1 5

Ballo Ballo, di cosa parla e perché vedere il film sulle canzoni di Raffaella Carrà su Amazon Prime

/pictures/2021/01/26/ballo-ballo-di-cosa-parla-e-perche-vedere-il-film-sulle-canzoni-di-raffaella-carra-su-amazon-prime-1715204254[2646]x[1104]780x325.jpeg Getty Images
I grandi successi di Raffaella Carrà hanno ispirato una commedia musicale: "Ballo Ballo" racconta la Spagna degli anni '70 in un tripudio di colori e allegria.

Si intitola Ballo Ballo ed è dedicato alla grande Raffaella Carrà: si tratta di una commedia musicale basata sulle più belle canzoni della showgirl, diventata ormai un'icona mondiale, diretta da Nacho Álvarez e disponibile su Amazon Prime dal 25 gennaio 2021.

Ballo Ballo, la trama

Il film Ballo Ballo è ambientato in Spagna durante gli anni Settanta, periodo storico molto difficile per costumi e cultura, spesso attaccati dalla censura del regime franchista.

Maria (Ingrid García-Jonsson) è una ragazza spagnola che sta per sposarsi a Roma con il fidanzato Massimiliano (Giuseppe Maggio). Con l'intenzione di voler cambiare la sua vita, lo molla all'altare e decide di tornare nella sua terra natìa. Arrivata a Madrid, la giovane incontra Amparo (Verónica Echegui), uno spirito libero che lavora all'aeroporto: Maria va a vivere insieme a lei e decide di cominciare a lavorare come hostess di terra.

Per riconsegnare una valigia a uno dei passeggeri, Pablo (Fernando Guallar) si ritrova agli studi televisivi della RTVE. Maria così, trovatasi nel posto giusto al momento giusto, viene notata dal coreografo del suo programma televisivo preferito Le Sere di Rosa, venendo così reclutata come ballerina. Riesce a coronare uno dei suoi sogni, quello di ballare, ma ci sono ancora degli ostacoli nel suo cammino.

Incontra di nuovo Pablo e se ne innamorano perdutamente, ma lui è il figlio del censore della rete televisiva, Celedonio (Pedro Casablanc), un uomo anziano, franchista e contrario a qualsiasi cambiamento. Maria è in disaccordo con la politica della censura e teme che Pablo segua le orme del padre.

Tra un passo di danza e i grandi successi della Carrà la giovane affronterà temi importanti, come appunto la censura e le molestie sul lavoro, raccontando la realtà spagnola degli anni '70 con leggerezza e allegria, in un tripudio di colori e musica.

Ballo Ballo, la celebrazione della leggerezza

I grandi successi di Raffaella Carrà fanno da colonna sonora alla storia di Maria: da Adiós Amigo al celebre Tuca Tuca, passando per Come è bello far l'amore, Rumore, Fiesta e ovviamente Ballo Ballo, che dà il titolo al film su Amazon Prime.

I brani cult di Raffaella Carrà, cantati in spagnolo nella versione originale, ci ricordano quanto la showgirl abbia rappresentato un vero e proprio simbolo di emancipazione femminile, e quanto continui ancora ad esserlo. Piccolo spoiler per i fan della Carrà: durante la canzone finale appare nelle vesti di una passante, in un bellissimo abito rosso.

gpt skin_mobile-notizie-0