsi in Giurisprudenza nel 1973 e di conseguire una laurea specialistica in Filosofia del diritto.

A lanciare Antonello Venditti nel panorama musicale, fu la sua esperienza nel celebre locale romano Folkstudio. Qui, giovani autori si incontravano ogni sera per suonare e cantare e, proprio questo fu il luogo in cui il cantautore incontrò Giorgio Lo Cascio, Francesco De Gregori.

Antonello fece la sua comparsa un pomeriggio con un montgomery… aveva in mano un pezzo di carta con il testo di una canzone che aveva scritto: era 'Sora Rosa', e a noi piacque molto. Antonello suonava il piano in un modo che non avevamo mai sentito, ed aveva una voce veramente eccezionale. (Giorgio Lo Cascio, fonte Wikipedia).

Proprio negli ambienti di Folkstudio, Antonello Venditti partorì Notte prima degli esami, testo amato anche dalle nuove generazioni. Da allora la sua carriera non si è più arrestata, tanto che il cantante vanta, ad oggi, oltre 30milioni di dischi venduti.

La vita privata: moglie e figli

Gli anni ’70, per Venditti, sono stati determinanti non solo da un punto di vista professionale: nel 1975, infatti, il cantautore sposò l’attrice e doppiatrice Simona Izzo, dal cui matrimonio nacque Francesco Saverio (27 agosto 1976). Solo due anni dopo la nascita del loro primo e unico figlio, però, Venditti e Izzo si separarono. Tra padre e figlio è sempre rimasto un bellissimo rapporto e Francesco Saverio ha reso nonno il cantautore romano ben 4 volte, di Alice, Tommaso, Leonardo e Mia.

Dopo il matrimonio finito con Simona Izzo, Antonello Venditti ha avuto un’altra importante relazione con la conduttrice Monica Leofreddi (tenuta lontana dai riflettori) durata ben 9 anni.

Le canzoni più famose

Antonello Venditti ci ha regalato numerosi testi indimenticabili. Un poeta, una voce vibrante inconfondibile, una maestria con il pianoforte che hanno avuto come risposta del pubblico un amore incondizionato. Dai tempi di Folkstudio ad oggi, il cantautore della ‘Scuola romana’ ne ha fatta di storia della musica. Ripercorriamo la sua carriera musicale attraverso alcuni dei suoi testi più belli.

Alta Marea

Alta Marea è un brano di Antonello Venditti del 1991, inserito nell’album ‘Benvenuti in paradiso’ (uno degli album più venduti del cantautore in tutta la sua carriera). Il brano è, in realtà, la cover di ‘Don’t dream it’s', canzone della band australiana Crowded House del 1986. Venditti riscrisse il testo in italiano, lasciando la musica originale, ottenendo un successo clamoroso. Nel videoclip lanciato in tv e diretto da Stefano Salvati, c’era una giovanissima Angelina Jolie di appena 16 anni, mentre tra i musicisti che hanno collaborato al brano, figuravano Carlo Verdone (alla batteria) e Demo Morselli (alla tromba e al flicorno).

Lo so, lo sai
La mente vola
Fuori dal tempo
E si ritrova sola
Senza più corpo
Nè prigioniera
Nasce l’aurora

Notte Prima degli esami

E’ questa la canzone che, dal 1984, tutte le generazioni di maturandi cantano la notte prima degli esami di maturità. Un brano senza tempo – è proprio il caso di dirlo – che Venditti apre parlando di 4 ragazzi (sono lui, Ernesto Bassignano, Giorgio Lo Cascio e Francesco De Gregori), grandi sognatori, che ‘la vita non li spezza’ e continua parlando di Claudia, incontrata la notte prima degli esami. Una canzone che ha ispirato anche il film del 2006 di Fausto Brizzi, ‘Notte prima degli esami’, con Nicola Vaporidis e Giorgio Faletti.

Notte prima degli esami, notte di polizia, certo qualcuno te lo sei portato via,
notte di mamme e di papà col biberon in mano,
notte di nonne alla finestra, ma questa notte è ancora nostra,
notte di giovani attori di pizze fredde e di calzoni,
notte di sogni di coppe e di campioni,
notte di lacrime e preghiere, la matematica non sarà mai il mio mestiere,
e gli aerei volano alto tra New York e Mosca, ma questa notte è ancora nostra,
Claudia non tremare, non ti posso far male, se l’amore è amore.

Amici mai

Amici mai uscì nel 1991, sempre all’interno dell’album ‘Benvenuti in paradiso’, proprio come ‘Alta marea’. Il testo parla di un uomo che non ce la fa a lasciare andare la sua donna e che non riesce ad essere suo amico, perché l’amore c’è ancora.

Ma amici mai
Per chi si cerca come noi
Non è possibile
Odiarsi mai
Per chi si ama come noi
Basta sorridere

Grazie Roma

Scritta nel 1983, Grazie Roma è un inno alla romanità e non alla Roma, come ha più volte sottolineato Antonello Venditti, anche se poi è divenuta la canzone simbolo della squadra giallorossa e di tutti i suoi tifoni. Un inno di amore alla sua città, che arrivò dopo Roma Capoccia e dopo Roma Roma. Un brano potente, passionale, in cui Venditti ha sprigionato una capacità carismatica incredibile.

Dimmi cos'è che ci fa sentire amici anche se non ci conosciamo
dimmi cos'è che ci fa sentire uniti anche se siamo lontani
dimmi cos'è cos'è che batte forte forte forte in fondo al cuore
che ci toglie il respiro e ci parla d'amore

Ricordati di me

Brano del 1988 in cui Antonello Venditti parla di un uomo che ripensa alla donna amata, con cui è finita. Una canzone romantica, struggente, bella, emozionante e probabilmente autobiografica. Potrebbe essere stata dedicata da Venditti all’ex moglie Simona Izzo.

Sarà quel che sarà, questa vita è solo un'autostrada
Che mi porterà alla fine di questa giornata
E sono niente senza amore, sei tu il rimpianto e il mio dolore
Che come il tempo mi consuma

Sotto il segno dei pesci compie 40 anni

Antonello Venditti sarà uno dei super ospiti del 69esimo Festival di Sanremo. Il cantante calcherà il palco dell’Ariston, dopo anni di assenza (l’ultima apparizione risale al 2000, sempre come ospite), per festeggiare i 40 anni di un altro suo celebre brano: ‘Sotto il segno dei pesci’. Dopo l’album speciale “Sotto il segno dei pesci – 40° anniversario”, uscito lo scorso settembre e un tour di concerti celebrativi, Antonello Venditti corona questo anno di festeggiamenti proprio accanto a Claudio Baglioni a Sanremo 2019.

Di seguito alcuni dei versi più belli di Sotto il segno dei pesci:

Mi chiedevi che ti manca, una casa tu ce l'hai
Hai una donna, una famiglia, che ti tira fuori dai guai
Ma tutto quello che voglio, pensavo, è solamente amore
Ed unità per noi, che meritiamo un'altra vita
Più giusta e libera se vuoi
Nata sotto il segno, nata sotto il segno dei pesci

E Marina se n'è andata, oggi insegna in una scuola
Vive male e insoddisfatta, e capisce perché è sola
Ma tutto quel che cerca e che vuole è solamente amore
Ed unità per noi, che meritiamo un'altra vita
Violenta e tenera se vuoi
Nata sotto il segno, nata sotto il segno dei pesci

gpt skin_mobile-notizie-0